LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

EOLIE - Deroga Eolie, vertice di maggioranza - Ma l'Unesco ridimensiona il caso e denuncia il Piano varato nel 2001
26 OTT 2004 Gazzetta del Sud

Regione Convocato da Cuffaro per fare chiarezza dopo il contestato voto dell'Ars sul Patto territoriale


PALERMO - II presidente della Regione, Salvatore Cuffaro, vuole chiudere al pi presto il caso Eolie. Ha convocato una riunione di maggioranza per ricucire le fratture interne al suo governo e al centrodestra dopo l'approvazione, la scorsa settimana, da parte dell'Assemblea regionale, della norma che apre la strada alla realizzazione di 8 nuove strutture ricettive (sette a Lipari e una a Vulcano). La giunta aveva deliberato all'unanimit il ritiro della norma che consentiva la deroga al piano paesaggistico delle Eolie. Questa e-ra ed la linea del governo che presiedo, ribadisce Cuffaro, che aggiunge: Quella norma stata approvata da una maggioranza trasversale, centrosinistra compreso. Da parte nostra, riaffermiamo che terremo alta la vigilanza perch nessuno scempio sia compiuto.
L'opposizione chiamata in causa, alza la voce: Cuffaro - attacca il segretario regionale dei Ds, Antonello Cracolici - di fronte ad una figuracela internazionale, si arrampicato sugli specchi tentando di far passare l'enorme bugia del voto favorevole delle opposizioni.
L'assessore ai beni culturali Alessandro Pagano per assicura che 1' articolo approvato non pu trovare applicazione. Infatti -spiega - per come stata formulata, la norma non tiene conto neanche di quelle a-ree protette, il cui vincolo inderogabile, aprendo una discrezionalit potenziale che non assolutamente consentita in tema di tutela ambientale e quindi in conflitto con 1' ordinamento costituzionale.
Ma ecco il testo della norma incriminata, ossia l'art. 15 dedicato al Patto territoriale Isole Eolie che recita: comma 1- Ai fini della realizzazione delle iniziative previste dal Patto territoriale delle Isole Eolie, le o-pere previste e finanziate dal Patto, alla data di entrata in vigore della presente legge, possono essere realizzate anche in deroga al Piano territoriale paesistico e alle norme urbanistiche vigenti, comma 2 -Sulla deroga si esprime un'apposita conferenza dei servizi composta dall'assessorato regionale del territorio e dell'ambiente e dall'Assessorato dei beni culturali e ambientali, che si riunisce presso l'assessorato del territorio e dell'ambiente su richiesta del sindaco del comune nel cui territorio ricade l'opera. Il parere favorevole reso dalla Conferenza dei servizi immediatemente esecutivo e costituisce deroga al Piano territoriale paesistico e variante allo strumento urbanistico vigente.
L'assessore Pagano annuncia per il 5 novembre al castello di Falconara una riunione convocata, di concerto col Ministero per i Beni e le Attivit Culturali, con i vertici italiani dell'Unesco.
Determinato a fare chiarezza anche il presidente della Commissione territorio, on. Antonino Beninati, convinto che molti abbiano parlato a sproposito, senza aver letto il testo dell'articolo.
Di questo tenore anche u-na nota pervenuta ieri dalla rappresentante locale del Club Unesco, Angela Maz-ziotta: II gran clamore suscitato dalla norma approvata dall'Ars concernente le Isole Eolie , norma della quale si discute senza peraltro conoscerne il testo -dichiara Angela Mazziotta, presidente del Club Unesco delle Isole Eolie - e l'assoluta mancanza di senso del limite e di opportunit da parte di tutti coloro che intenderebbero coinvolgere nella querelle un'istituzione quale l'Unesco, non altro che l'esplosione virulenta di una lotta senza quartiere di poteri contro poteri, partiti contro partiti, politici contro politici, primazie personali e clientelismo.
Preliminarmente non sembra superfluo ricordare che nel dicembre 1999 le Eolie sono state dichiarate dall'Unesco Patrimonio dell'umanit in quanto "eccezionale esempio dell'attivit di costruzione e distruzione di isole, operate dal vulcanesimo, testimoniano un fenomeno vulcanico tutt'ora in corso". Non quindi, contrariamente a quanto da qualcuno affermato in questi giorni, per la loro valenza paesaggistica, ma secondo gli "orientamenti applicativi" della Convenzione Unesco del 1972, perch rivestono "un'importanza internazionale per la vulcanologia". Per quanto pi precisamente concerne il provvedimento test approvato dall'Ars, onest intellettuale impone di riconoscere ali'Ars un ruolo migliore di quello da tanti attribuitole. Il provvedimento, infatti, piuttosto che a u-na improvvida insensibilit dell'Ars ascrivibile a-gli imperscrutabili motivi che nel 2001 ispirarono un Piano paesaggistico alquanto discutibile e assai frettolosamente approvato. Onest intellettuale impone altres di ricordare a tanti che in queste ore mostrano stupore, sconcerto e indignazione che le motivazioni che un giorno a-vrebbero portato a questo provvedimento erano da essi ben conosciute fin dal 2001 e da essi stessi ben misconosciute fin dal 2001. A-spettiamo ora - conclude Angela Mazziotta - i com-missari inviati dal Comitato internazionale dell'Une-sco. Vengano a visitare le Eolie. Ad essi rappresenteremo quali siano le strumentalizzazioni politiche che vengono compiute in nome dell'Unesco, abusivamente spendendone il prestigio e sostanzialmente ponendo un cappio al collo degli eoliani secondo i riti di un giuoco politico che devasta molto pi del cemento quel "Patrimonio dell'umanit" che il patrimonio degli Eoliani.



news

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

03-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 DICEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news