LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Sui pro e contro del Piano paesistico
LA SICILIA Domenica 31 Ottobre 2010 Ragusa, pagina 39



Sul merito e sul metodo di questo strumento di pianificazione urbanistica il Consiglio provinciale ha dibattuto per quasi 4 ore




Sui pro e contro del Piano paesistico, sul merito e sul metodo di questo strumento di pianificazione urbanistica il Consiglio provinciale ha dibattuto per quasi 4 ore. Ad inizio di seduta l'assessore al Territorio e Ambiente, Salvo Mallia, ha ripercorso le tappe della mancata concertazione con la Sovrintendenza di Ragusa e della decisione di ricorrere al Tar insieme agli altri 11 comuni della Provincia (Vittoria non ha scelto la strada del ricorso amministrativo) per sospendere l'adozione del Piano decretato ad agosto dall'assessore Armao. Mallia ha detto che la vicenda viene seguita su due piani: uno legale col ricorso al Tar e l'altro politico non tralasciando la soluzione istituzionale. Durante il dibattito sono emerse anche posizioni contrastanti all'interno degli stessi gruppi. Il gruppo consiliare di Sinistra Europea non ha la stessa posizione perché i consiglieri Abbate e Mustile la pensano in modo diverso. Abbate considera "il piano anacronistico che colpisce in modo diffuso senza una logica di sviluppo l'intero altopiano ibleo penalizzando le aziende agricole e zootecniche", mentre, Mustile ritiene che il territorio vada tutelato individuando zone di pertinenza per artigianato e industria ed ha stigmatizzato la gestione esclusiva della sovrintendente nella definizione del piano". Il consigliere Mandarà (Pdl) ha auspicato un Piano a misura d'uomo ma anche d'impresa, mentre, Barrera ha ritenuto lo "strumento calato dall'alto" ed ha fatto appello al governatore Lombardo di sensibilizzare il nuovo assessore Messineo ad avviare la concertazione per rivedere il Piano. Piuttosto critico l'intervento di Galizia (Gruppo Sicilia) sulle procedure utilizzate dalla soprintendente e dall'assessore regionale Armao per adottare il Piano che deve tener conto delle istanze del mondo agricolo su cui vive l'economia iblea. Per Angela Barone (Pd), il Piano deve essere portatore di interessi collettivi e sulle procedure adottate dagli organi regionali ha rilevato "una forzatura delle regole e delle procedure amministrative". Il presidente del Consiglio provinciale, Giovanni Occhipinti, ha posto forti rilievi sulla "ratio" di tutto il piano che soggiace "a particolare interessi lobbistici di area catanese che si manifestano su più fronti". Occhipinti ha auspicato "una rivolta civile della popolazione contro questa sorta di colonizzazione del territorio ibleo". Franco Poidomani (Gruppo Misto) ha auspicato invece che il Piano si faccia con un processo democratico e non in "modo superficiale e poco condiviso dal territorio che ha il diritto di essere ascoltato". Ha rilevato che il piano è privo della Valutazione Ambientale Strategica. Giovanni Iacono (IdV) ha ribadito il suo "sì" convinto al Piano, "necessario per tutelare il territorio e non saccheggiarlo con operazioni indiscriminate di cementificazione". Per Bartolo Ficili (Udc) invece con questo Piano "il territorio viene ad essere violentato".


31/10/2010



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news