LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - Quella ciminiera di via Ginori
NAOMI BUONAZIA
VENERD, 31 DICEMBRE 2010 IL TIRRENO - Cecina





La nascita, la storia e la morte del colosso di Marina di Cecina. Tutto inizi nel 1899. I progetti chiari. La societ Etruria in accordo con la Banca Tirrena: accordi, finanziamenti per determinare le sorti industriali ed economiche cecinesi. A distanza di 111 anni si ritorna a parlare di quello scheletro che da anni giace in via Ginori. La ciminiera alta, ancora, sovrasta il Paese. Le foto in bianco e nero lo presentavano brulicante di operai: vivo, attivo come un essere umano. I camion carichi di bietole partivano dai campi. Lo zuccherificio le divorava: venivano tagliate, dalle quattro tagliatrici fino a ricavare 30.000 quintali di bietole al giorno. Poi, venivano centrifugate dalle turbine fino a separare i cristalli di zucchero dagli scoli. Infine, la casa dello zucchero, raffinava il prodotto finito preparandolo per il commercio. Il fumo della ciminiera appestava Cecina, i vapori emanati dallo zuccherificio rendevano la strada di via Ginori appiccicosa. Dopo vari passaggi di propriet che subirono i locali dello zuccherificio tra il 1903 e 1922 la societ Ligure Lombarda Oleum, decise di riattivare la vecchia fabbrica. Sono stati anni fiorenti quelli del 1923: i locali furono ampliati e la coltivazione di barbabietole nelle zone limitrofe fu incrementata. Poi tutto croll. I camion che trasportavano barbabietole erano sempre pi radi e la chiusura dei cancelli sempre pi vicina. Le macchine finirono il loro ultimo ciclo, suon lultima campanella per gli operai e il capitolo dello zuccherificio di Cecina si chiuse. Per anni in disuso, immerso in un silenzioso degrado, che di tanto in tanto veniva interrotto da qualche appassionato fotografo che si addentrava nel suo ventre arrugginito. Allimprovviso, nel 2007, parte il progetto di recupero urbano dellormai ex zuccherificio. La societ Aulo Cecina Srl rileva i 76mila metri quadri di superficie ed ha dieci anni di tempo per attuare lambizioso progetto di archeologia urbana. La struttura sar mantenuta (almeno esteticamente), e il progetto si avvicina molto a quello di recupero dell ex Magona di Cecina. Molti lotti sono stati gi costruiti. Lex zuccherificio non ospiter pi macchinari ma spazi verdi, un nuovo teatro, appartamenti e strutture commerciali. Una nuova zona, dunque, dovrebbe sorgere al posto del colosso di Marina di Cecina che sar sempre nella memoria di tutti.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news