LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei. I pm campani aiutano Bondi
Roberto Miliacca
Italia Oggi 30/12/2010

Solo con un reato stato possibile pagare i lavoratori di Pompei

La sfiducia a Sandro Bondi, ministro dei beni culturali, pu attendere. Almeno secondo i magistrati campani, che ieri, indirettamente, gli hanno dato una mano nella sua difesa dalle accuse di cattiva gestione del dicastero e di responsabilit nei fatti di Pompei, sottolineando, con la loro azione, la reale complessit della vicenda della gestione di tutti i beni culturali in Campania. Ma ecco la vicenda. La Procura della Repubblica presso il tribunale di Torre Annunziata guidata da Diego Marmo da tempo stava conducendo indagini sulla Soprintendenza archeologica degli Scavi di Pompei. L'accusa era quella di indebite elargizioni di indennit per corsi di formazione mai effettuati, per un ammontare complessivo di circa 700.000 euro. Insomma, era stato messo in piedi dalla sovraintendenza un complesso sistema di frode che mirava a far percepire ai 265 dipendenti addetti alla vigilanza delle aree archeologiche di Pompei, Stabia, Torre Annunziata, Boscoreale ed Ercolano, delle somme che dovevano retribuire ore di straordinario ormai prescritte e mai pagate dall'Ente Scavi, come si legge in una nota della procura. I soldi dei corsi di formazione al Sandro Bondi posto dei soldi per gli straordinari, insomma. Una frode su cui ieri la Guardia di finanza locale ha messo la parola fine, procedendo al sequestro di beni sul patrimonio personale di quello che viene ritenuto dalla procura l'artefice principale degli illeciti, cio Luigi Crimaco, direttore amministrativo pro tempore dell'Ente Scavi. Solo che Crimaco, come spiega anche la procura, non avrebbe ordito da solo questo reato. E quasi certamente non per un ritorno personale. Crimaco avrebbe trovato questa soluzione, come ricostruito dai pm, costretto dalle minacce di sciopero che i sindacati avevano fatto dopo che lo Stato, per anni, non aveva corrisposto gli straordinari arretrati ai lavoratori dei siti archeologici. Le investigazioni, si legge nella nota della procura di Torre Annunziata, hanno fatto emergere la fittizia realizzazione di corsi di aggiornamento per il personale, attivit didattica che, peraltro, non era stata autorizzata dal competente ministero, nonostante fosse obbligatoria, per la sua esecuzione, l'autorizzazione dell'amministrazione centrale. I fondi per la realizzazione dei corsi, provenienti da stanziamenti propri della Soprintendenza, nell'ambito dell'autonomia finanziaria dell'Ente Scavi di Pompei, sono stati utilizzati per retribuire un debito, ormai prescritto, maturato per il mancato pagamento di ore di straordinario vantate dai dipendenti della Soprintendenza degli Scavi ed effettuate nel periodo compreso dal 1988 al 1996. A seguito di minacce di scioperi da parte delle rappresentanze - sindacali dei lavoratori, ed in particolare Cgil/Fp, Cisl/Fps, Uil/Pa, F1pBac, Unsa/ Snabca e Intesa, organizzazioni sindacali interessate al pagamento delle indennit in esame, il direttore amministrativo pro tempore dell'Ente scavi, Luigi Crimaco, autorizz, in data 22/04/2006, d'intesa con le citate sigle sindacali, lo svolgimento di corsi di formazione, quale espediente per distribuire, proprio dietro l'apparente svolgimento di corsi di formazione ed aggiornamento del personale, indebite indennit -di straordinario ormai prescritte. Insomma, in sintesi, lo Stato non ha i soldi per pagare 8 anni di arretrati ai lavoratori delle aree archeologiche e il responsabile amministrativo dell'ente concorda una soluzione con i sindacati per saldare quelle somme. Un reato, certo, ma di certo con pi responsabili che non il semplice direttore amministrativo, compreso lo Stato centrale. Per Bondi, comunque, una conferma che i danni del settore beni culturali non portano il suo nome e cognome, ma hanno un lungo pedigree e vengono da molto lontano. E spesso scavalcano anche le responsabilit dei ministeri. Desidero rinnovare la fiducia nell'operato della magistratura e, fino alla conclusione delle indagini, salvaguardare l'innocenza dei funzionari e delle persone coinvolte, ha scritto in una nota il ministro per i beni e le attivit culturali. Tuttavia, non posso non rilevare, anche sulla base di queste nuove rivelazioni, risalenti al 1996, come la gestione della sovrintendenza di Napoli e Pompei fosse difficile e come il tentativo da parte del Pd e del partito di Di Pietro di addossare al sottoscritto ogni responsabilit sia immotivato e politicamente disonesto.



news

22-06-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 giugno 2018

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

Archivio news