LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Oristano. Ritrovato registro regio del Seicento
Michela Cuccu
Nuova Sardegna 22/10/2010

Due antiquari di Milano e Firenze sarebbero indagati. A restituirlo un collezionista cagliaritano che ne ha colto il valore
Consegnato al sindaco, svelerà un pezzo di storia della città

ORISTANO. Forse ha girato mezza Europa prima di far ritorno in Sardegna e arrivare nella sua sede originaria, ovvero l'archivio storico del Comune dove ora è nuovamente al sicuro. È una storia ancora tutta da ricostruire quella che ha portato i carabinieri a recuperare il registro del Consiglio civico del 1640. Ieri il capitano Paolo Montorsi, comandante del nucleo Tutela patrimonio culturale di Sassari, ha consegnato al sindaco Angela Nonnis e all'assessore alla Cultura Luca Faedda il prezioso manoscritto. Il militare ha anche confermato che due antiquari, uno di Milano, l'altro di Firenze, risultano iscritti nel registro degli indagati, ma nulla di più perchè l'inchiesta su questo ennesimo caso di beni storici trafugati è ancora aperta. Sono pagine preziose soprattutto per gli studiosi. Il registro perfettamente conservato, dalla copertina di pergamena, chiuso da una correggia con fibbia e sul dorso, tasselli di cuoio, era stato definito «bellissimo» dal collezionista cagliaritano che lo acquistò in buona fede, come ha spiegato l'ufficiale dell'Arma, per circa tremila euro ma che si rese subito conto di essere entrato in possesso di qualcosa che non poteva stare in una casa privata. Proprio da quell'anonimo collezionista, che spontaneamente consegnò ai militari il manoscritto, sarebbero partite, a febbraio del 2009 le indagini che difficilmente si chiuderanno in fretta. Perchè se alla fine venisse confermata la tesi ipotizzata ieri mattina, nel corso di una conferenza stampa, dalla stessa Giuseppina Usai, funzionario della soprintendenza archivistica — che non ha escluso che il manoscritto facesse parte di tutta una serie di documenti sottratti alla fine del 1800 dal Console catalano, Eduard Toda, inviato dal Governo spagnolo in Sardegna con il compito di ricostruire il dominio Catalano-Aragonese nell'isola — allora il reato sarebbe già prescritto. Ironia a parte, il ritrovamento del registro, che ora è rientrato a far parte della ricca collezione di 178 volumi che compongono l'archivio storico comunale, sembra sia solo la tessera di un mosaico ben più consistente che i carabinieri, alle dirette dipendenze del ministero dei Beni culturali, stanno completando per risalire ad un traffico illegale di beni archivistici. Non si sa esattamente quando il registro, importantissimo, in quanto prelude e precede la nascita del Parlamento convocato dal vicere Conte di Avellano, venne trafugato. Sicuramente mancava già nel 1937, particolare confermato dallo studio sull'archivio svolto da Antonio Era. Per gli storici una vera chicca: il documento, che alla prima pagina reca il giuramento del consigliere capo, Joanne Michele Canu, datato 30 novembre 1640, risale al regno di Filippo IV e potrebbe consentire, come ha spiegato anche la direttrice dell'archivio Antonella Casula, di ricostruire una parte importante della storia della città regia.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news