LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sardegna. Cultura, un'industria negata
Mario Girau
Nuova Sardegna 8/11/2010

Parlano i sovrintendenti: Non abbiamo n mezzi, n personale

CAGLIARI. Beni ambientali e culturali risorsa paracadute contro una disoccupazione giovanile che viaggia verso quota 45%. Pi che una proposta quella del sindacato stata un appello, immediatamente attuabile, al presidente della Regione perch un piano straordinario per il lavoro giovanile parta dalla Sardegna-museo a cielo aperto. Sarebbe il miracolo della Finanziaria. Siamo una delle regioni italiane con la pi alta concentrazione di beni culturali e ambientali dice Gabriele Tola, sovrintendente ai beni artistici e architettonici per le province di Cagliari e Oristano e ad interim per le province Sassari-Nuoro ma con organici largamente deficitari nelle nostre strutture statali e quindi impossibilitati a spalancare le porte dell'immenso patrimonio artistico-storico sardo. In questo settore lo Stato apre le piste, che pubblico e privato sono chiamati ad esplorare. Invece il ministero dei Beni Culturali taglia. Nelle sovrintendenze artistiche sarde gli organici sono fermi al 1997. Di questo passo annuncia un funzionario tra otto anni chiudiamo. Non siamo pi in condizioni di svolgere il nostro lavoro: non la tutela, non la conservazione, forse neppure l'esposizione al pubblico. Altra miniera di nuovo lavoro il settore archivistico. Nei quattro archivi di Stato provinciali operano poco pi di 80 persone, come a met degli anni '90, quando le unit necessarie erano 250. Dal 1978 in certi uffici non si fa turn over. Ogni comune dice Carla Ferrante dell'Archivio di Stato di Cagliari tenuto ad avere un archivio storico, curato da professionisti. Se si escludono i grandi municipi, tutti gli altri navigano nel buio. Non hanno risorse? Potrebbero consorziarsi. Per non parlare di altre categorie di enti pubblici dove l'organizzazione archivistica lascia a desiderare. Anche i dieci archivi diocesani aggiunge monsignor Tonino Cabizzosu, direttore di quello cagliaritano richiedono la presenza continua di esperti nella catalogazione e conservazione, conoscitori di paleografia e diplomatica. L'accesso alle fonti documentali, ancora inesplorate, custodite dalle chiese potrebbe modificare parti so- stanziali della storia della Sardegna cos come oggi conosciuta. Nel 1994 negli undici uffici periferici del ministero dei Beni Culturali archivi, sovrintendenze, biblioteche universitarie operavano oltre 800 addetti, oggi diminuiti a quota 600. I sindacati rivendicano un organico di dimensioni almeno doppie. Marco Minoja, sovrintendente archeologico per Cagliari e Oristano, insiste sulla necessit di nuovi stanziamenti. La Regione ha gi fatto, ma deve continuare a investire nella tutela e valorizzazione dei beni culturali. Per il nostro patrimonio abbiamo bisogno di esperti in catalogazione, in valorizzazione del bene artistico, in archeologia preventiva: professionisti in grado di esercitare un controllo ex ante sui lavori pubblici. Infine conclude Minoja sono necessarie figure idonee ad assicurare conservazione e manutenzione alle nostre grandi emergenze archeologiche, come Nora e Tharros, per citare le pi conosciute. Solamente il recupero e il restauro di chiese e centri storici potrebbe dare lavoro a centinaia tra muratori, architetti, restauratori, falegnami, stuccatori, etc. Di importanza strategica, non solamente nel contesto culturale, ma anche in quello dello sviluppo economico, il sistema regionale dei musei. Il nostro Michelangelo dicono gli studiosi il patrimonio etnografico raccolto in circa 50 musei, poco meno di un terzo dei circa 170 istituti museali sardi censiti, esclusi gli statali. Tra i restanti, 35 sono archeologici, 28 scientifico-naturalistici, 19 artistici, 31 storico-biografici e di arte sacra. Se tutti funzionassero al meglio, organizzati secondo quanto previsto dal "Piano di razionalizzazione e sviluppo" messo a punto dalla Regione", insieme costituirebbero la prima grande industria della Sardegna. Ogni museo o raccolta museale deve prevedere figure professionali qualificate per svolgere funzioni direttive, curatoriali, educative e didattiche, comunicative e promozionali, amministrative, di sorveglianza e accoglienza, gestione della sicurezza.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news