LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano. Arco senza pace, dopo i crolli arriva la cancellata
Giulia Bonezzi
Il Giorno Milano 6/11/2010

Fuochi e sporcizia sotto la volta, anche la Sovrintendenza vuole recintare. I locali: paghiamo noi

MILANO Una rosetta, una delle centinaia che decorano la volta dell'Arco della Pace: ecco il pezzo di marmo che mercoled si staccato schiantandosi al suolo. E imponendo, per sicurezza, il ritorno delle transenne intorno al monumento liberato dalle impalcature appena quattro mesi fa, dopo un restauro a puntate che andava avanti dal '94. E i tempi biblici dei lavori non sono estranei all'incidente che, per fortuna, non ha provocato feriti: la parte interessata dal crollo, hanno appurato col sopralluogo di gioved i funzionari della Sovrintendenza ai beni architettonici e i tecnici della Boj, l'impresa genovese che ha completato l'ultimo lotto dei lavori, era stata restaurata dieci anni fa. Come dire, inaugurata gi vecchia. E come quasi sempre, in questa storia, all'origine dei guai ci sono i quattrini, o meglio la mancanza cronica degli stessi: tra uno sponsor fallito nel cammino e gli stanziamenti a singhiozzo dal Ministero, ci sono voluti sedici anni per mettere insieme i due milioni e mezzo di euro spesi (quasi interamente dallo Stato) per restaurare, a pezzi, l'Arco.
La storia si ripete, adesso, per il capitolo cancellata, che non c'entra col distacco dei frammenti di marmo ma piuttosto con la necessit di proteggere il monumento da bivacchi e atti vandalici. L'aveva invocata il vicesindaco Riccardo De Corato gi durante l'inaugurazione, ma adesso la vogliono anche i funzionari dei beni culturali, perch, spiega il sovrintendente Alberto Artioli, abbiamo gi trovato le tracce di qualche fuoco acceso, degli escrementi per terra. Per fortuna nessun graffito: i writer evidentemente hanno un codice morale. L'idea recintarne la porta con una cancellata da chiudere durante la notte. Una cancellata d'epoca, ispirata a quella del casello a ponente. Che sar restaurato pure lui, con i soldi di Roberto Cavalli, a saldo della sua sfilata sotto l'arco durante la settimana della moda.
E la cancellata? In Sovrintendenza hanno gi pronto un progetto, e un preventivo: Sui centomila euro, dice Artioli. Denaro che sarebbe potuto arrivare dalla pubblicit sui ponteggi, se il cantiere si fosse protratto ancora per qualche mese, ma la citt aspettava di rivedere l'arco ormai da troppo tempo. E quando il restauro stato inaugurato, in luglio, i titolari dei locali della zona, entusiasti, s'erano offerti di adottare il monumento, cominciando col pagare la recinzione. Magari!, sospira il sovrintendente Artioli. Fabio Acampora, titolare del bar Living e presidente di Asco Arco della Pace che associa quattordici indirizzi chiave della movida di Corso Sempione, quell'appello dice di averlo gi raccolto: Siamo in contatto con la Sovrintendenza. Una funzionaria mi far avere il preventivo, credo di poter convocare l'assemblea entro Natale. L'idea era piaciuta, potremmo contribuire. Difficile comunque che, autotassandosi, i locali riescano a mettere insieme centomila euro da soli, ma Acampora riflette: Possiamo attivarci per cercare degli sponsor, anche tra i nostri fornitori. I tempi? Il sovrintendente Artioli e il titolare del Living parlano entrambi di qualche mese, per completare il progetto da una parte e trovare i fondi per realizzarlo dall'altra. Se le due condizioni combaceranno, l'arco trionfale che abbracci l'ingresso in Milano di Vittorio Emanuele II, di l a poco primo re d'Italia, potrebbe festeggiare i 150 anni dell'unit nazionale abbracciato da un recinto.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news