LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ercolano. Reperti romani nel salotto di casa
Francesco Catalano
Mattino - Napoli 21/10/2010

30 reperti romani nel salotto di casa, denunciato pescatore tombarolo
Ercolano: anfore e una colonna in buone condizioni destinate al mercato clandestino

ERCOLANO. Un piccolo museo di antichissimi reperti d'epoca romana nel salotto di casa. Un 59enne pescatore in pensione aveva scelto una serie di oggetti di straordinaria importanza storica per arredare il suo appartamento in una palazzina nel centro di Ercolano. Anfore vinarie, incensieri d'argilla, vasetti per la conservazione dei profumi e addirittura i resti di una colonna romana erano esposti in bella mostra tra mobili, sedie e divani. Uno spettacolo unico, per chiunque visitasse l'abitazione dell'ex pescatore. Almeno fino a ieri, quando il pensionato ha ricevuto la visita delle Fiamme gialle. Dopo aver raccolto una serie di elementi investigativi, i militari della guardia di finanza della caserma di Portici agli ordini del comandante Filippo D'Albore hanno deciso di dare un'occhiata all'appartamento del1'ex-pescatore e si sono trovati difronte a una serie di reperti collocabili temporalmente tra il II secolo avanti Cristo e il III d.C: tredici anfore per il trasporto di vino e olio, un'anforetta per la conservazione di profumi, un incensiere in argilla chiara e una colonna. Tutto il materiale era stato molto probabilmente accumulato dal pensionato ercolanese nel corso della sua decennale attività di pescatore La collezione Oggetti risalenti al II e III secolo recuperati nei fondali di varie località del Mediterraneo e mai dichiarati nelle acque del Mediterraneo. Gli oggetti, infatti, non sono solo arredamenti delle residenze vesuviane di epoca romana, ma utensili rinvenuti in mare lungo le coste campane, sarde e calabresi. Nonostante l'antichità dei reperti, tutto il vasellame era custodito in ottimo stato di conservazione. In qualche caso, erano anche stati apportati piccoli interventi di restauro utilizzando un collante speciale indicato appositamente per l'argilla. Gli investigatori non escludono che gli oggetti potessero essere destinati alla vendita: «Sul mercato clandestino - spiegano i finanzieri - ogni pezzo potrebbe valere almeno cinquecento euro. La cifra non è altissima perché esistono parecchi reperti del genere rinvenuti in mare dai pescatori della zona. Ma chi non dichiara il possesso di questi reperti incorre in una sanzione penale». Il pescatore di Ercolano che aveva allestito un museo in casa, dunque, è stato denunciato a piede libero e rischia fino a tre armi di detenzione. A giudicarlo sarà il Tribunale di Napoli. Non si tratta della prima operazione del genere effettuata dalle Fiamme gialle nel territorio vesuviano: tutto il materiale recuperato in queste operazioni viene immediatamente confiscato e destinato alla Soprintendenza di Pompei.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news