LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAGLIARI - Lo stadio? E’ verde pubblico
Mauro Lissia
La Nuova Sardegna, 20 ottobre 2010

Nel conto del Comune anche dune scomparse e un parco sotto sequestro. LA POLEMICA. Gli ecologisti denunciano i conti addomesticati mentre gli alberi vengono tagliati a ripetizione.

CAGLIARI. Per l’amministrazione comunale il prato del Sant’Elia, le aiuiole spartitraffico di via Dante, il cantiere dell’Immobiliare Europea a Santa Gilla e le scomparse dune del Poetto fanno parte del verde pubblico. La mappa diffusa dal dirigente Claudio Papoff è un’autentica comica, perchè comprende anche il parco di Tuvixeddu messo sotto sequestro dalla Procura della Repubblica. A denunciare quella che appare come «una presa in giro» destinata ai cagliaritani è Stefano Deliperi, che firma una nota per il Gruppo di Intervento giuridico e gli Amici della Terra. Il riferimento esplicito è al ‘Piano del verde’, presentato due giorni fa dall’assessore all’urbanistica Giovanni Maria Campus, dallo stesso Papoff-manidiforbice e dall’esponente di Legambiente Silvano Piras. I dati, affiancati alla mappa con le aree verdi, sono semplicemente sconcertanti: secondo il Comune la città potrebbe contare su un milione e 637 mila metri quadrati di verde pubblico, quasi il doppio rispetto al 1998. Ogni abitante avrebbe a disposizione 10,4 metri quadrati con una crescita del 108% rispetto al 1996. Una situazione da far invidia ad Amsterdam, Stoccolma, Copenhagen e alle più accoglienti città austriache e svizzere. Peccato però che pur di affermare un primato inesistente l’ufficio di Papoff - ormai noto per la propensione a segare alberi e a proporre piazze di calcestruzzo e marmo - abbia messo nel conto una serie di spazi che non sono certo alla portata dei cittadini. Ma c’è di più: in quello che Deliperi indica come «delirio alla clorofilla» i rappresentanti dell’amministrazione comunale arrivano a prevedere una quota di quattro milioni e 47 mila metri quadrati di «verde pubblico fruibile», con un 23,5 metri quadrati ad abitante che metterebbe Cagliari ai vertici assoluti in Europa. La realtà, come qualsiasi cittadino può constatare, è del tutto diversa. L’amministrazione comunale, seguendo i taglienti consigli di Papoff, ha tolto di mezzo le jacarande di piazzetta Mascia e ha trasformato uno spazio verde accogliente in una vasca di cemento illuminata con luci verdi extraterrestri. Il progetto per abbattere i ficus di piazza Garibaldi è già sul tavolo del sindaco, mentre le condizioni degli alberi di viale Trieste sono sotto gli occhi di tutti. Via il verde e largo al cemento: la terrificante cittadella della musica, in piazza Giovanni XXIII, è stata «abbellita» nel finale dei lavori con un parcheggio a raso, tutto di cemento, destinato gratuitamente al T-Hotel di Gualtiero Cualbu e non al teatro lirico, che sta dall’altra parte. Un rapido amarcord richiama alla memoria gli alberi di via Amat, abbattuti per fare un parcheggio. Per non parlare della scalinata di via Scano, che ha demolito un giardino per aprire la via alla chiesa-pandoro di Santa Caterina.
Eppure, malgrado l’amministrazione abbia realizzato negli anni una politica di eliminazione drastica del verde pubblico - magnifico il taglio di un pino di cinquant’anni vicino alla scalinata di viale Bonaria perchè oscurava l’obiettivo di una telecamera impegnata a riprendere il fugace passaggio del Papa - il Comune diffonde dati rassicuranti, che indicano una forte crescita degli spazi verdi con un piano che - osserva Deliperi nella sua nota - ha il sapore della beffa. Nessun accenno invece al parco naturale del Molentargius-Saline, la cui parte cagliaritana versa in totale stato di abbandono. Non resta che affidarsi all’ironia ed è quello che fa Deliperi: «Fra poco - scrive nella nota - pur di far tornare i conti del verde pubblico calcoleranno anche la superficie dei vasi di fiori, quelli che teniamo nei balconi delle nostre case». Forse era il caso di non regalare ai dirigenti comunali quest’idea, potrebbero farla propria per la prossima conferenza stampa.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news