LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Dal 118 alle Spa, tutte le poltrone assegnate da Lombardo
EMANUELE LAURIA
MARTEDÌ, 26 OTTOBRE 2010 LA REPUBBLICA - Palermo



Militanti, fedelissimi o catanesi così funziona la fabbrica degli incarichi




Premiato chi lascia altri partiti per aderire alla formazione del presidente


Competente, certo. Ma soprattutto simpatizzante dell´Mpa (meglio ancora se iscritto) e catanese. Non necessariamente in quest´ordine. Eccoli, i requisiti giusti per entrare nella fabbrica degli incarichi di Raffaele Lombardo. Una fabbrica che lavora senza sosta. Alti burocrati, consulenti, presidenti di enti e società regionali: così il presidente autonomista, e sempre più autonomo nelle scelte, ridisegna a sua immagine e somiglianza il volto dell´amministrazione regionale o pararegionale. Facendo infuriare gli oppositori costretti a coniare rancorosi nomignoli («Arraffaele»), mettendo all´angolo gli alleati già rassegnati a raccogliere le briciole, suscitando persino il malessere dei suoi colleghi di partito. Il deputato regionale Salvatore «Totò» Lentini aveva provato a lasciare l´Mpa nella primavera del 2009 ma rientrò quasi subito, dopo essere stato raggiunto da un fulminante "stigghiolaro" da parte del capo. Stavolta dice che non tornerà indietro e condisce l´addio con toni da derby: «È incredibile. Ogni postazione, ogni casella possibile è stata occupata da catanesi». Accusa naif, forse. Ma Lentini ha preparato addirittura un dossier sulla via etnea al sottogoverno. Che si apre con il capitolo sanità. Con la nuova società che si occupa del 118, la Seus, presieduta da Gaetano Bonfiglio, ex primario di Ortopedia e commissario dell´Mpa a Gravina di Catania. Poi Sviluppo Italia, guidata da Marco Belluardo, già assessore comunale a Catania (in quota Mpa, of course) e noto anche alle cronache giudiziarie. A Belluardo, il 3 giugno 2009, il boss di San Lorenzo Giuseppe Liga (in carcere per associazione mafiosa) confidava la sua soddisfazione per l´incontro avuto con Lombardo a Palazzo d´Orleans. «È andato tutto abbastanza bene...». È catanese anche il nuovo responsabile dell´istituto zooprofilattico, Antonino Salina, già direttore del settore di sanità pubblica veterinaria dell´Asl etnea. E, per rimanere nell´ambito di società ed enti di cui dal 2008 viene annunciato periodicamente lo scioglimento, ecco il caso di Sicilia e-servizi, spa di importanza strategica nello scacchiere regionale: retta dall´ingegnere Emanuele Spampinato, titolare di un´azienda informatica nel Catanese e candidato alle Regionali 2008 nella lista «Sicilia forte e libera» collegata a Lombardo. Quindi i Mercati agro-alimentari, affidati da Lombardo a Mario Chisari, assessore comunale dell´Mpa appena defenestrato da Stancanelli e candidato alle Regionali del 2008. Non sfugge all´identikit Ottavio Garofalo, ex parlamentare di Forza Italia passato all´Mpa e di recente gratificato - dopo una sfortunata candidatura sotto le insegne della Colomba - con il ruolo di vicepresidente di Cape Sicilia. D´altronde, Lombardo premia sempre i transfughi che abbracciano la causa autonomista. Come dimostrato da Giancarlo Granata, ex parlamentare di An candidato dall´Mpa alle Regionali, non rieletto e quindi ricompensato con la presidenza di Multiservizi. La commistione fra politica e amministrazione è una regola, nell´era lombardiana: Fabio D´Amore, responsabile dell´Mpa a Messina, è anche il commissario dell´ente fiera. Mentre Gaspare Noto, segretario del movimento per l´autonomia a Trapani, guida il locale istituto autonomo case popolari. La strada, d´altronde, l´avevano aperta Nicola Vernuccio e Rossana Interlandi, ex referenti del partito a Palermo e Caltanissetta nominati ai vertici dell´amministrazione regionale con il ruolo di dirigente generale: finiti anche loro nel frullatore di nomine, revoche e incarichi a interim che ha sconvolto negli ultimi anni la mappa della burocrazia regionale. Per intenderci: in due anni e mezzo il dipartimento del Personale ha cambiato quattro titolari (Liotta, Lo Nigro, Tozzo e Bologna), così come il dipartimento dei Beni culturali (Palma, Russo, Emanuele, Campo) mentre alla segreteria generale - ruolo apicale dell´amministrazione - si sono avvicendati tre dirigenti (Taormina, Russo ed Emanuele).
E cambia, con frequenza, pure l´elenco dei consulenti del presidente. Anch´essa si può scorrere seguendo la pista catanese o cercando le tracce di una militanza nell´Mpa. Fra i nominati, per una consulenza in materie sociali, Pietro Garonna, già commissario dei giovani del movimento a Palermo, Serafina Perra - ex assessore provinciale dell´Mpa a Catania - e Adolfo Messina, giornalista chiamato da Palazzo d´Orleans per un incarico corredato da una lunga motivazione: «Comunicazione nel settore della tecnologia e della telematica per la revisione, in particolare, dei processi organizzativi interni e delle relazioni con organi esterni». Messina dal 2000 al 2005 ha lavorato come coordinatore di segreteria, al Senato, di Pino Firrarello ed è stato addetto stampa della Waste Italia, la società che avrebbe dovuto realizzare il termovalorizzatore di Paternò. Messina avrebbe contribuito a svelare i retroscena dell´affaire inceneritore, quel «caso Paternò» che Lombardo ad aprile ha portato in aula, all´Ars, additando proprio Firrarello come grande orditore di manovre nei suoi confronti. Il primo giugno Messina ha avuto un contratto da consulente per cinque mesi.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news