LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

E ora il ministro solo contro tutti rispolvera lidea della Fondazione
FRANCESCO ERBANI
MERCOLED, 01 DICEMBRE 2010 LA REPUBBLICA - Cronaca



Sullonda dellemergenza convocata per domani una riunione che dia il via libera allente. Ma senza troppi consensi

Cos rientrerebbe Marcello Fiori, ex dirigente della Protezione civile, ex commissario

Era stata sventolata come la soluzione di tutti i mali secondo il mito che privato meglio


ROMA - Dopo i crolli Sandro Bondi ritira fuori dal cilindro la proposta di una Fondazione che gestisca Pompei. Incalzato da una mozione di sfiducia, dato per traballante anche dentro il suo ministero, ha scelto il coup de thtre per fronteggiare la pioggia di critiche. E ha convocato una riunione per domani che dovrebbe mettere in piedi il nuovo organismo.
Ma dove liniziativa possa portare un mistero. Di una Fondazione per Pompei, sul modello di quella del Museo Egizio di Torino, si parla da tempo. Ma dopo una certa euforia, lidea pareva tramontata. Era stata sventolata come risolutiva dei problemi pompeiani, assecondando la mitologia dei privati che fanno meglio del pubblico. A Pompei sarebbero arrivati i manager - ha detto pi volte il ministro - e avrebbero affiancato i soprintendenti, bollati come incapaci. Tutto pareva pronto, un vestito cucito ad hoc per Marcello Fiori, ex dirigente della Protezione civile, commissario a Pompei fino al luglio 2010. Con la Fondazione, Fiori sarebbe tornato, cancellando le ombre che i crolli, compreso quello di ieri, allungano su di lui.
Ma dopo una prima riunione, che aveva appena avviato la discussione, tutto si era fermato. E della Fondazione nessuno parlava pi, se non per certificarne la sparizione dalle agende. Contrario era Stefano De Caro, fino a oggi direttore generale dei Beni archeologici e che ha guidato gli scavi di Pompei: non un caso che si sia atteso il suo pensionamento per riproporre la Fondazione. Ma fra gli oppositori veniva indicato anche Mario Resca, direttore generale della Valorizzazione, il quale ha fatto due conti: se affidiamo Pompei a una Fondazione, a me che cosa resta da valorizzare, visto che insieme al Colosseo il sito archeologico produce lottanta per cento degli incassi di tutto il nostro patrimonio? Daltronde Resca interpreta la logica patrocinata da Bondi: concentrarsi su pochi gioielli, metterli a reddito, e abbandonare a se stesso un immenso tesoro di beni diffusi. Il sogno di sfilare Pompei a quei barbogi dei soprintendenti sembrava sfumato.
Ora Bondi ci riprova, ma anche dentro il ministero serpeggia incredulit: chi ci metter i soldi? Il balletto sulla Fondazione si scarica sulle fragili spalle della Soprintendenza di Pompei, retta fino a gennaio da Jeanette Papadopulos. Molti progetti avviati da Fiori, alcuni firmati negli ultimi giorni della sua reggenza, presupponevano una gestione non ordinaria. Per la quale la Soprintendenza, come tutte le Soprintendenze, non attrezzata, avendo un personale risicato. Negli uffici della Papadopulos si spulciano le carte della gestione Fiori dalle quali emerge una realt diversa da quella raccontata da commissario e ministro. Degli 80 milioni che ci si vantava di aver sbloccato, la met erano stati gi impegnati dal precedente commissario, Renato Profili, in iniziative al 95 per cento di messa in sicurezza avviate dal Soprintendente Guzzo. Per valorizzazione e promozione si erano spesi 400 mila euro. Restavano gli altri 40 milioni, che da Fiori sono stati impegnati in percentuali rovesciate: 10 per la messa in sicurezza e 18 per valorizzazione.
Vengono contestati (oltre le spese per il restauro del teatro) gli 8 milioni previsti da un contratto con Wind per un impianto di videosorveglianza fatto di circa cento pali alti quattro metri che sfigurerebbero larea archeologica e che sono il doppione di un altro impianto, perfettamente funzionante e sistemato invece sulla cinta esterna. Il contratto include il Wi-fi e un nuovo portale web, anche questo un doppione. Il rapporto, raccontano a Pompei, con Wind, ma ad affiancare quelli del gestore telefonico ci sono anche i tecnici di Elsag Datamat, unazienda del gruppo Finmeccanica.



news

15-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news