LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - Dagli scavi riaffiora la taverna con bancone
Nicola Nucci
31-10-10, 08Lucca IL TIRRENO


CAPANNORI. A dicembre a Capannori aprirà un museo archeologico ed etno antropologico in via della Posta, nella sede del Gac (nell’ex sede del comitato elettorale Del Ghingaro). Una taverna con bancone e due forni - una sorta di tavola calda ante litteram - è riemersa durante la campagna di scavi nel sito archeologico di via Martiri Lunatesi. Precedentemente nell’edificio si svolgevano attività di tipo metallurgico. Una taverna vera e propria dove l’avventore poteva mangiare seduto e in una sorta di tavola calda (thermopolion) con bancone per gli avventori dove si potevano acquistare focacce o mangiare in piedi. È questa l’attività che si svolgeva nella struttura adibita ad attività produttive già rinvenuta nei precedenti scavi, come è emerso durante la campagna di scavi 2010 nel sito di via Martiri Lunatesi situato in prossimità della sede comunale, promossa dal Gac, il Gruppo Archeologico Capannorese, grazie al rinnovato contributo del Comune e della Fondazione Banca Del Monte di Lucca. Come è stato spiegato durante la conferenza stampa svoltasi stamani (sabato) sul posto alla presenza del sindaco, Giorgio Del Ghingaro e dell’assessore alla cultura, Leana Quilici, dal direttore scientifico Giulio Ciampoltrini e dall’archeologo responsabile del sito, Alessandro Giannoni, la presenza di un forno utilizzato per la cottura di alimenti a base di legumi e, forse, cereali, ritrovati in grandissima quantità sul piano di lavoro, e di un altro forno utilizzato per la preparazione di pietanze a base di carne, consentono di affermare che nell’ultimo periodo della sua vita l’edificio di via Martiri Lunatesi era interamente rivolto alla ristorazione. «Si tratta di scoperte rilevanti - ha detto il sindaco, Giorgio Del Ghingaro - che confermano la ricchezza archeologica di Capannori. Una ricchezza da valorizzare ulteriormente quale volano per lo sviluppo turistico del territorio. Per questo a dicembre nel centro di Capannori apriremo un museo archeologico ed etno antropologico che sarà anche la sede del Gac e della sezione capannorese dell’Istituto storico lucchese - Auser». «Ringrazio il comune di Capannori per il grande impegno profuso per l’archeologia - ha detto Giulio Ciampoltrini -, un impegno portato avanti con continuità e serietà, e anche per avere speso molto bene e gestito con oculatezza le risorse messe a disposizione». L’esposizione permetterà di valorizzare al massimo i reperti archeologici finora ritrovati insieme ad altri tipi di materiali e documenti e svolgerà un’importante funzione didattica per le scuole capannoresi e non solo. «Intendo sottolineare la valenza didattica che il sito di via Martiri Lunatesi assumerà sempre più - ha detto l’assessore alla cultura, Leana Quilici - per la sua progressiva musealizzazione che sarà concepita con letture “facilitate” e quindi più facilmente comprensibili per i bambini e i ragazzi». Non meno rilevanti sono le nuove informazioni riguardanti l’attività di tipo metallurgico: l’eccezionale conservazione di strutture e basi di lavoro permetteranno di entrare nel dettaglio del ciclo di lavoro, articolato nella tempera nel raffreddamento e nella battitura del metallo, di un fabbro vissuto nella media età imperiale. Nel completare lo scavo all’interno dell’edificio vissuto nel II-III secolo d.C. viene quindi confermata l’interpretazione, già proposta sulla scorta dei risultati delle passate campagne di scavo, come taverna disposta lungo un itinerario sia fluviale che stradale, distrutta da un devastante incendio poco dopo il 250 d.C. forse in occasione di incursioni da parte di bande armate appartenenti a tribù barbariche (Alamanni) che nel 258 d.C. misero a ferro e fuoco gran parte dell’Italia centro settentrionale. Da rilevare che l’area produttiva è stata solo parzialmente scavata, estendendosi ben oltre i limiti dei saggi aperti quest’anno. Dalle ricerche future gli archeologi si aspettano ulteriori elementi per comporre un quadro estremamente articolato e completare le indagini dell’area produttiva. L’intervento, effettuato durante il periodo estivo, è stato condotto da restauratori professionisti, che hanno lavorato in stretta collaborazione con gli archeologi. Inoltre, grazie ad una collaborazione avviata col Dipartimento di Scienze della Terra dell’università di Pisa, è stata effettuata una campagna di prospezioni geofisiche del sottosuolo nelle adiacenze del sito, i cui risultati hanno dato indicazioni sulle potenzialità archeologiche dell’area, in forza delle quali potranno essere programmate nuove indagini.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news