LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

In che mani mettere Pompei?
Tomaso Montanari
Corriere del Mezzogiorno, 10-10-2010

Il crollo di Pompei non scuote le granitiche certezze di Sandro Bondi. Per il ministro, il problema centrale della conservazione e della tutela continua ad essere l’assenza di ‘cultura manageriale’. In piedi sulle macerie – in una sorta di mesto e velleitario ‘predellino dei beni culturali’ – egli ha annunciato che il soprintendente di Pompei sarà affiancato da un manager, e che tutto dipenderà da una Fondazione privata. Così la bacchetta magica dell’ideologia torna a brillare tra le mani di chi dovrebbe invece misurarsi con la realtà.
Del resto, l’atto più memorabile del tramontante ministero Bondi è stata l’istituzione della Direzione generale per la valorizzazione ed il suo contestuale affidamento al supermanager degli hamburger Mario Resca. Non che Bondi si sia inventato qualcosa di nuovo. Egli si è limitato ad allargare (certo decisivamente) l’esiziale falla aperta nel 2001 dal Centrosinistra con l’introduzione della separazione tra tutela e ‘valorizzazione’ nel Titolo V della Costituzione. Ed è esattamente questa separazione ciò che Bondi vorrebbe applicare a Pompei.
Ma si tratta di una pessima idea: tanto nelle premesse poste da Giovanna Melandri, quanto nelle conseguenze tratte da Sandro Bondi. Se oggi possediamo il patrimonio storico e artistico che possediamo, infatti, è perché esso è stato bene amministrato da persone che lo conoscevano profondamente, cioè da storici dell’arte e da archeologi. E non si può separare l’amministrazione dalla conoscenza, perché ciò equivarrebbe non solo a separare, ma a contrapporre, il fine e i mezzi.
E qui, però, bisogna intendersi: a cosa serve il patrimonio culturale? Se serve ad aumentare la cultura e a fondare una cittadinanza consapevole (come si ricava dall’articolo 9 della Costituzione) esso non può essere affidato ad un manager, così come non lo può essere una scuola.
Nella fattispecie, l’uscita di Bondi è del tutto inconferente con il problema attuale, perché l’eventuale manager di Pompei non lavorerebbe certo per l’oscura, quanto vitale, manutenzione ordinaria, ma piuttosto per i rutilanti Grandi Eventi, capaci di portare reddito e visibilità: cioè farebbe esattamente ciò che ha fatto il commissario, con i risultati che vediamo.
E, del resto, una simile diarchia, oltre che sbagliata concettualmente, sarebbe fallimentare praticamente, perché non potrebbe che portare ad un conflitto permanente (chi avrebbe l’ultima parola, l’archeologo o il manager?), ad una completa paralisi e ad un sistematico rimbalzo di responsabilità.
Questo vuol dire che le soprintendenze italiane sono il migliore dei mondi possibili? Certo che no. Il paradosso della violenta azione di Bondi contro le soprintendenze è che essa obbliga a difenderle, e impedisce di sottoporle alla critica anche radicale che meriterebbero: esattamente come avviene per la magistratura attaccata da Berlusconi, o per l’università massacrata da Tremonti. Proprio come la magistratura e l’università, il sistema della tutela è infatti afflitto da diffuse sacche di potere irresponsabile, di incompetenza, di incapacità amministrativa e di clientelismo. Ma si tratta comunque di un sistema prezioso e insostituibile, che non va delegittimato, svuotato dall’interno, depresso nella competenza tecnica e affiancato da un costoso doppione: esso va piuttosto governato, vagliato, e messo in grado di funzionare perché torni all’altezza della sua storia e dei suoi compiti.
Sandro Bondi dovrebbe nominare subito il nuovo soprintendente speciale di Pompei, dovrebbe mettergli a disposizione un finanziamento adeguato (magari restituendo l’enorme avanzo di cassa che fu riassorbito ai tempi di Buttiglione) e dargli gli strumenti per spenderlo (e per spenderlo soprattutto in tutela, e in ricerca per la tutela); dovrebbe assumere (e pagare decentemente) gli archeologi e il personale necessarî; e dovrebbe darsi da fare direttamente, come ministro, costruendo un sistema di coordinamento operativo tra soprintendenza ed enti locali. Infine, dovrebbe controllare il lavoro del soprintendente, e destituirlo senza esitazione se non dovesse essere all’altezza.
Insomma, Bondi dovrebbe governare bene l’esistente, invece che progettare inutili, e anzi dannose, rivoluzioni ideologiche. Ma il tempo del ministro e quello del governo sembrano giunti al termine, e si intravede già una campagna elettorale in cui tutti prometteranno la salvezza del patrimonio culturale.
Intanto a Pompei continua, e continuerà, a piovere.

Tomaso Montanari



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news