LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Piazza di Spagna, il 31 ottobre apre al pubblico "un inedito barocco"
Italia sera 20/10/2010

Dopo un complesso intervento di restauro avviato nel 2004, il Palazzo di Propaganda Fide, sede storica della Congregazione della propaganda della Fede che si affaccia su piazza di Spagna, firmata dal genio barocco di Bernini e Borromini, aprirà al pubblico con un inedito percorso museale. Se l'intervento di restauro ha coinvolto quasi 11mila metri quadrati di superficie, con una spesa di oltre 15milioni di euro di cui 5milioni sostenuti da Arcus, il museo si svilupperà su oltre 1900 metri quadrati, coinvolgendo principalmente il piano nobile. La chiusura del cantiere è prevista per il 31 ottobre, poi seguiranno cinque settimane di allestimento e per il 9 dicembre è prevista l'inaugurazione istituzionale con apertura al pubblico dal 10 dicembre, solo di pomeriggio (dalle 14 alle 18 con uscita alle 19). Se le prime due settimane l'ingresso sarà consentito tutti i giorni, la formula permanente sarà di tre pomeriggi a settimana, con biglietto intero di 8 euro comprensivo di audioguida. L'annuncio è stato dato oggi nel corso della presentazione dell'operazione presso l'ex Chiesa di Santa Marta dal direttore generale Affari generali del Mibac Antonia Pasqua Recchia, dal presidente e dal direttore generale di Arcus, Ludovico Ortona e Ettore Pietrabissa, dal sottosegretario della Congregazione Fabio Cenci, e dal direttore del museo Francesco Buranelli. Presente in sala anche il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri Gianni Letta. Solo tre pomeriggi a settimana, purtroppo, per scoprire un "tesoro" di Roma fino ad oggi precluso al grande pubblico, nato nel Seicento come prima sede del Pontificio Collegio Urbano, che svelerà non solo gioielli architettonici che hanno visto sfilare il grande mecenatismo illuminato di Urbano VIII, Innocenzo X, il cardinale Antonio Barberini, ma anche la grazia di Bernini e l'estro di Borromini, così come una collezione di opere dove spicca la grande quadreria che ha restituito anche un inedito lavoro firmato da Antonio Canova e datato al 1793. "L'intervento ha puntato al restauro e al consolidamento dell'intero complesso architettonico - dice Recchia - Il Palazzo, che non è dello Stato italiano in quanto bene extraterritoriale del Vaticano, ma presente nel territorio di Roma ha una storia e un valore interessantissimi, che ha visto la coabitazione intensa dei sommi del Barocco Bernini e Borromini. Diventa oggi un ulteriore esempio di conservazione volta alla fruizione pubblica perché con questo restauro offriremo un percorso d'arte nascosta, di cui il pubblico non sapeva nulla". Se Ortona avverte che con questo restauro crescerà l'offerta culturale di Roma, monsignor Cenci sottolinea come "il nuovo museo offrirà un contributo importante alla conoscenza dell'attività della congregazione".



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news