LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PRATO - Cos nacque il monumento ai Caduti
ALESSANDRO ASSIRELLI
MERCOLED, 29 DICEMBRE 2010 IL TIRRENO - Prato



Storia dellara votiva inopinatamente sistemata in piazza delle Carceri



Appresa la notizia che il monumento ai Caduti verr spostato davanti alle scuole Guasti, il cuore si riempie di gioia. Infatti fino dagli anni Novanta avevamo proposto su queste colonne, la rimozione di quel mausoleo poco artistico assieme alloffensivo baraccone dei brigidini. Riproponiamo con orgoglio e amore per Prato, larticolo di allora avvertendo che la moneta di allora era ancora la Lira.

Passando da piazza delle Carceri non sar sfuggita ad alcuno quella mediocrit di monumento ancora l a disarmonizzare lequilibrio estetico senza che nessuno abbia preso provvedimenti. Il suo scultore, Antonio Maraini, cos giustific la collocazione di quella Ara votiva davanti al Castello: ivi furon tenute le prime commemorazioni dei caduti e le prime adunate fasciste. Vediamo come nacque lidea di dedicare un dovuto ricordo ai caduti della prima guerra mondiale, in un clima di preparazione alla seconda e pi disastrosa alcuni anni dopo.
Si costitu un Comitato che lanci una sottoscrizione il cui esito super le pi rosee previsioni. Venne raccolta, nel 1932, la somma di 400 mila lire equivalenti a circa 430 milioni di oggi (una lira= a 1072,811). Il Comitato, tra mille contrasti, si comport salomonicamente nel decidere la destinazione dei fondi in unaffollata assemblea al cinema Garibaldi: fu accontentato tanto chi voleva una grande Ara da fare invidia a Roma quanto chi, invece, preferiva destinare il ricavato ad opere sociali.
Al momento di concretizzare cominciarono le discussioni. A chi affidarne lesecuzione? Dove mettere la scultura? Si propose un concorso nazionale con lesposizione dei bozzetti per affidare la scelta ai cittadini, ma si ipotizz anche una richiesta a Mussolini per avere dei cannoni nemici e utilizzarne il bronzo per il monumento. In quanto allubicazione era certa la piazza S. Francesco al posto dellobelisco a Garibaldi, che avrebbe migrato nei giardini del Mercatale.
Quando tutto sembrava acquisito, ecco arrivare un ordine direttamente dal segretario del fascio di Firenze Alessandro Pavolini il quale affermava, senza concedere replica, che con un patto privato si era delegato a scolpire il monumento il prof. Antonio Maraini, accademico dItalia e fiorentino di adozione, segretario del Sindacato Belle Arti e deputato, che secondo il giornale LUniversale del 10 maggio 1934 ...sta riempiendo Toscana e Italia di mostri, di pezzacci di pietra, dangeli sifilitici, di offese perpetue alla scultura e al Paese.
Lartista fu pagato con 200.000 lire (circa 230 milioni di oggi) e colloc la sua creatura dove si trova attualmente, anche per la ferma opposizione della massoneria allo spostamento della stele garibaldina in S. Francesco. Lo stesso giornale citato prima criticando la sistemazione scrisse del Maraini che aveva letteralmente rovinato la bellissima piazza Santa Maria delle Carceri piantando il suo carciofo, pi disfattista di cento discorsi contro la guerra, proprio di fronte al Castello di Federigo (sic!). Anche Il Telegrafo nella cronaca locale affermava che ...si voluto imporre un angelo mancante di unala e semi sciancato sorreggente con aria da me ne impippo una donna non si sa se dolente o preoccupata di ben muovere il primo passo di un ballo.... Linaugurazione avvenne nel 1934 contemporaneamente alla Direttissima presente, anche se obtorto collo, il Re in persona.
Dopo pochi mesi lara votiva costata a peso doro cominci a cadere a pezzi. Le sottili lastre di marmo verde si sfaldavano e la gente sbigottita chiedeva di vederci chiaro, ma intanto emersero nuovi particolari. Lo scultore avrebbe percepito solo 130 mila lire e le altre 70 mila sarebbero finite nelle casse del fascio fiorentino. Quindi una brutta faccenda, anche se oggi si tende a rivalutare lo stile del Maraini; ci sembra impossibile che in 60 anni non si sia pensato a collocare il monumento davanti alle scuole Guasti, luogo affine per stile e cadente sulle coordinate dei cortei celebrativi ufficiali. Inoltre ledificio scolastico conserva ancora alcuni altorilievi scolpiti, nel periodo fascista, dal giovane scultore pratese Mario Cappelli.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news