LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Senato vota la fiducia: pi cemento per tutti
Maria Zegarelli
Unit 15/10/2004

l'Unit
ROMA. Anche questa andata. A colpi di fiducia, ma andata. Adesso Villa Certosa al sicuro, come le villette, piccoli e i grandi abusi sulle ceste, sulle rive di fiumi e laghi, in montagna, nei parchi. Ovunque. L dove non aveva osato il condono arrivato il maxiemendamento alla delega ambientale votato ieri al Senato con 158 voti favorevoli, due contrari e 1 astenuto. Il centro sinistra fuori dall'aula durante il voto, la parola vergogna pi volte volata tra i banchi e sulle teste di un centro destra imbarazzato ma ubbidiente all'ordine di scuderia. Un altro brutto giorno per la Repubblica.
Se sparisce il reato. Il presidente Pera ha dovuto sospendere la seduta 3 volte ed espellere dall'aula i verdi Cortiana, Turroni, De Petris, Donato e Boco. Alcuni senatori, come Giuseppe Specchia, di An, invece, le hanno provate tutte per difendere l'indifendibile. Sostenendo che ci sono una marea di ecomostri che la sinistra non ha voluto demolire. Invece, adesso, arriva questo maxiemendamento e voil Punta Perotti cade gi come fosse carta velina. Nessuno dice che a stabilire l'abbattimnto stato un tribunale, dopo la lunga battaglia per tenerlo su portata avanti dall'ex sindaco di centro destra Di Cagno Abbrescia. Nessuno della maggioranza osa dire, per esempio, che accanto alle pene pi pesanti introdotte per gli abusi pi gravi, c' anche il comma 36 che permette un inedito clamoroso: se chi ha commesso un abuso, ripristina la situazione originale prima della sentenza di condanna il reato viene estinto. Questo vuole dire che se un pinco pallino qualunque si costruito la villa sulla spiaggia se la pu godere fino al giorno prima della sentenza del tribunale. Cos il giorno dopo nessuno potr condannarlo.
Non era mai accaduto che un reato penale si estinguesse grazie ad un codice dei Beni culturali. Il ministro Urbani sar ricordato anche per questo. Ed chiaro sin d'ora. che anche alla Camera andr nello stesso modo. E chi se ne frega se l'Italia conserva il 60% dei Beni culturali mondiali. Gasbarri del gruppo Ds-Ulivo ricorda come il senatore Emiddio Novi, Fi, urlava che mai e poi mai si sarebbe dovuto fare quel Comma 32 dell'articolo 1 della legge delega. Infatti, prima fu eliminato, poi reinserito peggiorato.
E Novi oggi qui che vota come un soldatino. L'avvocato Cesare Previti ha fatto il suo lavoro. Poche ore di impegno ed ecco qua il primo condono nelle aree protette. Pera si chiede se ci sono i relatori in Aula, Turroni dei Verdi risponde: Si vergognano. Mario Greco di Fi spiega che non ce la fa proprio a votare, lui magistrato per 30 anni un senso dello Stato ancora ce l'ha. Specchia invita il centro sinistra a dire le cose come stanno e ad avviare un'indagine conoscitiva su tutti i senatori perch convinto che oltre a Villa Certosa sono tante le situazioni che verrebbero sanate. Fa allusioni. Gavino Angius, Ds, non ci sta al gioco delle illazioni e rilancia: Facciamo una commissione parlamentare d'inchiesta.
Telecamere no. Intanto arriva la decisione: non ci sar la diretta Tv sul voto. Dai banchi dei Verdi si sente un Vergogna, state spogliando l'Italia. solo l'annuncio di quanto accadr di l a poco. Novi prova a parlare, a voce bassa. I Ds urlano: Ti vergogni a parlare pi forte?. Inizia la bagarre. I Verdi insorgono, il presidente li richiama. Novi parla di presunto condono e l'opposizione si accende. Appaiono gli striscioni: State spogliando l'Italia. Poi alcuni senatori Verdi, Ds e Margherita, alzano i cartelli: Villa Certosa ringrazia Villa Certosa la casa abusiva delle libert. Pera sospende la seduta per 12 minuti.
Governo Attila. Ai rientro i Verdi continuano, vengono espulsi e i lavori si fermano ancora. Durissimi gli interventi dell'opposizione in Aula. Questo provvedimento un nuovo attacco all'ambiente - dice Gavino Angius, capogruppo Ds -. un provvedimento incostituzionale, perch la Costituzione tutela l'ambiente, mentre questa legge lo devasta. il quarto provvedimento di condono in pochi anni. Con questo provvedimento ormai stato condonato tutto quello che stato costruito abusivamente in qualsiasi angolo d'Italia. Fausto Giovanelli, Ds, aggiunge: La sanatoria avr effetti penali, amministrativi, e di conseguenza anche civilistici dei lavori e delle trasformazioni di ogni genere compiuti in violazione delle norme di tutela paesistica previste dalla legge Bottai del '39, dalla cosiddetta legge Galasso, dalla legge sui parchi. Willer Bordon, capogruppo della Margherita ricorda: L'attuale ministro dell'Ambiente ottenne il premio Attila nel '94, la prima volta che ricopr questo incarico. Ho umana simpatia per Matteoli, ma in questo contesto perfino Attila avrebbe il diritto di iscriversi al Wwf o a Legambiente. Annota, Bordon, che un teatro greco non ha volume, come una piscina. Quindi chiunque volesse... Tommaso Sodano di Rc:Il governo fa l'ennesimo regalo alla cultura dell'illegalit e del cemento su cui costruiscono le proprie fortune le mafie del nostro paese. Nota a margine: in Aula non c'erano n il ministro Matteoli, n il ministro Urbani.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news