LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei. Umidit e piogge acide, la soluzione una resina
Carlo Avvisati
Il Mattino Napoli 1/12/2010

Restauratori e archeologi: I nodi? La malta erosa dalle intemperie e l'assenza di manutenzione

Manutenzione, manutenzione e ancora manutenzione. Una sorta di mantra, quella parola, che si fifa viva attraverso la voce di archeologi, architetti e restauratori, ogni qualvolta a Pompei un pezzo di affresco si scolla dalla muratura sottostante, le tessere di un mosaico si staccano dal pavimento o pezzi di muro si perdono per sempre. Su tutto spicca l'assenza di maestranze qualificate capaci di sorvegliare la citt metro su metro e giorno dopo giorno sottolinea difatti Maria Grazia del Greco, architetto, che negli ultimi venti anni ha lavorato nella Soprintendenza pompeiana. E questo per diversi motivi. Va, difatti, considerata innanzitutto la particolarit della citt, che prima di essere squassata dai terremoti dell'eruzione vesuviana, nel 79 dopo Cristo, aveva subito quasi ininterrottamente la scosse di uno sciame sismico iniziato diciannove anni prima. Quindi, si avuto l'impatto delle abitazioni con le nuvole di gas infuocato, la pioggia di cenere e lapilli e la copertura per quasi due millenni. Ed stato proprio lo scavo, sottolineano gli esperti, quello che ha reso fragile la citt. Le strutture antiche sono di continuo sottoposte alle offese atmosferiche e alle variazioni climatiche. Ma sono essenzialmente le piogge acide e lo smog che mettono a dura prova le architetture, i mosaici e le pitture di Pompei, evidenzia Giancarlo Napoli, restauratore, che nella citt opera da circa dieci anni. Le piogge acide, per l'anidride solforosa in esse contenuta, agiscono sulla malta che lega le murature e la riducono letteralmente in polvere. Ragion per cui anche se a prima vista la muratura appare ben salda, in realt le pietre o i blocchi sono solo poggiati gli uni sugli altri. Altro problema l'umidit di risalita, ovvero derivata dal terreno circostante reso zuppo dall'acqua piovana, che solubilizza i sali dei muri e li rende estremamente fragili. Il tutto si potrebbe risolvere adoperando delle resine speciali come i polisilossanici, che rappresentano gli ultimi ritrovati nel campo del restauro, e che consentono all'acqua di fuoriuscire dalle murature. Insomma, prodotti particolari che lasciano respirare i muri e non li danneggiano in quanto sono ritenuti assolutamente innocui per intonaci e colori. Ovviamente - riprende il restauratore - non sono totalmente impermeabili ma riescono a svolgere bene il compito per il quale sono stati creati. Il problema principale della citt, tuttavia, secondo gli esperti, deriva anche dal lungo intervallo di tempo che passa tra un restauro e l'altro dello stesso edificio. Vale a dire che spesso si interviene su elementi che ormai sono quasi irrecuperabili. Altra azione da compiere consisterebbe nella cantierizzazione di un progetto finalizzato ad avere un rilievo tridimensionale di tutta l'area degli scavi. Un piano simile, ma non con il supporto delle moderne tecnologie, fu varato all'indomani del terremoto dell'80. Da Roma arrivarono tecnici, maestranze, archeologi e architetti super specializzati che si mossero, assieme con i militari, per rilevare e metter su carta lo stato dell'arte di tutto quanto c'era in Pompei. E si cominci a restaurare. Infatti - sottolinea l'archeologo Antonio De Simone - per salvare Pompei si deve operare come s' fatto da quando si iniziato a scavare la citt: bisogna avere un piano di restauro. Il progetto di recupero redatto nel 1983 con i piani Fio, firmato da Proietti, Martinez e De Caro, tra gli altri, era quanto di meglio si potesse fare. Con quel rilevamento noi sapevamo dove e quanto agire. Ecco, se si restaura, dopo si possono fare manutenzioni. Altrimenti, assisteremo, ancora a crolli e perdite di questo patrimonio unico al mondo.



news

11-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 11 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news