LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - TRE DOMANDE SULL'URBANISTICA AL SINDACO CHE VERRÀ
MICHELANGELO RUSSO
La Repubblica 20-10-10, pagina 8 sezione NAPOLI



La prossima campagna elettorale sarà incardinata su un confronto sul nuovo piano urbanistico, non ci sono dubbi. La domanda di trasformazione e di rinnovamento di questa città è troppo forte e trasversale per non entrare con prepotenza tra i punti prioritari dell'agenda dei futuri candidati a sindaco di Napoli. Ma è anche molto probabile che nei prossimi mesi si dovrà subire l'insopportabile retorica sull'urbanistica e sul piano, rilanciata inevitabilmente dalla ciclicità elettorale. La stessa retorica che ha costituito per anni il paravento alle inefficienze e ai ritardi della pianificazione; una retorica basata su un linguaggio specialistico e incomprensibile ai più, che ha reso sempre più vaga e meno impegnativa la responsabilità delle amministrazioni verso i cittadini, nel realizzare gli impegni assunti, nel dare corso a un progetto di città e del suo futuro. Il Prg è stato inteso tradizionalmente come strumento onnicomprensivo, l'origine di tutti i mali e al contempo il motore di ogni aspettativa, un dispositivo dotato di capacità taumaturgiche che, oltre alla trasformazione fisica della città, avrebbe dovuto definire le condizioni del suo sviluppo economico e sociale. Il mix micidiale della sovrastima delle sue potenzialità e della sostanziale incapacità di gestione dell'ordinario, hanno fatto del Prg il simulacro del fallimento della pianificazione. Come dimostra la storia più recente, dove il piano urbanistico non è riuscito a essere il volano dello sviluppo territoriale in assenza di un uso lucido e programmatico di efficienti politiche urbane, oltre che economiche e sociali, per sostenerne e accompagnarne l'attuazione. Questo è il punto, come dimostra una realtà ben diversa, almeno fuori da Napoli - perlopiù fuori dall'Italia - che vede l'urbanistica come settore strategico di innovazione e di sviluppo della società contemporanea, frutto di un processo in continua evoluzione, capace di ridefinire continuamente le visioni, di attivare progetti, di orientare investimenti per il rinnovamento urbano con altissime competenze amministrative, gestionali, tecniche. Un'urbanistica, quella europea, che - nei casi virtuosi - ridefinisce, riallinea continuamente quadro di regole e assetto territoriale tenendo al centro un punto programmatico essenziale: incrementare quel bene pubblico vicino a tutti i cittadini che è, in un'accezione larga e comprensiva, l'abitabilità della città. Le contrapposizioni tra flessibilità e rigidità del piano, l'insostenibile conflitto tra regole e progetti, il rapporto dialettico tra i livelli di pianificazione, nel contesto napoletano sono appunto retoriche che non vanno al centro dei problemi della città, della sua società, della sua amministrazione. Il candidato sindaco, per sfuggire da queste retoriche, dovrebbe rispondere - in termini programmatici - almeno a tre domande. 1. Qual è l'idea di città che nei prossimi anni si intende mettere al lavoro per Napoli? Quale asL setto del territorio la città vuole darsi per affrontare la sfida post-fordista della competitività globale? Quale ruolo e quale spazio avranno in questo assetto i settori della produzione, del terziario e della nuova economia, quale i flussi commerciali e turistici? Di conseguenza, quale sarà il destino delle aree dismesse e interstiziali (compreso il patrimonio pubblico e demaniale) che riguardano le aree a Est e a Ovest di Napoli, il suo waterfront? 2. Qual è la strategia che si pensa di attivare, con quali risorse e in che tempi, per migliorare le condizioni dell' abitare a Napoli? Quali politiche per le periferie e per l'housing sociale, per la rigenerazione delle parti più marginali della città e dei tessuti storici? Quali sono, in tal senso, le azioni prioritarie? 3. Quale politica è necessaria per avviare, agevolare e gestire nuovi progetti di trasformazione urbana, rilanciando qualità architettonica e ambientale come indicatori fondamentali, e utilizzando il capitale privato come volano per sviluppare e innovare il mercato delle trasformazioni con l'obiettivo di fondo di incrementare le dotazioni dei beni pubblici della città e dei cittadini? Sono questioni di metodo, che inesorabilmente richiamano alcuni settori specifici della città e coinvolgono alcuni problemi cruciali che vedono parti della società in grande sofferenza. Le risposte non sono univoche, né scontate: sarebbe importante che queste risposte si cercassero anche attraverso un dibattito rinnovato nei toni e nelle forme, in grado finalmente di vedere al lavoro nuove idee, coinvolte nuove competenze, ascoltate e attive nuove generazioni. Questo potrebbe essere di per sé un risultato non banale per ricominciare a progettare un futuro per Napoli. L'autore è docente di Urbanistica nella Facoltà di Architettura dell'Università Federico II



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news