LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAMPANIA. Nuovo responsabile della Soprintendenza dei Beni architettonici e paesaggistici
Felice De Rienzo
19/10/2010 IL MATTINO

L’ingegnere civile Gennaro Miccio, 58 anni, è il nuovo responsabile della Soprintendenza dei Beni architettonici e paesaggistici per le province di Avellino e Salerno, con sede a Salerno. Subentra all’architetto Giuseppe Zampino, in pensione dal primo ottobre. Contemporaneamente sono stati nominati anche i nuovi responsabili delle Soprintendenze Archeologica e dei Beni storici, artistici ed etnoantropologici che sono, rispettivamente, Adele Campanelli e Maura Piacciau. L’ingegnere Miccio è nato ad Avellino, da madre avellinese e padre salernitano, e qui risiede stabilmente da ventidue anni. Ha quasi sempre lavorato nella provincia di Salerno, curando tra l’altro il restauro e la ristrutturazione della Certosa di Padula, delle Cattedrali di Salerno, di Pavia e di Cremona, della Badìa di Cava dei Tirreni, il recupero e il rifacimento dei musei napoletani di Capodimonte, con particolare riguardo alla Pinacoteca, di San Martino, di Villa Pignatelli, della Villa Floridiana e de Musei archeologici di Napoli e di Paestum. Ha curato anche i Musei diocesani di Salerno e di Avellino. Attualmente è impegnato a Firenze nella direzione del progetto «Grandi Uffizi». Miccio, è una sorta di ritorno a casa. Qual’è l’importanza delle risorse architettoniche e paesaggistiche delle province di Avellino e Salerno? «Tra le due province c’è uno squilibrio con una maggiore presenza disiti monumentali e storici a favore di Salerno. Per questa ragione è mio proposito avere un’attenzione in più per la provincia di Avellino, dove ci sono dei centri storici di grande interesse che possono essere recuperati all’antico splendore. Penso soprattutto alla ricchezza architettonica e paesaggistica che caratterizza i borghi dei percorsi dei vini». Che cosa può e merita di essere valorizzato in Irpinia? «Ad Avellino manca il monumento eccezionale, ma ci sono siti che nel loro complesso, sia dal punto di vista architettonico che da quello ambientale e paesaggistico, hanno peculiarità particolari su cui puntare, previa intesa con l’amministrazione locale per individuare gli usi compatibili con la natura degli stessi e con le ipotesi di sviluppo economico del territorio. Nella città capoluogo il Carcere Borbonico e il Castello possono diventare risorse strategiche. Lo stesso vale per il Casino di caccia dei Caracciolo e per l’intero complesso del Loreto». Quali sono le maggiori criticità con le quali dovrà subito misurarsi? «Sono prevalentemente di natura economica,dovute alla carenza dei flussi ordinari del ministero e dei contributi degli enti preposti come la Regione. Ci sono, poi, problemi anche di gestione quotidiana a causa della cronica carenza di personale per mancanza di ricambio. Il blocco delle assunzioni ha fatto saltare due generazioni di professionisti. E l’assenza di forze giovani priva il settore di stimoli e di linfa vitale, oltre che del naturale terminale dell’esperienza degli anziani». Le prime iniziative che ritiene di poter e dover mettere subito in campo? «I prossimi martedì di fine mese nei siti monumentali sarà assicurata l’apertura serale per visite gratuite con lo svolgimento di manifestazioni culturali all’interno di essi. A Salerno abbiamo già un accordo con il Conservatorio per serate musicali e rappresentazioni teatrali alla Certosa di Padula e nei monumenti della città capoluogo. È mia intenzione attivare al più presto iniziative analoghe anche alCarcere Borbonico di Avellino e in altri siti dell’Irpinia. Sarà mia cura, inoltre, assicurare una maggiore presenza ed incisività della Soprintendenza nella provincia di Avellino e nella città capoluogo».



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news