LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VERONA - Il colosso ancora innominato e altri segreti del Teatro Romano
Domenica 07 Novembre 2010 CULTURA Pagina 65 L'ARENA



MOSTRA. Reperti mai visti prima in un bell'allestimento: c' la famosa sfinge in marmo turco




Al Museo Archeologico le sculture che erano parte dell'apparato decorativo nell'edificio monumentale

Il Teatro Romano, costruito negli ultimi decenni del I secolo a. C., era ornato da sculture e decorazioni in tufo, marmi di vari colori, bronzo talvolta dorato. Una ricchezza decorativa che ora si pu immaginare grazie all'esposizione in corso per un anno al Museo Archeologico, intitolata Sculture dal teatro, e curata dalla direttrice del Museo, Margherita Bolla. Abbiamo lavorato mesi, dice, per presentare nel modo migliore una serie di reperti di grande valore storico che per richiedono uno sforzo di interpretazione e di fantasia. una mostra un po' complessa, che si avvale di un piccolo catalogo, che anche una guida al Teatro Romano nel suo complesso.
L'esposizione inizia con dei pezzi eccezionali, mai presentati prima d'ora, come le zampe di una statua equestre probabilmente imperiale in bronzo dorato, a grandezza naturale, smembrata dopo il declino dell'edificio, ma in parte sfuggita alla rifusione, di cui restavano vittima quasi tutte le sculture. Un pezzo di storia di Verona, sottolinea la direttrice. Accanto, si ammira un piede bronzeo nudo maschile, oggetto di grande interesse da parte dei viaggiatori inglesi che nel Settecento volevano acquistarlo.
Nelle altre vetrine del bell'allestimento di Eleonora Boar reperti scelti o per l' estetica o per l'importanza storica, tra cui minuti frammenti di un fregio che doveva appartenere all'edificio scenico. Comparivano anche satiri, sileni e baccanti, qui esposti, per i quali non sempre agevole ipotizzare una funzione e una collocazione precise; alcuni fungevano da atlanti, sostenevano cio altri elementi architettonici o costituivano pilastrini figurati. Di particolare raffinatezza alcuni satirelli su volute.
L'insieme doveva dare la sensazione di un'architettura animata, con effetti quasi barocchi.
La star della mostra per una splendida sfinge, dalla vita travagliatissima, una delle sei in origine collocate nel Teatro; realizzata in marmo proveniente da cave situate nell'odierna Turchia, era usata forse come chiusura di una fila di sedili.
Al termine del breve ma interessantissimo percorso, una testa coronata di marmo di una statua colossale, risalente agli inizi del III secolo, di cui non si identificato il titolare.

http://clic.larena.it/GiornaleOnLine/Arena/stampa_articolo.php?id_articolo=1727648&pagina=65


news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news