LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La pubblica utilit della bellezza Catania fra '700 e '800
Leandra D'Antone
Venerd 31 Dicembre 2010 LA SICILIA



La nobilt virtuosa, la borghesia operosa, a cura di Enrico Iachello (Domenico Sanfilippo editore) offre una lettura inedita della storia della grande citt etnea

Nel 1847 la Guida di Catania (di Francesco Patern Castello), conteneva la proposta di costituire una "amministrazione straordinaria" garantita dalla tesoreria comunale, composta "da abili e onesti ed intelligenti individui con poteri estesissimi" per gestire un "monte di prestanza", ovvero una sorta di societ per azioni capace di moltiplicare il suo capitale per investimenti attraverso l'emissione di fedi di credito.

Enrico Iachello, curatore del volume La grande Catania: la nobilt virtuosa, la borghesia operosa - edito da Domenico Sanfilippo e terzo della collana dedicata alla storia della citt, su progetto di Giuseppe Giarrizzo - ne parla come di una banca pubblica di credito per il "decoro urbano", una sorta di istituto per lo sviluppo al cui centro era il completando gli edifici incompiuti e la liberazione delle piazza storiche dal commercio rumoroso e maleodorante di alimenti esposti al pubblico.

A met Ottocento Catania aveva consolidato la sua posizione nel Gran tour delle citt europee ed era animata da cultura e tensione politica nazionali. Tale posizione e identit erano cresciute nel corso del Settecento, radicandosi e maturando durante la lunga ricostruzione seguita al drammatico terremoto del 1693, una catastrofe naturale che aveva ucciso oltre met dei suoi cittadini e distrutto o gravemente danneggiato la gran parte degli edifici religiosi e civili.

Da allora, in ondate e con forme diverse, i ceti alti della citt, erano riusciti a compiere una sorta di "mobilitazione" dei saperi e delle competenze, rivelando una disponibilit inimmaginata di risorse finanziarie soggettive e una capacit imprenditoriale straordinaria in rapporto alle dinamiche del mercato mobiliare e del settore delle costruzioni edili.

"La Provvidenza aveva offerto alla citt l'occasione storica per far grande Catania, attraverso il capovolgimento in bene permanente di un momentaneo, imprevisto, e imprevedibile disastro di natura", scrive (con Rotondo) la storica Lina Scalisi - cui gi dobbiamo raffinati studi nei precedenti volumi- nel bel saggio introduttivo alla prima parte riguardante il Settecento. "Fare grande Catania", fu il segno del movimento spontaneo ma sorprendentemente uniforme dei diversi protagonisti della prima ricostruzione, l'aristocrazia, il clero, la borghesia, ciascuno dal suo ambito di interessi e di gusto, movimento in cui il dispiegarsi e il modificarsi del gusto, il suo farsi dovere pubblico, non ebbe come movente tanto la causa dell'estetica, quanto la consapevolezza del valore economico e politico dell'estetica e della cultura. La visibilit "europea" della citt, con le sue forme urbanistiche e architettoniche, con i linguaggi della sua pittura, del suo teatro, della sua musica, la precoce tensione della lingua dal dialetto verso l'italiano, testimoniavano secondo Enrico Iachello l'impegno di "una aristocrazia virtuosa e di una borghesia operosa", consegnando al secolo della unificazione nazionale un'eredit degna di futuro, a sua volta denso di ambizioni.

