LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA - Maxi-cartelloni, mai più in Centro "Così si sommerge la periferia"
VALERIA FORGNONE
SABATO, 23 OTTOBRE 2010 LA REPUBBLICA - - Roma




Legambiente: "Ma finalmente il Comune si è mosso"


Sul piano del Campidoglio anti-cartellopoli i dubbi delle associazioni


L´idea di distribuire i cartelloni pubblicitari in anelli concentrici non convince il comitato promotore della delibera di iniziativa popolare contro le maxi-affissioni. Soprattutto favorire lo spostamento delle strutture nelle due "corone" più esterne della città: il Gra e i confini del Comune, come prevede il nuovo Piano regolatore degli impianti pubblicitari (Prip). «Così, per salvaguardare il centro, le periferie, già compromesse, rischiano di essere sommerse dell´aumento delle affissioni». È uno dei dubbi che Lorenzo Santovincenzo, portavoce del Comitato promotore, ha avanzato ieri all´assessore capitolino alle Attività Produttive, Davide Bordoni, nell´incontro in cui sono state illustrate le linee generali del Prip «che verrà presentato in giunta entro novembre, per essere poi inviato ai municipi. Vorremo approvarlo in consiglio comunale tra gennaio e febbraio» ha annunciato Bordoni.
Intanto, alle associazioni cittadine e ambientaliste che da mesi si battono per il decoro è stata mostrata una prima bozza del piano. Che tra i principali obiettivi ha quello di «garantire la tutela del patrimonio storico, archeologico e ambientale con l´individuazione di aree incompatibili». In altre parole, niente più cartelloni sulle rive del Tevere e arenili, nei parchi pubblici, nelle ville e sulle mura anche cimiteriali. Mentre verrebbero ridotte le tipologie degli impianti (da 30 a 7) in maniera da standardizzare l´aspetto; eliminati i giganteschi 4x3 fino all´anello ferroviario dove il numero dei cartelloni sarà contenuto. Il comitato promotore, però, ha richiesto altri chiarimenti sul meccanismo delle "zone concentriche" che favoriscono la collocazione verso le aree più periferiche della città. «Approviamo l´impostazione del nuovo documento dell´amministrazione che noi abbiamo spronato con la nostra proposta di delibera di iniziativa popolare. Ora però bisogna passare alla pratica» continua Santovincenzo.
«E sono fondamentali anche gli indici di affollamento per l´eliminazione definitiva di ogni abuso» sottolinea Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio. Che aggiunge: «Bene comunque che dopo 17 anni, il Comune arriva a discutere una bozza di piano regolatore per le affissioni, con tempi e regole certe. Il lavoro dei comitati e delle associazioni viene così premiato. Una volta approvato il piano scatterà l´obbligo di rimozione. E noi aspettiamo quel momento".



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news