LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il governo bulgaro inchioda Bondi
Malcom Pagani
Il Fatto quotidiano 27/11/2010

Il premier di Sofia: "Hanno pagato tutto gli italiani"
Nella lettera ufficiale dal premier Borisov, una verit diversa da quella raccontata dal ministro italiano. Voci di dimissioni

In questa storia c' del marcio, ma la Danimarca lontana. Bugie ripetute che stanno spingendo Italia e Bulgaria sul crinale della crisi diplomatica. La vicenda del premio fasullo inventato ad agosto per Dragomira "Michelle" Bonev al Festival di Venezia regala una novit al giorno. Ieri stato il giorno del ministro della Cultura bulgaro, l'ex pittore Vlady Rashidov

In questa storia c' del marcio, ma la Danimarca lontana. Bugie ripetute che stanno spingendo Italia Bulgaria sul crinale della crisi diplomatica. La vicenda del pre-
mio fasullo inventato ad agosto per blandire Dragomira "Michelle" Bonev al Festival di Venezia regala una novit al giorno. Ieri mattina, l'ex pittore e ministro della Cultura, Vlady Rashidov si presentato in diretta telefonica sulle frequenze della locale BTV per affrescare un quadro ostile alla versione italiana dei fatti. "Il nostro viaggio al Lido? Il contribuente bulgaro non ha versato un euro. Ho un invito ufficiale del ministro Sandro Bondi e l'ufficio Esteri del nostro ministero, al tempo, mi fece sapere che eravamo invitati alla Biennale con tutta la troupe di Goodbye Mama a loro spese perch avevamo vinto un premio". E poi, tra momenti di involontaria comicit: "Quando vado a cena da qualcuno, non chiedo lo scontrino del supermercato, ringrazio per l'ospitalit e saluto" e passaggi rivelatori: "Gli Italiani si rifiutano di confermare che hanno pagato loro per la crisi economica e gli scandali che investono il governo di Roma", il colpo di teatro di Rashidov. Una lettera protocollata del primo ministro bulgaro Borissov datata 30 agosto, che Il Fatto in grado di produrre. Sul documento ufficiale del premier di Sofia, l'autorizzazione al viaggio italiano subordinata alla spesa da affrontare. Trattandosi di centinaia di migliaia di curo (la comitiva di 32 persone, dopo aver viaggiato su un charter affittato in Germania dalla compagnia Private wings flugcharter GmnH, era ospitata tra il Cipriani e altri alberghi di extralusso), la missiva protocollata di Borisov lascia sul tavolo parole inequivocabili: "La tratta si deve svolgere in aereo: Sofia-Venezia-Sofia, i fondi per l'assicurazione medica e la diaria per 4 giorni devono essere addebitati sul budget del ministero della Cultura bulgaro. Viaggio e alloggio, al contrario, saranno coperti da chi ci ricever". Gli italiani. Bondi, pesantemente tirato in ballo dall'omologo Rashidov anche sul versante economico dell'opera "questo film una co-produzione tra il ministero della Cultura italiano e quello bulgaro" (particolare che l'ex sindaco Pci di Fivizzano ha sempre bollato come falso, ndr) - nega ogni coinvolgimento: "La Direzione generale per il Cinema del Mibac chiarisce definitivamente che in relazione alla presentazione del film Goodbye Mama alla Mostra veneziana, nessuna spesa stata sostenuta n per il viaggio n tantomeno per l'ospitalit della delegazione bulgara, eventualit peraltro non prevista dalla vigente normativa per i finanziamenti al cinema". Il ministero nello scandalo per le vicende Indaco (marito e figlio della compagna di Bondi, la deputata Manuela Repetti del Pdl, beneficiati a vario titolo dal suo dicastero) e per l'invenzione a latere di un premio vero "Action for women", di una patacca avente il solo scopo di compiacere una cara amica di Berlusconi (la spinta che port Bondi a mobilitare il ministero in pieno agosto per l'ordine della falsa targa da consegnarle in laguna), e che indusse Galan, sul red carpet, il 3 settembre, a dire "Berlusconi mi ha pregato di portare personalmente i saluti a Michelle Bonev e lo far con tutto l'entusiasmo di cui sono capace", sostiene che alla propria verit non ci sia "nessuna possibilit di smentita". La ricostruzione di Bondi confligge con quella dettagliata di Rashidov e con i documenti ufficiali di Sofia. La Biennale sostiene di non aver pagato nulla, il ministero. Se la cattiveria spinge a pensieri malvagi, leggi un intervento del presidente del Consiglio, la voce di Paolo Bonaiuti nel tardo pomeriggio a smentire. Una prima telefonata interlocutoria: "Non ne so niente, verifico e le faccio sapere, una seconda pi netta: "Dopo un controllo rapido, non risultano direttamente spese di nessun genere per il film in questione. Qualcuno mente. E non si spiega - se davvero avesse pagato direttamente Michelle-Dragomira, il suo fidanzato italiano o un soggetto terzo - perch Rashidov e Borisov avrebbero dovuto coinvolgere un esecutivo straniero con cui la Bulgaria intrattiene ottimi rapporti. Fu Berlusconi a introdurre Borisov alla prima riunione del Consiglio d'Europa lo scorso anno, e sempre lui a consigliare all'ex bodyguard dell'ultimo leader comunista bulgaro e poi del Re, di lavorare sullo statuto del Ppc per consentire alla sua formazione di centrodestra di crescere in vista dell'ingresso al Schengen. Meno di un mese fa, Borissov era in Italia, a Pescara per una partita di beneficenza. Sbarcati in 46 (a spese questa volta della Unicredit di Sofia) i bulgari si sono trattenuti a cena e all'improvviso tra militari in alta uniforme e parlamentari italiani e balcanici delle pi diverse estrazionia tavola apparsa Michelle Bonev accompagnata da un'altra vecchia conoscenza di B., Dorina Pavlova, vedova del finanziere Iliya Pavlov (ucciso da un sicario nel 2003), ex fotomodella ed erede di un impero sterminato, poi in parte liquidato. La Pavlova, che ama trascorrere l'estate a Porto Rotondo, avrebbe detto che vista la sua forzata assenza, il premier l'aveva pregata di presenziare.
In questa sciarada senza soluzioni in cui tutti smentiscono tutti, forse utile tornare a Rashidov e alle sue parole alla BTV: "Ho avuto un invito personale da Bondi. Il Ministero della Cultura Bulgaro ha comunicato esclusivamente con il Ministero della Cultura Italiano e con nessun'altro. Da Roma mi chiesero se a Venezia era possibile avere gli attori di GoodBye Mama. 'Siamo in crisi', risposi, 'posso portare al massimo un'attrice e un operatore. La trasferta veneziana un'operazione costosissima e non posso prendere soldi dal contribuente bulgaro per un aereo enorme, affittato per trasportare 30 persone a Venezia'. In loco ho avuto incontri ufficiali con Mara Carfagna e il vice-ministro Galan, che si scusato per la mancanza di Sandro Bondi. Con loro ho discusso della creazione di un centro culturale bulgaro a Roma e la futura partecipazione di pittori bulgari alla pi prestigiosa Biennale d'arte Contemporanea del mondo, quella di Venezia. Non partecipiamo da 20 anni, la quota d'accesso di 200.000 euroe lo stato bulgaro, non dispone con questi fondi". Qualcuno racconta il falso e questo l'ennesimo brutto film.