Con il bel corredo di immagini cui ci hanno gi abituato le pubblicazioni precedenti, La grande Catania divisa in due sezioni, dedicate rispettivamente al Settecento e all'Ottocento fino all'Unit. Soprattutto sul Settecento, il volume presenta aspetti di grande originalit, per le storie che spezzano il secolo in diversi cicli e in diversi protagonisti, e, all'interno dei cicli, evidenziano aspetti di continuit, ma spesso anche di rottura col passato. Cos nel racconto del "buon governo" cittadino fino gli anni trenta (Scalisi-Rotondo). Ne fu protagonista il raffinato principe massone di loggia napoletana Ignazio Patern Castello di Biscari, grande organizzatore di cultura, ma anche propulsore di un impegno finanziario del Senato cittadino che non sfigurasse rispetto a quello dispiegato dai privati. Cos nel racconto dei "cicli tecnologici" della ricostruzione (Magnano di San Lio), col rinvio alla mobilitazione delle straordinarie abilit artigiane dei lavoratori di pietre e degli architetti-artigiani, confluiti negli anni 1964-1730 da Messina, Palermo, Acireale, Reggio per una committenza pressoch uniforme di autorit e ordini religiosi, nobili, borghesi. Ad essi seguirono negli anni trenta-settanta i maestri-architetti, professionisti di ceto religioso e civile, da Gianbattista Vaccarini, a Giuseppe Palazzotto, al polacco Stefano Ittar, col compito di superare il localismo del linguaggio artigianale verso il neoclassicismo di scuola romana. Cos nel racconto dei "cicli economici", quelli del prezzo del grano in rapporto ai cicli degli investimenti nel mercato immobiliare (Condorelli), per cui i costi della ricostruzione e della destinazione degli investimenti fra edifici religiosi, palazzi nobiliari, edilizia popolare, opifici, edifici pubblici rivelavano una nuova sociologia della citt, con una demografia e un mercato del lavoro urbani trasformati dal richiamo regionale di maestranze e lavoratori, oltre che dalla rapidit della ripresa. Con la nota maestria il racconto di Pagnano ci accompagna lungo un itinerario della ricostruzione non solo viva di informazione sulle forme architettoniche, ma soprattutto attenta alle modalit con cui il segno urbanistico e il segno architettonico aderirono al "piano direttore" dei tracciati delle strade, nel segno della "protezione civile" e di una nuova urbanistica proto-razionalista. La Grande Catania riconoscibile nell'iscrizione del 1768 sulla Porta Ferdinandea appena completata da Stefano Ittar "melior de cinere surgo", non sugellava certo il ripristino del passato e della tradizione barocca.
La "Catania migliore" del Settecento risorse dalla cenere attraverso la mobilitazione e la crescita dei saperi, la mobilit sociale, il dinamismo economico; risorse nell'arte e il collezionismo, nella produzione musicale, teatrale, nel primato e nell'attivit universitaria, nel declino della mastra nobiliare, nelle scritture e nel linguaggio delle scritture.
Alla citt dell'Ottocento si gi accennato; ma l'originale "direzione di marcia" che Enrico Iachello ha voluto dare ai contributi sulla Catania preunitaria, si trova nelle implicazioni politiche delle riforme amministrative. In particolare secondo Iachello la riforma del 1817, sebbene restauratrice del regno borbonico, adottando il modello napoleonico introdotto da Gioacchino Murat, dot la citt di un innovativo organo di aggregazione territoriale, vera e propria fucina di cultura riformatrice. Attraverso la nuova amministrazione in mano ad illuminati riformatori come Vincenzo Gagliani con la sua rete rete di intellettuali come Carlo Gemmellaro, Giuseppe Gioeni, Domenico Tempio, Francesco Ferrara, Catania si fece capoluogo della sua provincia, estese le sue potenzialit commerciali attraverso la dogana di prima classe e il potenziamento del porto (Di Cristina), e si proiett come metropoli, polo di riferimento per tutta la Sicilia orientale. La Catania di Iachello segue la sua borghesia in crescita anche attraverso la nuova burocrazia, senza trascurare il significato politico dei conflitti sociali che si giocavano nello spazio urbano, dove la citt rivelava il suo "ventre molle" non tanto per una plebe resistente al cambiamento, quanto per le robuste e non limpide connivenze di interessi fra i suoi ceti alti e quelli bassi: ad esempio, tra quella parte della nobilt che difendeva le rendite delle botteghe e i venditori di "grascia" nelle piazze del centro storico. La prima era espressione di quella parte della Catania ricca per cui il "decoro urbano" assumeva un valore antieconomico.
Sappiamo da De Francesco, nel saggio dal significativo titolo Un Vulcano di patriottismo, che la citt diede i suoi uomini ai moti risorgimentali, aliment attraverso i suoi esuli la fiducia della cultura democratica e patriottica settentrionale, inform la sua nuova classe politica, radicale, democratica e riformista, della migliore eredit del costituzionalismo inglese, dell'illuminismo murattiano, del patriottismo rivoluzionario massone, persino del separatismo. La Catania dell'Ottocento cant con Bellini le rime patriottica de I Puritani e acclam il Garibaldi repubblicano del 1862 alla conquista di Roma, oltre che il Garibaldi del 1860.
Nel corso dei centocinquant'anni ormai passati, la parte colta, virtuosa e operosa di Catania ha continuato a dare a lungo segni fecondi di s; lo leggeremo certamente nel prossimo volume a quegli anni dedicato, che attendiamo con ansia. Ma sappiamo bene con quante difficolt ci avvenga oggi, e non solo per le epocali trasformazioni che ci riguardano. Il volume curato da Iachello parla certo di una storia lontanissima, ma ci avvicina in modo sorprendente al valore civile, economico e politico della costruzione e dell'uso del "decoro urbano".


31/12/2010 LA SICILIA



news

13-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news