LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I tesori dell'arte si trovano in Lombardia. L'Unesco gli ha conferito 7 patrimoni dell'Umanità
Carlotta Lombardo
Corriere della Sera Italie 21/10/2010

Tra le strutture recettive ben 5.700 alberghi di cui 30 hotel di lusso a cinque stelle. Il cuore finanziario batte a Milano, ma la linfa vitale scorre in tutte le province della Lombardia, che hanno resistito alla crisi meglio di altre. Il merito? Grande capacità di innovazione, anni di crescita a ritmi superiori alla media e un territorio molto variegato. Dalle Alpi al Po, fino al Garda; la regione è un concentrato di essenze e paesaggi italiani: laghi (800 kmq), montagne (il 40% del territorio, con 110 vette sopra i 3000 metri) e colline, che si confrontano con un mercato turistico legato a settori diversissimi, dal business alla cultura, dallo sport al benessere. Un territorio, insomma, completo e attivo; supportato da molti record. Se cercate la regione d'Italia più ricca di tesori, dimenticatevi Toscana e Sicilia e puntate dritto in Lombardia. Perché l'inserimento, lo scorso agosto, del versante varesino del Monte di San Giorgio da parte dell'Unesco è, per i lombardi, la settima perla nella lista dei patrimoni dell'Umanità. Nessuna regione italiana ne può contare altrettanti. L'ambito riconoscimento avrebbe, secondo l'Osservatorio centrale del turismo, fatto aumentare i turisti già del 20%. Un po' come era successo alle incisioni rupestri della Val Camonica, alla Ferrovia Retica dell'Albula e del Bernina, al villaggio Crespi d'Adda e al Cenacolo vinciano (oltre 300mila visitatori l'anno). Per Mantova e Sabbioneta, inserite nella lista nel 2008, l'incremento è stato più contenuto (2% e del 7,3%), ma costante. Va da sé che un simile patrimonio debba essere aiutato con strutture ricettive adeguate. Nella regione ce ne sono addirittura 5.700, di cui 30 hotel di lusso (5 stelle) e 4000 ristoranti dove gustare 250 piatti tradizionali. E il vino? In Lombardia, a farlo buono, è la tecnologia. Almeno è quanto accade in Franciacorta, la terra che dà nome all'omonimo spumante: 8,5 milioni di bottiglie l'anno prodotte nei suoi oltre 2mila ettari di filari. I turisti, naturalmente, apprezzano. A cominciare dagli stranieri, concentrati (per il 69%) sul Garda, l'alta Valtellina e Milano. Attenti al budget e sensibili al bello, abbandonano Francia, Germania, Gran Bretagna e Paesi Bassi attirati dalla presenza di aeroporti con compagnie aeree low cost (sondaggio IReR, Istituto Regionale di Ricerca della Lombardia). Ma in tempo di austerity, a ridursi, è anche la durata della vacanza, e il turismo nel capoluogo lombardo è sempre più mordi e fuggi: due giorni e una manciata di minuti i1 tempo medio di permanenza in città, quando fino a un paio di stagioni fa il turista soggiornava sotto la Madonnina per almeno tre giorni. Per fortuna, che a colmare le lacune, arriva in soccorso il web. Visual Lombardia, la piattaforma cartografica (consultabile sul sito turismo.regione.lombardia.it) completa di foto satellitari, mappe e web tv regala, seppur virtuale, una vacanza a 360 gradi.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news