LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - L' urbanistica e le chiacchiere
La Repubblica 17-10-10, pagina 1 sezione NAPOLI



L' URBANISTICA tema da campagna elettorale. Attraverso retorica e singole ricette di tanti, si possono prefigurare visioni inedite della citt, nuove regole, qualche fandonia. uttavia, almeno che non si voglia aderire a quelle che erano le tesi dei disurbanisti russi, secondo i quali le citt non sono pi migliorabili ed nel territorio residuo ancora libero che bisogna tentare nuovi modelli urbani e di abitabilit, il tema del governo urbanistico e di nuove forme di intervento sulla citt oramai un argomento che non pu essere eluso. E siccome il perno principale delle politiche urbanistiche a Napoli il piano regolatore, da questo che bisogna partire, da quello che ha prodotto e da come l' ha prodotto, convergendo sul fatto che oramai inevitabile inserire di nuovo nei programmi della politica un tema assente da almeno due campagne elettorali: la necessit di elaborare a Napoli un nuovo piano urbanistico comunale secondo le modalit innovative introdotte dalla nuova legge urbanistica regionale. Una necessit determinata non tanto dal difetto di funzionamento di alcune parti del vigente Prg, che non ha trasformato la citt in Barcellona, ma ha di sicuro fornito norme e forme di intervento sul costruito e vincoli affidabili di tutela del verde residuo, quanto soprattutto dal fatto che quasi tutti gli strumenti di intervento alternativi si sono rivelati pericolosamente fallimentari, producendo progetti errati, errori di spesa pubblica, speranze disattese per i cittadini e incertezze per il sistema-impresa. Senza voler andare troppoa ritroso, almeno dai tempi del Regno del Possibile che le azioni pensate al di fuori di una griglia di regole chiare come quelle di un piano, restano sistematicamente sulla carta, assieme agli annunci, alle presentazioni, persino a qualche fasulla inaugurazione. A partire, ad esempio, dal 2000, uno dei primi "programmi" che doveva rafforzare Napoli come citt a dimensione internazionale, mediterranea ed europea, attraverso la riconquista e la valorizzazione del rapporto citt/mare - centro/periferia, per citare la prosopopea dei famigerati consulenti regionali, stato il Pit (Progetto Integrato Territoriale) "Citt di Napoli", che prevedeva un impegno di spesa di 167 milioni. Di quel Pit l' unica cosa rimasta una pagina non pi aggiornata sul sito della Regione. Qualche anno pi tardi si pens di far esplodere la troppo rigida griglia di regole del piano per l' area di Bagnoli, proponendo una variante appositamente confezionata per la Coppa America: un' operazione da pi di 200 milioni, del cui fallimento resta l' incoerenza urbanistica delle proposte e le parcelle ai consulenti e ai dirigenti debitamente pagate. Tra il 2005 e il 2007 a Napoli si comincia a chiacchierare di Piano Strategico. La genericit dell' espressione, dentro la quale poteva starci di tutto, consigli all' assessore delegato Oddati di mettere in piedi una poderosa macchina di forum, di slogan, di commissioni, di sottocommissioni e di progetti vacui perch non sostenuti n da piani finanziari n da un interesse concreto dei solitamente diffidenti imprenditori. Nonostante l' impegno dei pur bravi coordinatori, si ritenne opportuno spegnere lentamente la solennit e la strategicit del piano, e di passare ad altre "priorit". L' ultimo tentativo del Comune di Napoli di giocare la carta della grande trasformazione e riqualificazione attraverso un programma e una congrua promessa di danaro, stato il cosiddetto "Grande programma per il centro storico di Napoli". Centinaia di progetti di riqualificazione da attuare nella citt storica, con una disponibilit preliminare di 220 milioni e un insieme complessivo di iniziative materiali ed immateriali che sarebbe ammontato a circa 570 milioni. La responsabilit di aver disgregato una possibile, anche se parziale, occasione di rigenerazione urbana indubbiamente dell' attuale governo regionale, che ha optato per l' opzione miserabile di bloccare i fondi comunque e subito, senza prefigurare uno scenario quantomeno a medio termine. Tuttavia il fatto che i fondi fossero stati legati ad un "programma" nel quale le scelte sono subito apparse discrezionali e frammentate, ha certamente contribuito ad una sua debolezza intrinseca, esponendolo alla facile ritorsione politica che ha azzerato, ancora una volta, visioni, strategie e prospettive concrete di attuazione. L' ultimo tentativo, che il segno principe del fallimento dell' azione sulla citt fisica al di fuori delle regole chiare, il cosiddetto "Piano casa", che dovrebbe consentire ampliamenti degli edifici e demolizioni e ricostruzione di interi pezzi di citt. Nonostante l' ampiezza delle deroghe concesse, esso si finora caratterizzato per la quasi totale assenza di iniziative. Evidentemente il difetto di regole un problema per tutti, anche per gli speculatori, che non stanno trovando conveniente operare in un regime di laissez-faire. Nonostante le rigidit, le difficolt e persino gli errori materiali del Piano regolatore vigente, a Napoli quelli che hanno eminentemente fallito sono stati soprattutto i tentativi derogatori, programmatici, strategici e "con tempi certi", con i quali si provato a raccontare una citt che non si poi mai vista. C' , in sostanza, a Napoli una "domanda di piano", forse implicita e poco espressa, ma non eludibile e sulla quale la politica ha il compito di fornire risposte corrette, e nuove.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news