LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BOLOGNA - Rinasce la Rocchetta Mattei
ANTONIO FERRI VALERIO VARESI
La Repubblica 24-10-10, pagina 1 sezione BOLOGNA




PER la Rocchetta Mattei, il pastiche architettonico tra Riola e Grizzana Morandi, iniziano i restauri dopo l' acquisto da parte della Fondazione Carisbo. I lavori sono stati ora assegnati ed entro il marzo 2013 questo esempio di "architettura eclettica" rivivrà nell' aspetto originario che ha valore in quanto pezzo unico, bizzarra miscela tra Disneyland, atmosfera transilvana e cupezza monastica. L' impegno di Carisbo non è tanto volto a celebrare la discussa figura del conte Cesare Mattei che ideò l' originale costruzione, ma a fare di essa un centro capace di mettere in moto turismo e attività culturali o ricreative. In fondo fu proprio la «Rocchetta» ad attirare, tra la metà dell' Ottocento e i primi anni del secolo successivo, una quantità enorme di personaggi tra cui, si dice, persino Ludovico III di Baviera e lo zar Alessandro II, giunti in questo scampolo d' Appennino per farsi curare dalle mirabolanti pratiche dell' «elettromeopatia» inventate dall' intraprendente conte. Fiorirono intorno alla «Rocchetta» alberghi e attività, mentre le potenti entrature del nobile permisero di ottenere persino un linea ferroviaria tra Bologna e Riola. Mattei, uomo di marketing ante litteram, propagandava i suoi preparati a base di erbe, «dentro le quali imprigionava l' elettricità», con un' abilità così convincente da riscuotere fama mondiale. A partire dalla villa-castello che si affaccia sulla Porrettana, dove teneva una vera corte con tanto di buffone e cortigiani, circondato da gnomi, ippogrifi e leoni marmorei, riuscì a divulgare la sua medicina in tutto il mondo con un' eco che durò anche dopo la morte seè vero che nel 1925 sua Altezza reale il principe del Piemonte si recò in visita alla «Rocchetta» e dei medicamenti del conte bolognese parlò addirittura Dostoevskij nei Karamazov raccontando che il diavolo in persona li usò per rimediare ai reumatismi. Sulla scientificità di questi ultimi, la medicina ufficiale è arrivata oggi a conclusioni piuttosto trancianti, ma già all' epoca del medico autodidatta, più di uno scienziato mosse dei dubbi. Ci fu chi azzardò una spiegazione psichiatrica dell' ossessione del Mattei diagnosticando un' inedita «paranoia inventoria» e una «psiconevrosi degenerativa degli uomini di genio» come la definì il Lombroso. Che fosse un antenato degli imbonitori televisivi odierni o un incompreso non è dato sapere visto che le sue ricette miracolose sono un lascito agli eredi ancora da svelare nella loro chimica più intima. Sta di fatto che Mattei costruì un impero giungendo a possedere numerose case farmaceutiche estere con 117 depositi tra i quali quelli del Belgio, degli Usa, di Haiti e della Cina e ad attirare alla «Rocchetta» folle immense di pazienti in preda ai più disparati malanni e ansiosi di spalmarsi sulla pelle le miracolose erbe munite di «elettricità vegetale». L' industria dell' elettromeopatia subì un forte contraccolpo dopo la morte del conte nel 1896 (era nato 87 anni prima), ma proseguì tuttavia col figlioccio Mario Venturoli, con la moglie di quest' ultimo e con la loro figlia. Fino alla fine degli anni ' 50 qualcosa continuò a uscire dagli alambicchi della «Rocchetta», prima della definitiva chiusura. Ma ancor oggi, le pratiche di Mattei sopravvivono in Pakistan e in India dove esercitano tuttora gli ultimi seguaci depositari di formule forse più imitate che tramandate nella loro formula originaria. Ma anche questo fa parte del mito che continua ad aleggiare intorno al conte bolognese.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news