LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Writers & Roma. Patto (e spazi) d'arte e rispetto
Luca Liverani
Avvenire 22/10/2010

Si vuole offrire ai giovani talenti di strada un percorso per sviluppare il loro estro. L’Urban Contest, nella cornice suggestiva del Circo Massimo, è una performance dal vivo di tredici tra i migliori "graffitari" nazionali. Poi si cercheranno 76 spazi permanenti

Togliere i writer dalla palude dell'illegalità e del vandalismo. Come? Offrendo ai giovani artisti di strada un percorso per sviluppare il loro talento. E una scommessa ambiziosa, quella che il Campidoglio lancia con l'Urban Contest, organizzato da oggi a domenica 24 nella cornice suggestiva del Circo Massimo, una performance dal vivo di tredici tra i migliori "graffitari" nazionali che realizzeranno in pubblico le loro opere su pareti allestite per l'occasione. Il passo successivo è l'individuazione da parte del Comune di 4 «muri legali» per ogni municipio, in tutto 76 spazi, in cui gli artisti urbani possano sfogare liberamente la loro creatività. La presentazione dell'Urban Contest è stata l'occasione per la firma di un patto tra la città e i pittori metropolitani, rappresentati dall'associazione culturale Walls, una delle più importanti Acu (associazioni per la creatività urbana) promosse dal ministero della Gioventù: perché per salvaguardare il decoro urbano il Comune non vuole limitarsi alla repressione degli imbrattatori che verniciano case, autobus e metropolitane. L'idea è quella di dare spazi legali ai tanti ragazzi che - tra spray, stencil e poster - hanno trovato qui una palestra di creatività, una valvola di sfogo, un'occasione di socializzazione. Per questo il comune ha chiesto nelle scorse settimane ai writers di segnalare attraverso il sito www.urbancontest.it quegli spazi che possono diventare «muri legali» Tra una decina di giorni sarà reso noto l'elenco dei siti. Tre le condizioni: che il muro, di almeno 10 metri di lunghezza, sia di proprietà comunale; che sia facilmente accessibile; che abbia bisogno di riqualificazione perché degradato, magari proprio da grovigli di scritte. I «muri legali» saranno identificati da apposite targhe, per non scomparire sotto l'ennesima mano di vernice spray. Gli street artist che si cimentano nell'Urban Contest - i proventi delle opere vendute all'asta sabato andranno alla onlus Associazione per il Bambino in ospedale del Bambino Gesù e al servizio comunale per la ripulitura delle scritte. deturpanti - sono tutti esponenti di spicco della scena italiana: si tratta di 108, Agostino Iacurci, Dem, JBrock, Luca Barcellona, Lucamaleonte, Matteo Milaneschi, Sparki, Stand, Thoms, Useless_idea, Verbo. Con loro dipingeranno due writers particolari, Andrea "Haero" Fabellini e Angelo 142, che nella vita normale lavorano nella Polizia di Stato. «Credo sia importante iniziare a distinguere, come già si fa all'estero, tra vandalismo e street art», spiega Rocco Schiavone, organizzatore di Urban Contest come responsabile di 21 Grammi, società di produzione cinematografica, interessata inizialmente a un documentario sul fenomeno. «In Italia si tende a criminalizzare tutta la scena dei writers — dice Schiavone — ma ricordiamoci che anche Keith Haring e Jean-Michel Basquiat a NewYork hanno cominciato così. Riservare delle pareti ai writers potrebbe servire a recuperare zone degradate della città, portando colore e fantasia dove serve rompere il grigiore. È il ribaltamento del vandalismo che deturpa la città». Lo stesso Haring, d’altronde, invitato a Pisa nel 1989, dipinse i 180 metri quadri della parete esterna del Convento di Sant'Antonio. «Roma nel corso degli ultimi anni si è dotata di importantissimi spazi culturali — aggiunge l'organizzatore dell'Urban Contest — come l'Auditorium Parco della Musica, il Macro (Museo dell'arte contemporanea di Roma) , il Maxxi (Museo dell'arte del XXI secolo), la Pelanda, (i locali ristrutturati dove al mattatoio di Testaccio si pelavano i suini) per le mostre del Macro. Ora è il momento di creare per la street art un museo a cielo aperto». Già negli anni scorsi d'altronde nella Capitale ad alcuni street artist di valore e stata commissionata dalle Ferrovie dello Stato la decorazione di alcune grigie stazioni ferroviarie urbane: quella di Nuovo Salario, quella di Monte Mario, quella di Appiano al Trionfale. Ma anche carceri e ospedali. La strada perché i giovani creativi possano esprimersi evitando l'illegalità dunque è aperta. Ora c'e bisogno di dare continuità all'intervento. Gli addetti ai lavori non hanno dubbi: solo investendo in politiche giovanili e di riqualificazione urbana si potrà contrastare efficacemente il vandalismo. La sola repressione, pure indispensabile, non basterà mai. Investimenti costosi? Forse, ma sicuramente più redditizi dei tanti soldi spesi per ripulire dai "tag", le firme comprensibili solo alle "crew" (le squadre) dei graffitari, edifici e monumenti: Senza dimenticare, dicono punti sul vivo i writers, tutto il vandalismo degli slogan e degli insulti scambiati tra opposte tifoserie e schieramenti politici antitetici. Il messaggio è che l'illegalità, insomma, non conviene. Non solo, com'è ovvio, alla comunità. Ma nemmeno agli artisti di strada.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news