LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Agrigento. Il tesoro nascosto di Akragas
Lorenzo Grosso
La Stampa 29/11/2010

Agrigento: via agli scavi per trovare il teatro greco, da un secolo ossessione degli archeologi

Ieri e oggi
Alexander Hardcastle. Il sir amante dell'antichit. Appassionato di grecit, avvi i primi scavi nel 1920. Spese tutte le sue fortune, ma non trov traccia del teatro mori in povert all'ospedale di Agrigento.
Giuseppe Castellana. Direttore del museo archeologico, uno dei massimi esperti in studi preistorici: ha all'attivo oltre 80 campagne di scavi condotte negli ultimi trent'anni.

Avevano tentato in diversi, a localizzarlo, nel secolo scorso, e a riportarlo alla luce. Anche in epoche pi recenti erano state compiute importanti campagne di scavi, ma dell'antico teatro greco in pietra, che una potenza come Akragas, - la pi bella citt dei mortali secondo Pindaro - non poteva non avere, non mai stata trovata traccia. Stiamo parlando di quella che ormai da oltre un secolo una vera e propria chimera che ha affascinato archeologi e studiosi e che oggi ritorna d'attualit. Si tratterebbe di un grande sito che potrebbe celarsi ancora integro, nel sottosuolo della millenaria Valle dei Templi dorici di Agrigento. A dare il via alle campagne di scavi e a lanciarsi in questa avventurosa ricerca, tra i primi, fu, nel secolo scorso, un mecenate inglese, sir Alexander Hardcastle, che innamorato della grecit, decise di portare avanti (finendo per sacrificare l'intero suo ingente patrimonio finanziario) l'ambizioso progetto. Scavi condotti tra il 1920 e il 1930, all'epoca diretti dal giovane archeologo Pirro Marconi per conto dell'inglese, portarono alla luce importanti testimonianze archeologiche ma il teatro non venne rinvenuto. Il sogno di Hardcastle di ritrovare il teatro dell'antica citt di Akragas si spense poi nel 1933 quando mor in un lettino dell'ospedale di Agrigento, povero e amareggiato. Negli anni Settanta ed Ottanta si torn a scavare nella zona archeologica ma anche in questo caso senza particolari risultati. Adesso l'archeologo, Giuseppe Castellana, 64 anni, gi direttore del museo archeologico, considerata tra i massimi esperti in studi preistorici, medita di tentare nuovamente l'impresa. Castellana, allievo del mitico professor Giacomo Caputo archeologo scavatore in Cirenaica e Tripolitania, con un'esperienza di 80 campagne di scavi compiute nell'ultimo trentennio, non nasconde che arrivare al teatro sarebbe un grande successo scientifico internazionale. Il progetto di scavo, che coltivava da tempo, arriva praticamente alla vigilia del suo pensionamento da direttore del Parco Archeologico della Valle dei Templi di Agrigento, I 300 ettari considerati dall'Unesco Patrimonio dell'Umanit, in cui sorgono i famosi templi dorici tra cui quello meglio conservato in assoluto, detto della Concordia. Il progetto, con un piano finanziario di circa 2 milioni di euro che la Regione Siciliana metter a disposizione mediante un Fondo Comunitario Europeo, prevede una specifica campagna di scavi nella zona dell'Agor superiore, in prossimit della contrada San Nicola dove gi sono stati portati alla luce i resti di due importanti edifici pubblici di forma teatrale come il bouleuterion e l'ekklesiasterion. Probabilmente si tratter di una delle pi grandi campagne di scavi che verr finanziata prossimamente in Sicilia anche se non detto che il leggendario teatro o quanto meno l'antico ippodromo (entro il quale, leggenda vuole, si allenassero alle corse per competere ad Atene i migliori cavalli akragantini dell'olimpionico Esseneto) continuino a rimanere una chimera. Forte delle sue numerose collaborazioni con vari musei ed istituzioni a livello internazionale, l'archeologo guarda a queste prossime ricerche con ragionevole distacco. Finora - dice - della citt antica si conosce ancora poco e sono venute alla luce soprattutto testimonianze di et ellenistico-romana. Il teatro in pietra dovrebbe invece essere antecedente, del quinto o quarto secolo avanti Cristo. Mi piace quindi, nei prossimi mesi, poter riprendere il progetto di questa ricerca di Alexander Hardcastle, anche per riuscire ad onorare al meglio la sua memoria!. Sulle speranze concrete di ritrovare il teatro in pietra dell'antica Akragas l'archeologo dice: Se ci avvenisse, sarebbe un evento eccezionale in tutti i sensi. La scoperta passerebbe alla storia e sicuramente renderebbe un gran servigio alla Citt di oggi, che deve vivere e prosperare con il turismo culturale ma - conclude - non riesce ad esprimere completamente tutto l'enorme suo potenziale.

2 milioni di euro. Il finanziamento della Regione Sicilia che attraverso un Fondo Comunitario Europeo permetter all'archeologo Giuseppe Castellana di avviare gli scavi nella zona dell'Agor superiore

Nella leggenda
Cnosso
A met del1'800 di Cnosso, la capitale minoica, restava solo il ricordo. Il ritrovamento -si deve alla caparbiet di un ricco commerciante cretese, Mnos Kalokerinos, le cui ricerche furono portate avanti e completate a partire dal 1900 dall'inglese Arthur Evans. Alessandro il Grande
La tomba di Alessandro il Grande, perduta da secoli, si trova probabilmente a Alessandria d'Egitto (anche se negli anni 90 si era creduto di individuarla nell'oasi di Siwa). A lungo ricercata tra gli altri dall'italiano Achille Adriani e ora dal suo allievo Nicola Bonacasa.
Berenice Pancrisia
Mitica citt dell'oro (per la vicinanza delle miniere nubiane) fu cos ribattezzata da Tolomeo II Filadelfo nel Ill sec. a.C. in onore della madre. Da oltre 400 anni se ne erano perdute le tracce, nel 1989 i fratelli Castiglioni l'hanno ritrovata sotto le sabbie del deserto in Sudan.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news