LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei. Fuksas: La pioggia solo una scusa, vadano a casa gli incapaci
Carlo Avvisati
Mattino 2/12/2010

L'architetto e urbanista: bastava un po' di calcina per la messa in sicurezza

Lo sapevamo, lo sapevano, che prima o dopo sarebbe successo e che Pompei avrebbe avuto di questi problemi. La pioggia, le cause naturali? Non ci sono cause naturali per queste cose. durissimo Massimiliano Fuksas, architetto e urbanista, raggiunto al telefono mentre si appronta a rientrare da Marsiglia, dove sta lavorando per un progetto Euromed sul vecchio porto della citt. Il discorso su quanto ci hanno lasciato e su quanto stato preservato: se uno vede un muro di terra addosso a un edificio del I secolo dopo Cristo, che cosa deve pensare? Che se piove che succede? Succede che il terrapieno si imbibisce e spinge. Preme contro il manufatto, lo mina e lo massacra sino a distruggerlo del tutto. Insomma, mancatala prevenzione? Mi sembra evidente. E poi, quelle coperture in cemento armato realizzate nel dopoguerra: solo ora si scopre che sono inadeguate e pericolose?. Vuole dire che bisognerebbe rifare tutti i solai delle case pompeiane restaurate a suo tempo in questo modo? E con quale materiale? C' invece da fare un'altra cosa. Un progetto pi ambizioso. Un piano globale di monitoraggio che interessi tutti i 44 ettari scavati. Che cosa, in particolare? Bisogna sapere tutto della citt: si deve conoscere il sistema idraulico che viene impegnato; il sistema geologico che ne costituisce il piano d'appoggio; poi si deve passare a indagare su quale sia il sistema costruttivo delle regioni e dei singoli manufatti; e, ancora, bisogner conoscere il sistema degli affreschi, dei mosaici, delle infrastrutture. Solo dopo si pu iniziare il recupero. Mai tempi sarebbero lunghi E intanto Pompei crolla. indispensabile un piano generale che sia capace di riportare, in una finestra attuale, e con la massima precisione, ogni dato emerso dagli elementi che costituiscono il complesso piano dell'arte di una cittadina di duemila anni fa. Non si dimentichi che a Pompei insistono e convivono realt diverse come la domus patrizia, realizzata con criteri costruttivi che meglio rispettavano i parametri dettati dagli architetti e dagli ingegneri dell'epoca e la casa popolare del grande condominio. Ripeto la domanda: in tempi ravvicinati che cosa occorre fare? pensabile una copertura di plexiglass o materiali simili? Nessun intervento lunare. Bisognerebbe provvedere a proteggere con calcina quant'altro tutte le parti terminali delle murature che attualmente sono esposte alle offese delle intemperie e alle variazioni climatiche. A chi toccano questi interventi? Non certo a quelli che ci sono ora. Via da Pompei tutti quelli che con contratto o senza contratto, per favori o amicizie, facevano manutenzione: si affidi il tutto a chi capace. Anche il ministro deve andare via. Il ragionamento non andrebbe fatto anche per chi lo ha preceduto? successo adesso e dunque le responsabilit sono sue. Questo un sistema di incapacit, di cattiva gestione, d'incuria. Tutta l'Italia cos. Non solo a Napoli o a Pompei ma nell'intera penisola. Nessuno fa manutenzione, si parla solo di edifici che crollano e di pezzi della storia del mondo che se ne vanno. L'Italia tutta crollata.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news