Figli, ex mariti, e finti premi: ci pensa l'uomo di Fivizzano
A dare il via all'inchiesta del Fatto su Bondi stata la scoperta che Fabrizio Indaco, figlio della compagna del ministro, Manuela Repetti, da laureando in Architettura lavora alla direzione generale del Cinema, ovvero per il ministero dei Beni culturali. Con tanto di scrivania e telefono (e "contratto interinale in scadenza", si giustifica la madre). Qualche ora dopo si viene a sapere che il suo genitore naturale, Roberto Indaco, padre del ragazzo ed ex marito della Repetti, ha ottenuto invece una consulenza da 25 mila euro registrata a bilancio nelle spese del Fus 2009, per a non meglio precisata competenza specifica in "Arte e moda". Dopo i parenti, arrivano le amiche. Michelle Bonev (all'anagrafe Dragomira) vuole vincere il Leone d'Oro a Venezia, e quanto meno bisogna darle l'impressione di avercela fatta. Allora, approfittando dell'evento "Action for women", nella defilata Sala Pasinetti, viene creato un premio speciale, con tanto di targa-patacca, per il film prodotto dalla Bonev Goodbye Mama, coprodotto da Rai Cinema con il patrocinio del Mibac. Per l'occasione speciale, mezzo governo italiano e una nutrita delegazione bulgara.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news