LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La manutenzione questa sconosciuta
Antonio Pascale
Il Mattino Napoli 9/11/2010

L'Italia un Paese a rischio crolli. Atrani e Pompei, tanto per citare gli ultimi casi, pur nelle loro evidenti differenze, non sono eventi isolati. Si piange nell'immediatezza dell'evento, poi magari dopo un po' di tempo - due settimane, un mese appena - le lungaggini burocratiche prendono il sopravvento: dei fondi promessi se ne vedono pochi, tutto torna pi o meno com'era prima. Chi scrive ha da vent'anni un rapporto molto stretto con le calamit naturali. Mi occupo di calamit naturali in agricoltura. In sintesi, stimo i danni prodotti da temporali, piogge, alluvioni e altri disastri. Nonostante la stranezza del mio lavoro non sono un tipo lugubre e nemmeno lo sono i miei colleghi, anzi, siamo accolti bene, perch arriviamo dopo le suddette calamit per sanare (distribuendo soldi) i danni. Bene, chiarito quest'aspetto scaramantico, passiamo al punto seguente: la legge che regola il settore davvero ben fatta. Noi funzionari siamo orgogliosi di applicarla. La legge stabilisce che, per esempio, una strada danneggiata pu essere riparata con soldi pubblici se e solo se, prima dell'evento avverso, la strada era in buone condizioni. Cio, usando un gergo tecnico, fosse ben manutenuta. Giusto: se la strada ben costruita, se ci sono canalette per lo scolo delle acque, e se queste sono pulite, se, insomma, queste condizioni sono soddisfatte, allora, una pioggia di modesta o forte intensit, non pu danneggiare la strada. Solo se la pioggia stata davvero eccezionale, fuori norma, fuori squadro, solo allora, davanti alla sfortuna climatica, quando le canalette di bonifica non tengono l'eccezionale flusso d'acqua, arriviamo noi funzionari, noi civil servant, per stimare i danni e distribuire denaro pubblico. Per il mio lavoro viaggio spesso, su e gi, al Nord e al Sud e una cosa certa: in Italia nessuno fa manutenzione. Non stata fatta ad Atrani, nel Messinese, in Calabria. Checch ne dicono i leghisti, i neoborbonici, quelli del Pdl o del Pd, la storia sempre la stessa, ed un tratto che ci accomuna: tutti chiediamo soldi allo Stato italiano (ci sentiamo in debito) ma non siamo propensi a ritenerci Stato quando ci tocca praticare ordinari lavori di manutenzione (che eviterebbero di produrre il debito). I tecnici regionali che incontro nei miei viaggi si lamentano: non abbiamo soldi per praticare la manutenzione del territorio. Certo, dovevamo pulire queste canalette, certo dovevamo fermare queste crepe, certo potevamo costruire un muretto di contenimento, ma a noi i soldi chi celi d? Ci dobbiamo arrangiare. Come ci arrangiamo allora?- Breve inciso: quando stavo all'universit mi tocc frequentare il corso di fisiologia vegetale. Eravamo pochi. La professoressa disse: Tipico atteggiamento italiano. Tutti si iscrivono al corso di patologia, in pochi a quello di fisiologia. Tutti vogliono vedere e curare i danni, nessuno che si preoccupa di come funzionano le cose. Male: proprio questa ignoranza a generare il danno. Insomma, preferiamo commentare il danno gi fatto; preferiamo il te l'avevo detto io... all'impegno nella banale manutenzione ordinaria. Ci indigniamo tutti - chi pi chi meno - davanti a un orribile danno. E chi non si commosso, ad esempio, davanti alla vicenda della povera Francesca, travolta dall'onda di fango nel bar di Atrani? Prendiamo posizione, alziamo la voce, esageriamo con gli aggettivi. Cos spesso mi tocca sentire descrizioni di eventi calamitosi conditi con aggettivi superlativi. un modo che i tecnici hanno di arrangiarsi: dichiarare che la pioggia stata eccezionalissima. Un superlativo forzato ma che diventato ordinario. E vero, la manutenzione non stata praticata: Ma dottore carissimo, quel giorno cadeva tanta di quella pioggia che mai a memoria d'uomo se ne ricorda una cos. Mai a memoria d'uomo. E la frase tipica che ascolto da 22 anni. Ogni volta che cade una pioggia c' qualcuno che dichiara: mai a memoria d'uomo! Che so, vado in Campania per stimare i danni e mi dicono: ad aprile 2008, dottore carissimo, qui caduta tanta di quell'acqua che mai a memoria d'uomo... Poi ci torno nel 2009, stesso posto, stesso tecnico che mi dice: Dottore carissimo, un evento eccezionalissimo, caduta tanta di quell'acqua che mai a memoria d'uomo. Ora, davvero, i tecnici regionali devono arrangiarsi, cercare cio di recuperare in tutti i modi i soldi per sanare le ferite del territorio, quelle causate dall'usura fisiologica o quelle derivanti dalla cattiva gestione e dalla mancate manutenzioni. Sono i soli che possono farlo, i politici non ci pensano proprio. Ed il problema pi serio che dobbiamo affrontare. Un politico non ricava niente impegnandosi a finanziare dei lavori ordinari: riparare piccole crepe o pulire una canaletta di bonifica. La sua immagine - e i voti a questa legata - non migliora se si occupa di manutenzione. Troppo banale. Troppo poco creativo. A giudicare dalla pessima condizione del nostro territorio ci vorrebbe una sorta di piano Marshall per la manutenzione, cos articolato e serio, cos poco italiano, che mai a memoria d'uomo se ne ricorda uno simile.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news