LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Vivara distrutta e abbandonata, via alle denunce
Domenico Ambrosino
Mattino Napoli 23/12/2010

La Fondazione proprietaria chiede i danni alla Regione affittuaria dell'isola per 20 anni

PROCIDA. A Vivara sono a rischio gli splendidi edifici che raccontano la vita della pi piccola delle isole flegree. Sotto accusa la Regione che ha tenuto in fitto l'isolotto per circa 20 anni, fino al 2004. L'ente proprietario di Vivara, la fondazione Albano Francescano, che assiste i malati poveri di Procida, ha avviato un'azione legale contro l'ente di S. Lucia, accusata del mancato rispetto delle norme contrattuali che prevedevano, fra l'altro, il restauro conservativo dei fabbricati esistenti. In pratica viene chiesto un risarcimento per i danni subiti da Vivara nel corso del fitto ventennale da parte della Regione che si era impegnata ad assicurare una razionale gestione e la valorizzazione della propriet attraverso la preservazione delle formazioni forestali esistenti, delle piante arboree ed arbustive (carrubo, fico, corbezzolo), il ripristino a fini didattici di oliveto e vigneto, la incentivazione e la realizzazione di ricerche in campo ornitologico, botanico, entomologico, la realizzazione di posters, audiovisivi, pubblicazioni, finalizzati alla diffusione dell'immagine di Vivara nel mondo. Niente di tutto questo, a giudizio della Fondazione, stato realizzato; tantomeno sono stati restaurati o minimamente messi in sicurezza i fabbricati esistenti. Ieri la Prefettura, una delle tante istituzioni informate dell'estrema difficolt in cui vive l'isolotto, ha assicurato al presidente dell'ente Mariano Cascone la sua collaborazione al recupero dei fabbricati. Si tratta in massima parte costruzioni risalenti al 1600, il periodo in cui sull'isola, sito reale di caccia dei Borbone, fu avviata l'attivit agricola. Non mancano altre testimonianze importanti come i due fortini, adibiti a postazione per batteria di cannoni, fatti costruire dai Francesi, tra la fine del 700 e l'inizio del1'800, allo scopo di prevenire tentativi di sbarco dei legittimisti borbonici. Ebbene, il degrado avanza implacabile. La Villa Padronale, posta sulla sommit di Vivara, la Casa Colonica, il Cantinone, la Colombaia, minacciano crolli. Anche la Casa del Caporale, il casotto posto all'ingresso dell'isolotto, e il Fortino Militare di Punta Mezzogiorno, presentano profonde lesioni. Nella Villa Padronale, un edificio del I 681,una classica costruzione rurale, con gli ambienti nobili al piano superiore e quelli agricoli al pian terreno, il degrado impressionante. La sala ove era situata la Cappella stata totalmente distrutta: le preziose maioliche d'epoca del pavimento completamente asportate, le pareti, profondamente lesionate, sono ricoperte di scritte e imbrattate di vernici. La loggia che s'affaccia sul mare di Ischia - una veduta mozzafiato, si tocca quasi con mano il maestoso Castello Aragonese, - traballante. Nel piano inferiore, ove erano localizzatigli ambienti riservati alla produzione del vino e dell'olio, va in malora il sistema di cisterne sotterranee. Inesorabile avanza il degrado nel Cantinone ove fanno bella mostra, abbandonate ed arrugginite, ancora le attrezzature agricole: torchi, frantoi, vasche di raccolta. Prossimo al crollo, anche la Tavola del Re, l'edificio d'inizio 1900, posto a sud dell'isolotto, attribuito a due architetti inglesi. Barcollanti anche la Vaccheria. una serie di stalle, la Carcara, l'edificio ove veniva ricavata la calce, tutti situati sul pianoro sommitale dell'isolotto. Questa la situazione di un patrimonio storico che va in rovina, oltretutto localizzato in un contesto naturalistico-ambientale forse unico al mondo. Vivara, infatti, sito di interesse comunitario, dal 2002 stata dichiarata Riserva naturale statale. Vivara, una superficie di soli 32 ettari (0,32 kmq) con un percorso costiero di 3 chilometri, secondo i geologi, ha un'et di 40mila anni. La gestione stata affidata a un comitato presieduto dall'imprenditore napoletano Maurizio Marinella, il re delle cravatte, che, finora, per, non ancora riuscito a presentare il dovuto piano di gestione. Sar pronto entro la fine dell'anno - promette Marinella - e a febbraio sar operativo. Stiamo lavorando sodo con il coinvolgimento di altri enti, comune di Procida in testa, e associazioni varie presenti sul territorio.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news