LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

AMBIENTE - Una legge per i vandali - Una misura incostituzionale che peggiora le gravissime norme sul condono
Salvatore Settis
LA REPUBBLICA 27.10.2004

Non so se la parola "cerchiobottista" sia gi registrata nei vocabolari. Ma questa metafora, che viene dalle profondit di un'Italia rurale e vinicola, pare singolarmente adatta a descrivere situazioni e processi dell'Italia di oggi, tecnologica e devoluzionista.
Un bell'esempio la legge-delega sull'ambiente, approvata dal Senato lo scorso 14 ottobre con pesanti emendamenti, e ora alla Camera.
Il comma 32 dello sterminato articolo unico, imposto dal governo con il voto di fiducia, inveisce contro il grave pregiudizio arrecato al paesaggio da vasti interventi di lottizzazioni abusiva realizzati in localit Punta Perotti nel comune di Bari, e ne intima la demolizione minacciando l'intervento dell' esercito.

Voltiamo pagina, e i commi 36 e 37 prescrivono un vasto intervento di sanatoria di ogni possibile illecito paesaggistico, anche i pi gravi, in tutto il territorio nazionale. Chi parla di "cerchio-bottisti" sbaglia dunque i conti, la realt ben diversa: un colpo al cerchio della difesa del paesaggio (la demolizione degli ecomostri di Punta Perotti), mille colpi alla botte della devastazione del paesaggio italiano.

Non guasta, per capire i termini della questione, un piccolo flashback. L'iter della legge-delega sull'ambiente comincia pi di due anni fa (la prima versione fu approvata dalla Camera il 2 ottobre 2002).

Presentato dal ministro dell'Ambiente, Matteoli, di concerto con altri dieci ministri (Tremonti, Lunardi, Castelli, Moratti, Frattini, Buttiglione, Marzano, Alemanno, Stanca, La Loggia), il disegno di legge divent presto il contenitore di selvaggi attacchi al paesaggio.

Il 15 ottobre 2003, la Camera vi apport un perverso emendamento, che prevede la totale depenalizzazione di ogni illecito penale in materia paesaggistica, per lavori compiuti non solo in difformit ma in assenza di autorizzazione, e senza alcun limite di volumetria o di superficie. Insomma, l'abusivismo vandalico consacrato da una legge della Repubblica.

Non mancarono allora le reazioni.

Un appello pubblicato sui principali quotidiani nazionali dichiarava che quell'emendamento rappresenta una gravissima minaccia all'integrit del paesaggio italiano, patrimonio comune dei cittadini e dell'umanit, nonch elemento costitutivo dell'identit nazionale, violando in modo flagrante l'art. 9 della Costituzione dellaRepubblica.Frai firmatari figuravano pericolosi estremisti come Susanna Agnelli, Giulia Crespi (presidente del FAI), Desi-deria Pasolini dall'Onda (presidente di Italia Nostra), Gae Aulenti, Claudio Abbado, Giorgio Armani, Riccardo Chiaberge, Ferruccio De Bortoli, Franzo Grande Stevens, Renato Mannheimer, Riccardo Muti, Leopoldo Pirelli, Granfranco Ravasi, Franco Maria Ricci, Cesare Romiti, Fabio Roversi Monaco.

Vi si citava un discorso, proprio di quei giorni, del Presidente Ciampi, in cui si ricordava agli italiani che difendere il nostro straordinario patrimonio dall'aggressione degli egoismi, dalla speculazione, dall'abbandono significa custodire la nostra identit nazionale, che si fonda sulla bellezza in un paesaggio indissolubilmente intrecciato con l'opera dell'uomo.

Lo scellerato emendamento fu ritirato al Senato, generando molti sospiri di sollievo e qualche illusione. Ad un anno esatto (ottobre mese fatale per questo disegno di legge), i ruoli s'invertono ma la musica non cambia: stavolta l'aula del Senato che il governo ha scelto per rilanciare la vandalica aggressione alla Costituzione e al paesaggio italiano.

Torna la sanatoria generalizzata di tutti gli abusi sul paesaggio perpetrati entro il 30 settembre 2004, senza limite di volumetria o superficie, peggiorando enormemente le pur pessime norme del condono edilizio del 2003, che almeno stabilivano qualche limite di volumetria per gli abusi condonabili.

Invano la Corte Costituzionale ha ripetutamente ammonito che il condono, di per s incostituzionale, pu non esserlo solo in virt della sua eccezionalit e con riferimento a situazioni contingenti e non ripetibili.

