LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Gli Uffizi alla grande sfida
Caterina Gonnelli
Sole 24 Ore Centro Nord 22/10/2004

Nasce a Firenze il 24 gennaio 1938. timida, ma nello stesso tempo pu essere definita una lady di ferro. Ed un nome a livello intemazionale: dal 1987 la padrona di casa di uno dei salotti pi belli del mondo, il Museo degli Uffizi, al quale ha dedicato una vita intera. Sposata a un docente di radioastronomia che lavora ad Arcetri, il professor Gianni Tofani, laureata in Storia dell'arte, Anna Maria Petrioli ha cominciato nel 1963 come volontaria. Fu Roberto Longhi, il suo maestro, a darle l'incarico di dirigere il Gabinetto dei Disegni. Poi venne la carriera, brillante nei risultati, complessa per le responsabilit. Ha ricevuto numerose lauree honoris causa, ha incontrato i pi autorevoli personaggi del mondo della cultura, della politica e del mondo intellettuale. Oggi, con un invidiabile aplomb, continua a dirigere il Museo tra successi e difficolt.
Quali sono i problemi principali nella direzione del Museo degli Uffizi?
Le difficolt certo non mancano a partire dall'autonomia gestionale, che i musei italiani non hanno al contrario di quelli del resto del mondo. Ci sono molte cose da fare che non possiamo affrontare, o per lo meno non in modo tempestivo. Un museo statale come gli Uffizi non ha una pianta organica: ci significa che ogni giorno il numero delle persone che vi lavorano pu variare, significa che quando una persona va in pensione non c' un turn over automatico. Questi sono problemi importanti per un museo che vanta un numero incredibile di capolavori e che riceve un numero altissimo di visitatori tutti i giorni. Problemi che alla lunga provocano un'usura alla quale si dovrebbe provvedere con immediatezza. La questione della manutenzione diventa dunque pi importante del restauro proprio per l'impossibilit di avere un organico selezionato per specifici compiti.
Come fare fronte alle numerose spese?
Gestire gli Uffizi indubbiamente costa: per fortuna c' un reddito consistente che proviene dai visitatori. L'immagine degli Uffizi si vende molto bene e anche per gli interventi urgenti di restauro dei dipinti deteriorati non troppo difficile trovare aiuti esterni quando non si dispone di risorse proprie.
Il Corridoio Vasariano protagonista di un grande successo: perch spesso chiuso?
Per la mancanza di personale. E' una struttura architettonica troppo stretta, non si possono lasciare liberi i visitatori in entrambe le direzioni. In Italia c' una legge che regolamenta la presenza del visitatore all'interno di edifici pubblici. Il Corridoio Vasariano non potr mai essere organizzato per la visita libera, per cui siamo costretti a creare piccoli gruppi di 25 persone che necessitano di due custodi (addetti al disinserimento dell'allarme, accensione luci e cos via). La visita del Corridoio dura in media un'ora e non possiamo, per gruppi cos esigui, distogliere personale da un'ampia sala della Galleria che contiene tanti capolavori straordinari e moltissime persone.
Che cosa implica la direzione degli Uffizi?
Un'enorme responsabilit sia per il presente che per il futuro. Dobbiamo sforzarci al massimo di preservare un tesoro inestimabile, che va messo a disposizione delle nuove generazioni.
Come cambiato il volto degli Uffizi negli anni?
Il cambiamento pi significativo stato il trasferimento in Piazza Beccaria dell'Archivio di Stato, che occupava pi della met dell'edificio degli Uffizi tra il piano terra e il primo piano, lasciando liberi molti spazi per ampliare il Museo. Si tratta di una grande sfida, perch gli Uffizi ora hanno la possibilit di raddoppiare gli spazi espositivi, facendo uscire dai depositi importanti opere finalmente godibili anche dal pubblico. Inoltre, riorganizzando l'esposizione attuale con criteri di maggiore storicit, si permette un maggiore agio nell'afflusso dei visitatori. Ci sar, anche un miglioramento dei servizi con la presenza di un Auditorium, un grande ristorante e cos via.
Qual la sala pi apprezzata dai giovani?
Senza dubbio le giovani generazioni sono affascinate dalla sala del Rinascimento: in particolare dalla Battaglia di Paolo Uccello, dai ritratti del Duca di Urbino e Piero della Francesca, dal Beato Angelico.
Da quale grande artista avrebbe voluto farsi ritrarre?
Da un artista concentrato nell'introspezione psicologica come il Parmigianino o Goya, che cercano di cogliere pi il carattere che l'aspetto esteriore.
Dai sogni agli incubi: nel maggio 1993 l'attentato di via dei Georgofili, un attacco alla cultura e alla stabilit del Paese. Quale fu la sua prima reazione?
All'inizio pensai a un incidente tipo un'esplosione di gas, e questo mi aiut a superare il primo impatto, che fu veramente forte. Poi quando venne accertato che fu la mente umana a pensare di distruggere un patrimonio dell'umanit stato uno shock. Mi sono sentita impotente perch non c'era logica etica, ma solo un baratro di stupidit, di ignoranza e malvagit. Come scrisse Goya, Il sonno della ragione genera mostri.
Carlo Azeglo Ciampi, allora primo ministro, le fu molto vicino.
Il fatto lo colp molto e segu attentamente la vicenda anche negli anni successivi. Per fortuna in quegli anni c'era un gruppo di politici capaci di intervenire immediatamente non solo a parole ma anche nei fatti. Il recupero del Museo era una vera priorit.
Gli Uffizi sono un potenziale obiettivo di al-Qaida e del terrorismo islamico in generale: la tensione, dunque, non scemata?
C' tanta preoccupazione, ma non dobbiamo cedere a manifestazioni che sono la negazione della vita civile: bisogna combattere e reagire adottando tutti i sistemi di sicurezza e prevenzione pi moderni, ma anche mettendo in campo un'adeguata formazione del personale.
Ha mai ricevuto minacce?
Fino ad ora no, nemmeno nel 1993.
Lei molto legata a Firenze: che cosa chiede a questa litigiosa citt?
hiedo ai fiorentini di amarla. Proteggetela, perch Firenze ha ancora tanto da dare.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news