LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MILANO Vigevano, un dinosauro nascosto nella balaustra
LUIGI BIGNAMI
MARTEDÌ, 26 OTTOBRE 2010 LA REPUBBLICA - Milano




La scoperta è di un paleontologo, Andrea Tintori "Ora studieremo quell´animale per capire tutto di lui"

"Somiglia all´antenato di un coccodrillo, si vedono bene forma, lobi nasali e denti"

La roccia proviene dal Monte San Giorgio, a Arzo, famoso per resti inglobati negli strati



«In un primo tempo pensavo potesse trattarsi di un ittiosauro (un grosso rettile marino), ma ora sono convinto che può trattarsi di un dinosauro», continua il paleontologo. Osservandolo in quelle condizioni non è possibile dire molto di più, nemmeno se era un dinosauro carnivoro o erbivoro. Certo è che si vedono bene la forma del suo cranio, i lobi nasali e i denti, numerosi.
Il cranio se ne sta nella parte bassa della balaustra e quel che è interessante è che al di là dell´ingresso dell´altare si osserva un´altra sezione del medesimo cranio. «Probabilmente si tratta della stessa lastra di roccia, che è stata aperta in due e usata per costruire i due lati opposti della balaustra», spiega Tintori. In base alle prime osservazioni il cranio è ben conservato nella roccia e per nulla deformato dallo schiacciamento. Lo testimonia la struttura ossea dell´animale, che si può osservare anche ad occhio nudo. Ma approfondimenti successivi potranno venire dall´estrazione del blocco di roccia per portarlo in laboratorio. L´Eni ha dato la propria disponibilità per sottoporre il cranio a una Tac che lo renderebbe visibile in 3 dimensioni. Ciò svelerebbe lo stato di conservazione reale all´interno della roccia e addirittura la sua morfologia. Poi se le condizioni lo permettono, si potrebbe passare alla pulitura del fossile per studiarne in dettaglio l´anatomia.
La roccia nel quale si trova il cranio è chiamata "Broccatello d´Arzo". Si tratta di una roccia calcarea, massiccia, prevalentemente rosacea, che si formò nel periodo geologico chiamato Liassico, circa 180 milioni di anni fa. Il colore del minerale è dettato dalla presenza o meno di pigmenti di ossidi di ferro. All´interno racchiude molti fossili biancastri, tra cui brachiopodi e i crinoidi, ma l´ambiente in cui formò (acqua basse di un mare molto vasto) non erano quelle in cui vissero i dinosauri, per cui è ipotizzabile che il cranio vi finì trasportato da un qualche evento meteorologico straordinario. Arzo, da dove proviene il blocco, si trova attualmente in Canton Ticino, ma ai tempi della costruzione dell´altare faceva ancora parte del Ducato di Milano, come peraltro testimoniano moltissimi altari delle chiese lombarde costruiti in quel periodo. Oggi il territorio del Paese fa parte del sito Unesco transnazionale del Monte San Giorgio, riconosciuto di importanza mondiale proprio per i fossili che risultano essere molto antichi e del quale Tintori è coordinatore scientifico.
«Estraendo questo fossile - continua il paleontologo - potremmo scrivere una nuova pagina della storia della nostra penisola. Il progetto per il recupero ha già avuto il nulla osta dalle varie Soprintendenze coinvolte e dalla Curia, ma ora il problema è trovare i fondi per i lavori. Dopo lo studio l´importante resto sarà visibile presso il Museo del Duomo di Vigevano. E due lastre di Broccatello estratte dalla medesima cava di Arzo andranno a rimpiazzare quelle dove ha riposato per secoli un animale davvero interessante».



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news