LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Veneto. Meno fondi alla cultura. Più soldi a giostre, palii e sfilate in costume
Nuova Venezia – Mattino Padova – Tribuna Treviso 21/10/2010

VENEZIA. Più alberi della cuccagna e meno eventi culturali nel Veneto prossimo venturo. Pare muovere in questa direzione la nuova legge sulle «feste storiche» approvata dal consiglio di Palazzo Ferro Fini poche ore dopo l'annuncio di una riduzione dei fondi 2011 destinati ad Arena, Fenice e Biennale. Nei fatti, il testo approvato dall'assemblea (41 voti a favore, 4 astensioni) prevede che giostre, palii e manifestazioni in costume di interesse locale siano contrassegnate da un logo regionale e iscritte ad uno specifico registro: potranno così godere di finanziamenti da parte della Regione, che dedicherà loro 150 mila euro all'anno e le collocherà in un calendario annuale. Buone notizie, allora, per il palio di Montagnana e quello di Feltre, per gli scacchi di Marostica e la Regata storica di Venezia, senza dimenticare la Marciliana di Chioggia e via festeggiando. L'osanna alle "raixe venete", in genere, è monopolio di Filippo Tosatto. Stavolta invece è stato il capogruppo pidiellino Dario Bond a farsi alfiere della legge, con un occhio alla tradizione dei padri («Rivive la memoria di usi e costumi propri della nostra identità») e l'altro al portafoglio («Sarà un'ulteriore occasione di promozione turistica»). Infine, che feste sarebbero senza una sana gozzoviglia? Coscienti di ciò, i legislatori hanno previsto la vendita e distribuzione di cibo e bevande in «forma semplificata» rispetto alla normativa che regola i pubblici esercizi In aula, tra l'opposizione, qualcuno ha storto il naso. «C'è il rischio dell'ennesima legge-mancia in un momento di tagli dolorosi e di risorse limitate» (Laura Puppato del Pd); «E' una legge limitativa e limitata» (Pietrangelo Pettenò della Sinistra); «Esclude le celebrazioni religiose e di culto» (Stefano Valdegamberi, Udc); «Temo sovrapposizioni e dispersioni» (Gustavo Franchetto, Idv). Tant'è: al momento di passare dalle parole ai fatti, nessuno ha osato sfidare l'impopolarità bocciando il testo di legge acchiappavoti. Ritenuto, evidentemente, cruciale dalla maggioranza presieduta da Luca Zaia: è il primo approvato dopo la pausa estiva ed il terzo, in assoluto, dall'inizio della legislatura. Troppo caustici? E allora ascoltiamo le ragioni dell'assessore alla Cultura, nonché vicepresidente della giunta. Berlusconiano moderato, Marino Zorzato tiene a non mescolarsi con chi antepone al «culturame» le corse nei sacchi: «La situazione finanziaria ha determinato tagli per i1 2010 e ne richiederà altri in futuro. Dobbiamo esserne consapevoli. Tuttavia il nostro sostegno al mondo della cultura non è mai mancato e continuerà, anche se su basi diverse». Ovvero? «E' finita la stagione dei finanziamenti a pioggia. Saranno privilegiati i progetti con maggiore strutturazione, qualità e forza d'impatto. Abbiamo già chiesto alle istituzioni culturali venete di partecipare alla costruzione delle progettualità, per indirizzare in maniera il più possibile condivisa i finanziamenti disponibili. Un certo tipo di economia è interessata ad investire in cultura, considerando le sue potenzialità in termini di promozione del territorio e del turismo. Perciò intendiamo coinvolgere i privati». Arena, Fenice e Biennale, però, sono assai più che un fiore all'occhiello sacrificabile in tempi di vacche magre. Penalizzarle, certificherebbe un regresso senza precedenti negli investimenti immateriali. «Certo, tant'è che l'attenzione dei loro confronti resta inalterata e non sono toccate dai tagli del 2010. Va considerata non solo la loro valenza culturale, ma anche la significativa ricaduta sul tessuto economico e sociale».



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news