LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE - Un autentico pezzo di storia della nostra cultura rischia di sparire per mancanza di fondi. Salviamo la Biblioteca nazionale di Firenze.
ANTONINO DI GIOVANNI
AVANTI – 19 ottobre 2010

Un pezzo di storia importante della nostra Italia rischia, fra qualche tempo, di sparire. Mi riferisco a quella custodita nei libri, testimonianze tangibili del nostro passato e del nostro presente, da tramandare alle generazioni future. Da qualche mese rimbalza la notizia della chiusura della Biblioteca nazionale centrale di Firenze a causa della mancanza di fondi, correndo dunque il rischio non solo che i preziosissimi documenti in essa custoditi diventino inaccessibili, sommersi da una valanga di fango stavolta virtuale" e quindi più difficile da eliminare, ma correndo il rischio di svilire il nostro Paese, più di quanto già non lo sia. Paese che ormai sembra drammaticamente condannato a proseguire il suo percorso verso l'irrefrenabile svuotamento culturale al quale da tempo stiamo assistendo indifferenti. Anche se questa notizia viene divulgata tragicamente sottotono, purtroppo è il destino a cui sembra avviata la Biblioteca a partire da novembre. Da tempo infatti si denuncia la scarsità di risorse per la catalogazione dei libri (70mila volumi che arrivano ogni anno, a fronte dei 40mila catalogati), la scarsità di fondi per pagare il personale (196 dipendenti di cui 45 sono lavoratori part-time) e la mancanza di mezzi per far fronte allo stato d'incuria in cui versano gli arredi. Da un milione di euro si è passati progressivamente ad un contributo di 716mila euro, fino all'estrema decurtazione del budget, 350mila euro, prevista per il prossimo anno. Troppo poco per la Bbcf, la più grande e prestigiosa biblioteca statale italiana, in cui è conservata la stragrande maggioranza del nostro patrimonio di stampa, specie degli ultimi due secoli: libri, giornali, riviste, opuscoli di ogni genere, tutto ciò che si è pensato e scritto da un certo momento in avanti, è conservato nei depositi, negli schedari, nelle sale della Biblioteca. Essa è infatti, assieme all'altra Nazionale Centrale Italiana, la Biblioteca Vittorio Emanuele di Roma, destinataria del deposito legale di tutta l'editoria italiana della quale la Nazionale Fiorentina cura la diffusione con la Bibliografia Nazionale Italiana (Bni). A nulla è servito l'accorato appello di Ernesto Galli della Loggia, storico e giornalista italiano, editorialista del "Corriere della sera" al ministro dei Beni culturali, Sandro Bondi, come a nulla è servita l'accorata denuncia della direttrice della Biblioteca da salvare, Ida Fontana, sulla drammatica situazione. Si legge nelle dichiarazioni di Donatella Massai, direttrice generale della Robert F. Kennedy Foundation of Europa, ideatrice della petizione lanciata online per salvare la Biblioteca fiorentina dal drastico taglio dei fondi previsto dal Ministero per i Beni e le attività culturali, che Firenze avrebbe bisogno di nuovi "angeli del fango" come nel 1966, quando migliaia di giovani, tra cui Ted Kennedy, arrivarono da tutto il mondo per salvare i preziosi volumi dalle acque dell'Arno. La direttrice Fontana annuncia che da novembre inevitabilmente si dovrà pensare a ridurre gli orari di apertura al pubblico e concentrarli soltanto in certi giorni. Ma la più grande preoccupazione restano le risorse umane, cioè coloro che sono l'anima e il motore della struttura e considerati dagli stessi bibliotecari italiani tra i più bravi ed esperti catalogatori, tanto da ritenere i record bibliografici da loro immessi nell'Indice nazionale Sbn (Sistema Bibliotecario Nazionale) i più attendibili per l'applicazione degli standard internazionali di catalogazione. La Nazionale di Firenze è la più grande Biblioteca italiana, infatti vanta 235mila accessi online al giorno, un patrimonio su 120 chilometri lineari di scaffali per 6 milioni di volumi, 25mila manoscritti 4mila incunaboli, 29mila edizioni del XVI secolo, oltre un milione di autografi che vanno dagli scritti di Machiavelli all'opera di Galileo quasi per intero e infine 350mila fascicoli di periodici l'anno. Essa è oggi un punto di riferimento non solo per chi, come studiosi o semplici appassionati, ha bisogno di consultare i libri tutti i giorni, ma anche per numerose biblioteche italiane, statali e non, che trovano nei servizi erogati dalla biblioteca fiorentina all'utenza un esempio di eccellenza e competenza: non dimentichiamoci per l'appunto che la Bncf ha ottenuto la certificazione Iso 9001-2000. Se ciò avverrà, sarà un vero colpo al cuore alla cultura italiana, ma sembra che il Ministero non sia rimasto indifferente all'appello e, in una nota, ha affermato che assicurerà il necessario sostegno scientifico e finanziario, pur rimanendo nel contesto generale di forte contenimento della spesa pubblica.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news