LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Vivara distrutta e abbandonata, via alle denunce
Domenico Ambrosino
Mattino Napoli 23/12/2010

La Fondazione proprietaria chiede i danni alla Regione affittuaria dell'isola per 20 anni

PROCIDA. A Vivara sono a rischio gli splendidi edifici che raccontano la vita della pi piccola delle isole flegree. Sotto accusa la Regione che ha tenuto in fitto l'isolotto per circa 20 anni, fino al 2004. L'ente proprietario di Vivara, la fondazione Albano Francescano, che assiste i malati poveri di Procida, ha avviato un'azione legale contro l'ente di S. Lucia, accusata del mancato rispetto delle norme contrattuali che prevedevano, fra l'altro, il restauro conservativo dei fabbricati esistenti. In pratica viene chiesto un risarcimento per i danni subiti da Vivara nel corso del fitto ventennale da parte della Regione che si era impegnata ad assicurare una razionale gestione e la valorizzazione della propriet attraverso la preservazione delle formazioni forestali esistenti, delle piante arboree ed arbustive (carrubo, fico, corbezzolo), il ripristino a fini didattici di oliveto e vigneto, la incentivazione e la realizzazione di ricerche in campo ornitologico, botanico, entomologico, la realizzazione di posters, audiovisivi, pubblicazioni, finalizzati alla diffusione dell'immagine di Vivara nel mondo. Niente di tutto questo, a giudizio della Fondazione, stato realizzato; tantomeno sono stati restaurati o minimamente messi in sicurezza i fabbricati esistenti. Ieri la Prefettura, una delle tante istituzioni informate dell'estrema difficolt in cui vive l'isolotto, ha assicurato al presidente dell'ente Mariano Cascone la sua collaborazione al recupero dei fabbricati. Si tratta in massima parte costruzioni risalenti al 1600, il periodo in cui sull'isola, sito reale di caccia dei Borbone, fu avviata l'attivit agricola. Non mancano altre testimonianze importanti come i due fortini, adibiti a postazione per batteria di cannoni, fatti costruire dai Francesi, tra la fine del 700 e l'inizio del1'800, allo scopo di prevenire tentativi di sbarco dei legittimisti borbonici. Ebbene, il degrado avanza implacabile. La Villa Padronale, posta sulla sommit di Vivara, la Casa Colonica, il Cantinone, la Colombaia, minacciano crolli. Anche la Casa del Caporale, il casotto posto all'ingresso dell'isolotto, e il Fortino Militare di Punta Mezzogiorno, presentano profonde lesioni. Nella Villa Padronale, un edificio del I 681,una classica costruzione rurale, con gli ambienti nobili al piano superiore e quelli agricoli al pian terreno, il degrado impressionante. La sala ove era situata la Cappella stata totalmente distrutta: le preziose maioliche d'epoca del pavimento completamente asportate, le pareti, profondamente lesionate, sono ricoperte di scritte e imbrattate di vernici. La loggia che s'affaccia sul mare di Ischia - una veduta mozzafiato, si tocca quasi con mano il maestoso Castello Aragonese, - traballante. Nel piano inferiore, ove erano localizzatigli ambienti riservati alla produzione del vino e dell'olio, va in malora il sistema di cisterne sotterranee. Inesorabile avanza il degrado nel Cantinone ove fanno bella mostra, abbandonate ed arrugginite, ancora le attrezzature agricole: torchi, frantoi, vasche di raccolta. Prossimo al crollo, anche la Tavola del Re, l'edificio d'inizio 1900, posto a sud dell'isolotto, attribuito a due architetti inglesi. Barcollanti anche la Vaccheria. una serie di stalle, la Carcara, l'edificio ove veniva ricavata la calce, tutti situati sul pianoro sommitale dell'isolotto. Questa la situazione di un patrimonio storico che va in rovina, oltretutto localizzato in un contesto naturalistico-ambientale forse unico al mondo. Vivara, infatti, sito di interesse comunitario, dal 2002 stata dichiarata Riserva naturale statale. Vivara, una superficie di soli 32 ettari (0,32 kmq) con un percorso costiero di 3 chilometri, secondo i geologi, ha un'et di 40mila anni. La gestione stata affidata a un comitato presieduto dall'imprenditore napoletano Maurizio Marinella, il re delle cravatte, che, finora, per, non ancora riuscito a presentare il dovuto piano di gestione. Sar pronto entro la fine dell'anno - promette Marinella - e a febbraio sar operativo. Stiamo lavorando sodo con il coinvolgimento di altri enti, comune di Procida in testa, e associazioni varie presenti sul territorio.



news

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

03-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 DICEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news