LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

POMPEI L'ultimo sovrintendente: restauro sbagliato, il tetto rifatto con materiale troppo pesante
il secolo XIX 07/11/2010


parla giuseppe proietti, in pensione da poche settimane
NAPOLI. Per l'ex sovrintendente di Pompei-Ercolano Giuseppe Proietti, andato in pensione da poche settimane e ultimo dirigente prima della gestione commissariale, la pesantezza del tetto, unita alla cedevolezza del terreno, avrebbe fatto crollare tutte le pareti della Domus dei Gladiatori. Ma, lui stesso a sostenerlo, in passato non c'erano stati particolari motivi d'allarme.
Dottor Proietti, com' possibile che accadano cose simili?
Le motivazioni del crollo saranno stabilite dalle varie inchieste gi partite. Al momento si pu sostenere l'ipotesi di una doppia causa: il restauro del tetto con materiali troppo pesanti e le infiltrazioni d'acqua.
Non si era verificato alcun segnale di pericolo negli ultimi tempi?
La Schola Armaturarum non era segnalata come una situazione a rischio. L'edificio per molto vicino a settori della citt non ancora scavati. Anche questo avrebbe reso il terreno pi cedevole, specie con le piogge. Non era aperta al pubblico ma non c'erano stati al suo riguardo particolari motivi di allarme.
Quando era stato fatto un controllo sullo stato di conservazione delle case di Pompei?
Un rilievo complessivo delle Domus di Pompei, con un'indagine sullo stato di conservazione, era stato fatto all'inizio degli anni '80, subito dopo il terremoto dell'Irpinia che aveva causato, anche nell'area archeologica, notevolissimi danni con tremila edifici colpiti. L'indagine, conclusa nel luglio del 1981, era stata promossa dall'allora ministro del Bilancio Giorgio La Malfa con la collaborazione dei ministri dei Beni Culturali e della Difesa nonch dell'allora commissario straordinario di Pompei. la Schola Armaturarum era stata restaurata nel 1947 quando alla guida della Soprintendenza di Pompei c'era l'archeologo Amedeo Maiori. Secondo quella che era l'impostazione dell'epoca era stato completamente ricostruito il tetto, usando il cemento, ma anche le quattro pareti dell'edificio erano state in parte integrate.
Un altro ex soprintendente di Pompei Giovanni Guzzo, archeologo di fama internazionale, particolarmente critico con la politica del commissario straordinario voluto dal governo.
Dice Guzzo: Dalle fotografie direi che ci sono state infiltrazioni dalla pendice non scavata. Come successe a gennaio alla casa dei Casti Amanti, dove croll l'edificio. La Schola Armaturarum si trova in quella parte addossata al settore Pompei non ancora portato alla luce. C' un dislivello di terra lavica di 5-6 metri: l ci piove e l'acqua spancia.
Quando alla prevedibilit, l'ex soprintendente rimane prudente: Non so se era prevedibile, ma dieci mesi fa successa una cosa analoga a poche centinaia di metri: si doveva monitorare quella zona per vedere se c'erano pericoli. Meno male che il crollo avvenuto quando non c'era nessuno. Il caso dei Casti Amanti non stato peraltro mai chiarito. Ma come successe l poteva succedere anche in po' pi in l. Magari hanno fatto accertamenti. un tipico caso da Protezione civile, una frana... . Poi, per, aggiunge: Ognuno deve fare il mestiere suo. L'ho detto quando fu nominato commissario Profili nel 2008 e lo ripeto adesso: non ci si pu improvvisare in un altro mestiere.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news