LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BARI - Eolico e fotovoltaico «Pronte le linee guida»
di Giuseppe Armenise
23 Ottobre 2010





Troppo fotovoltaico, troppo eolico. Fotovoltaico mai troppo, eolico mai troppo. Chi ha ragione? Fino a ieri la questione poteva essere oggetto di «libera interpretazione». Salvo interventi della magistratura amministrativa chiamata, come spesso accade, a porre principi legislativi per via giudiziaria. Dal 19 settembre, dopo 7 anni di attesa, ci sono invece le linee guida nazionali, le quali a loro volta rimandano alla regolamentazione regionale la fissazione di criteri di esclusione. Entro il 19 dicembre, insomma, la regione Puglia, come tutte le regioni italiane, dovrà fissare le aree di pregio (agricolo, naturalistico, storico, architettonico, archeologico) in cui vigeranno specifici divieti per tipologia di impianto proposto. «Ma credo - spiega l’assessore regionale all’Assetto del territorio, Angela Barbanente - che in Puglia potremmo essere pronti già entro la prima settimana di novembre».

Assessore Barbanente, la Corte costituzionale ha bocciato tempo fa alcune parti della legge regionale pugliese che disciplinava il settore delle energie alternative. Con le linee guida nazionali quelle norme rivivono?

«In effetti, la parte del provvedimento che riguarda le aree inidonee ricorda largamente la legge 31 del 2008 con la quale, quasi tre anni fa, avevamo provato a limitare l’inflazione di impianti a terra su suolo agricolo in aree tutelate dal punto di vista paesaggistico».

C’è però chi filosofeggia sul fatto che una differenza c’è: i divieti a priori ora vanno dettagliati.

«E noi infatti argomentiamo in maniera robusta la ragione per cui una certa tipologia di impianto non è compatibile con un’area protetta, laddove ci sia un rilievo storico-artistico, un’area di pregio o anche un angolo visuale. Ormai, gli uffici del mio assessorato che si occupano di paesaggio hanno approntato più di 100 schede. Per ogni ambito perimetrato ci sono specifiche motivazioni di esclusione».

Questo vuol dire che, proponendo impianti sufficientemente al largo dalle aree esplicitamente incompatibili, il settore delle energie alternative potrà continuare all’infinito ad aumentare la potenza installata in Puglia?

«C’è un unico punto, nelle linee guida nazionali, in cui si parla di quote e si dice che le regioni approvano, quanto alla diffusione di impianti ad energie rinnovabili, un atto di programmazione congruente con la quota minima della produzione di energia assegnata. Però, si dice anche, in attesa dell’emanazione del decreto che deve assegnare le quote, le regioni possono individuare aree non idonee senza procedere alla contestuale programmazione. In questo momento il decreto non c’è e quindi non sappiamo neanche quale sia la quota minima assegnata alla Puglia, che comunque sospetto sia stata già superata. Resta il fatto che si parla di quota minima assegnata, mai di un tetto oltre il quale non andare».

Che accade nelle aree protette come parchi nazionali o regionali?

«Si potranno fare solo impianti con scambio sul posto, quindi per autoconsumo, non impianti industriali».

Prendiamo un’area dove ci siano altri impianti: sarà valutato l’impatto cumulativo?

«Nelle linee guida si parla della possibilità di individuare aree ad elevata concentrazione. Però, se posso dire, gli impatti cumulativi si dovrebbero studiare in fase di Valutazione di impatto ambientale. D’altronde, sin dalla direttiva Cee, uno dei punti cardine delle valutazioni d’impatto ambientale, insieme alla valutazione delle alternative localizzative, che però nessuno fa, è proprio la valutazione degli impatti cumulativi».

E le cosiddette fasce di rispetto da siti di pregio e aree protette: le distanze saranno calcolate in via del tutto aleatoria come avviene oggi?

«Innanzi tutto, grazie al gran lavoro fatto per il piano paesaggistico, oggi in Puglia siamo in grado di perimetrare anche le aree di rispetto. Ma le prevede già il Putt. Grazie alla tecnologia gis siamo in grado di cliccare un punto e avere subito, su una cartina, la distanza di 100-150 metri di cui consiste qualsiasi fascia di rispetto».

http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/notizia.php?IDNotizia=376990&IDCategoria=11


news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news