LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Edilizia, imprese e sindacati in piazza "Persi 250mila posti: il governo si muova"


Davanti a Montecitorio, con caschetti blu, gialli e rossi oggi tutta la filiera delle costruzioni. Due le richieste a fronte della crisi che ha spremuto il settore: l'avvio di nuovi lavori e il pagamento di quelli effettuati. "Non si possono far fallire le imprese per non far fallire uno Stato che non paga"


Edilizia, imprese e sindacati in piazza "Persi 250mila posti: il governo si muova" Gli Stati Generali delle costruzioni oggi a Montecitorio
ROMA - In migliaia in piazza per protestare contro lo stop delle opere pubbliche e contro il mancato pagamento dei lavoro commissionati ed effettuati per la Pubblica Amministrazione: oggi a Montecitorio c'era tutta la filiera dell'edilizia, imprese e sindacati, senza distinzioni corporative. Si sono schierati davanti al Parlamento con i caschetti blu, gialli e rossi in testa, niente bandiere ma reti di cantiere utilizzate come fasce. Tra gli slogan, 'Lavorare per lo Stato non paga' e 'La crisi preme e il fisco ci spreme'.

"Siamo qui per dare un contributo per la ripresa del paese. Chiediamo che il governo e la politica rimettano al centro l'edilizia e le costruzioni", ha detto il presidente dell'Ance (Associazione Nazionale Costruttori Edili), Paolo Buzzetti. Opere pubbliche bloccate, finanziamenti "di carta", cio non effettivi, come buona parte di quelli decisi dall'ultima delibera del Cipe, pagamenti rimandati all'infinito, con conseguenze disastrose per le imprese edilizie, che hanno pagato carissima la crisi. L'Ance lamenta la perdita di 250mila posti di lavoro in due anni, migliaia di imprese chiuse e tante altre sull'orlo del fallimento.

Ance: "Si allenti patto stabilit". "Il governo dovrebbe rimettere al centro l'ediliza. Ci rendiamo conto della situazione, ma chiediamo all'esecutivo di mettere a disposizione le risorse che ci aveva promesso. - ha chiesto il presidente dell'Anci, Buzzetti - E' necessario inoltre un allentamento del patto di stabilit per i
Comuni perch non si possono far fallire le imprese per non far fallire uno Stato, che non paga. Con questo immobilismo non si pu andare avanti".

"Siamo in piazza con gli stati generali, fondati l'anno scorso proprio per la gravit della crisi, tutti insieme. Qui c' l'intera rappresentanza del mondo dell'edilizia: operai, tecnici, impresa, progettisti, costruttori. Abbiamo lasciato da parte particolarismi e diverse posizione - ha detto ancora Buzzetti - per sottolineare la gravit della crisi ma anche la voglia di non arrendersi ad un declino del settore".

Il sostegno di Confindustria. Confindustria si schierata con forza con l'Ance e gli Stati Generali delle Costruzioni, sottolineando come il settore rappresenti l'11% del Pil e dia lavoro a circa 3 milioni di addetti. "Un settore - ha affermato in una nota la presidente di Confindustria Emma Marcegaglia - che deve tornare ad essere tra le priorit dell'agenda politica e trovare risposte adeguate". "Garantire i pagamenti alle imprese per i lavori eseguiti, utilizzare le risorse disponibili per realizzare le infrastrutture che servono al paese, puntare su processi di semplificazione amministrativa rafforzando i controlli di sicurezza e regolarit: sono obiettivi- ha evidenziato Marcegaglia- che come Confindustria condividiamo e che meritano adeguate risposte da parte del governo".

Sindacati a fianco degli imprenditori. Alla manifestazione odierna a Montecitorio c'erano anche i rappresentanti delle principali conferederazioni sindacali. "Avevamo chiesto infrastrutture - ha denunciato il segretario generale della Fillea Cgil, Walter Schiavella - per colmare il deficit strutturale del Paese. L'ultima delibera Cipe la risposta pi evidente: 21 miliardi di 'carta' e solo 276 milioni di euro veri, contanti, per aprire cantieri". "Chiediamo al governo dopo un anno e mezzo di intervenire adottando misure che possano risollevare l'edilizia. Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Gianni Letta ci ha promesso che ci incontrer nel pomeriggio", ha precisato Domenico pesenti, segretario generale della Filca Cisl.

A fianco dei manifestanti anche molti esponenti del Pd: ''I motivi della manifestazione nazionale degli Stati Generali dell'edilizia - ha detto l'ex ministro del Lavoro Cesare Damiano - sono pienamente condivisibili. Il governo inadempiente nei confronti di un settore strategico della nostra economia che chiede interventi contro la crisi delle imprese e la drammatica perdita di posti di lavoro".


(01 dicembre 2010)

http://www.repubblica.it/economia/2010/12/01/news/protesta_edilizia-9724433/


news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news