LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli, Capodimonte. Vasari ritrovato
Stefano De Stefano
Corriere del mezzogiorno - Napoli 27/11/2010

Le tavole di San Giovanni a Carbonara

Restaurati i preziosi dipinti da quarant'anni in deposito
Si vedranno a Capodimonte

Da circa quarant'anni conservate nei depositi della Sovrintendenza perch seriamente danneggiate, finalmente rivedranno la luce le sedici tavole napoletane di Giorgio Vasari, realizzate per conto dei monaci Agostiniani di San Giovanni a Carbonara nel 1545. Grazie infatti all'iniziativa privata dell'associazione culturale Atlantide Ritrovata diretta dalla professoressa Clara Tucci, la stessa che promosse nel 2004 il recupero della celebre fontana di Spina Corona, pi nota ai napoletani come la Fontana delle zizze, le tavole in legno sono state restaurate da Bruno Tatafiore e dal suo studio a partire dal 2005. Oggi, finalmente ultimate, parteciperanno ad un importante allestimento vasariano curato da Ida Maietta che il Museo di Capodimonte inaugurer i117 dicembre alle 12. Sar, spiega la funzionaria del Polo mussale napoletano, un percorso espositivo ed esplicativo dislocato in tre sale ed in cui i nuovi lavori provenienti da San Giovanni a Carbonara andranno a dialogare coni dipinti dell'artista aretino gi presenti nel nostro museo. Si parla dell' Alllegoria della Giustizia, della Verit e dei Vizi, del 1543, e della Resurrezione di Cristo del 1545. Ma il pubblico, continua la Maietta, potr anche seguire un percorso didattico esplicativo sull'attivit napoletana di Vasari e la ricostruzione della Sagrestia di San Giovanni a Carbonara in forma di studiolo cinquecentesco, da cui provengono le tavole restaurate. E le cui immagini sono state presentate l'altra sera al Circolo del Tennis Napoli, in un incontro organizzato dalla stessa associazione Atlantide Ritrovata e a cui hanno collaborato anche altre associazioni come Napoli Internos, con un intervento introduttivo sulla presenza di Vasari a Napoli al tempo del vicer di Spagna Don Pedro di Toledo, da parte del professor Pierluigi Leone de Castris. Il quale ha spiegato come l'artista, architetto e trattatista toscano fosse chiamato a Napoli dai monaci Olivetani nel 1544, e come per circa due anni questo indiscusso maestro del Manierismo, celebre per i suoi lavori a Palazzo Vecchio e al Palazzo degli Uffizi a Firenze, e per tre cappelle in Vaticano a Roma, avesse qui alloggiato, citandosi nei suoi scritti contenuti nelle Vite non senza qualche vanitosa forzatura come il portatore in questa nobilissima citt dei modi moderni (ovvero rinascimentali) sostanzialmente assenti in un contesto in gran parte ancora di impronta gotica e in cui l'ultima grande presenza esterna era stata quella di Giotto. E fra questi suoi segni, oltre ai dipinti del refettorio del convento di Monteoliveto e alle Portelle d'organo conservate nel Duomo, ovviamente spiccano le tavole concepite per la Sagrestia di San Giovanni a Carbonara, realizzate in gran parte nel suo atelier romano insieme al suo collaboratore Cristoforo Gherardi. In tutto si trattava di ventiquattro quadri di storie del Vecchio Testamento e della vita di San Giovanni Battista. Nel tempo alcune tavole sono andate disperse, mentre due in particolare furono oggetto delle sottrazioni napoleoniche e sono oggi conservate nei musei francesi di Avignone e Troyes. Le restanti rimasero in loco, maltrattate per dall'acqua usata per spegnere un incendio della stessa sagrestia dovuta ad un bombardamento nel corso della seconda Guerra mondiale. E dopo un primo parziale e grossolano intervento di restauro che ne consent l'esposizione a San Martino fino agli anni '60, furono poi destinate a un recupero pi definitivo, che per solo oggi vede finalmente la luce. E che, come ha spiegato il restauratore Bruno Tatafiore, si mosso soprattutto sul versante del consolidamento del tessuto ligneo, non mirando successivamente al cosiddetto tutto effetto pittorico, per evitare ricostruzioni troppo vaste, e quindi arbitrarie, di figure ed elementi del paesaggio. Ma cosa rappresentano queste tavole? Il ciclo raffigura scene dalla vita di San Giovanni Battista, fra cui un'elegante Danza di Salom e una metafisica decollazione del Battista, scene dalla Bibbia (Adamo e Il sacrificio di Isacco) e ritratti di evangelisti e dottori della chiesa, fra cui San Girolamo, Sant'Agostino, San Gregorio Magno e SantAmbrogio.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news