Calpestando l'art. 9 della Costituzione e capovolgendo le indicazioni della Corte, al condono 2003 (ancora in regime di proroga) si aggiunge ora un super-con-dono insediato (oltre al danno, le beffe) in una legge sull'ambiente. Da un ottobre all'altro, dunque, non c stata tregua, ma solo una manovra dilatoria, una pausa tattica, tanto da consentire agli abusivi (inclusi quelli con incarichi di governo) di intensificare i propri assalti al paesaggio italiano, in vista di una nuova e pi permissiva scadenza dei termini.

Questo annunciato regalo (o auto-regalo) agli abusivi ha un'aggravante.
Esso interviene a modificare l'art. 181 del Codice dei Beni Culturali, che questo stesso governo approv il 22 gennaio 2004 ed in vigore solo dallo scorso maggio.

Il ministro Urbani ebbe ragione allora di vantarsi che il codice che porta il suo nome contiene il divieto di ogni autorizzazione paesaggistica in sanatoria. Egli ha ripetuto il suo vanto in un libro-intervista a cura di Paolo Conti, pubblicato poche settimane fa da Rizzoli: Quella [contro la sanatoria] una bella battaglia vinta. Il diessino Giovanelli mi ha ringraziato se il pericolo stato sventato. Sarebbe stato inaccettabile veder vanificare il lavoro sul Codice! Sarebbe stato impensabile arrivare a una difesa legalizzata di centinaia di abusi (Un liberale alla cultura, pag. 74).

Ma di che cosa pu vantarsi Urbani, ora che quella norma stata non stravolta, ma stracciata e capovolta? Ora che l'"inaccettabile" e l'"impensabile" sta diventando legge per volont del governo di cui egli fa parte?
Urbani non figura (suppongo, non a caso) fra i ministri che firmano con Matteoli la legge sull'ambiente:ma corretto, politicamente e istituzionalmente, che il Codice dei Beni Culturali venga radicalmente modificato contro la volont del ministro competente?
Questa vicenda (compresi, ahim, gli imbarazzati silenzi di Urbani) getta una luce sinistra sul futuro dei beni culturali in Italia.

Nel Codice (ne ho scritto pi volte in questo giornale) ci sono alcune norme pi che discutibili (come il silenzio-assenso), ma in un impianto complessivamente accettabile.
Ma se ora stato vandalizzato l'art. 181, che cosa impedisce che domani tutte le norme di garanzia e di tutela presenti nel Codice vengano smontate, cancellate, capovolte a una a una?
Oltre che criticare il Codice per qualche errore che contiene, non dovremmo forse ergerci a difenderlo, come fosse l'ultimo baluardo prima della dbcle finale della tutela, del saccheggio indiscriminato dell'Italia?

Come se non bastasse, c' un aspetto di questa vicenda ancor peggiore, an-cor pi preoccupante.
La legge sull'ambiente, nella sua forma attuale, palesemente anticostituzionale: basti dire che, mentre l'art. 9 della Costituzione prescrive una tutela rafforzata per i paesaggi sottoposti a vincolo, con la nuova legge i beni paesaggistici sono meno, e non pi, tutelati delle aree non vincolate.

In queste ultime, infatti, vige pur sempre un limite volumetrico agli abusi condonabili, mentre nelle aree vincolate tutto, proprio tutto condonabile, senza alcun limite (perch, allora, non anche gli ecomostri di Punta Perotti?).

Questa ed altre considerazioni (rafforzate da una giurisprudenza costituzionale assolutamente univoca) rendono certi che la violazione della Costituzione contenuta nello sciagurato emendamento non frutto di incompetenza o distrazione, bens di un calcolo deliberato. Non c' alcun dubbio che la Corte, quando (sulla base di un qualche contenzioso) sar chiamata a pronunciarsi su questa legge, dovr dichiararne l'incostituzionalit: ma approvarla adesso ha per questi vandali senza scrupolo l'evidente vantaggio di consolidare un fatto compiuto, che sar difficilissimo cancellare negli anni a venire, anche dopo l'inevitabile (ma necessariamente tardiva) sentenza di incostituzionalit; ma anche di creare un precedente, incoraggiando nuovi abusivismi in attesa di nuovi inevitabili condoni.

Tanto pi che, in barba alla Costituzione e al Codice, gli organi statali di tutela (le Soprintendenze) non hanno, secondo questa legge, alcun potere d'intervento: il fondamentale presidio di salvaguardia offerto dalla stessa esistenza di poteri pubblici concorrenti viene cos cancellato con uno sberleffo.

Si restringe ulteriormente lo spazio d'azione delle Soprintendenze territoriali, gi ridotto dalla loro subordinazione burocratica a Direzioni regionali predestinate a fungere da camera di compensazione fra le pressioni politiche degli enti locali e una concezione tecnico-scientifica della tutela, in continua ritirata (non a caso Leopoldo Elia ha sollevato e con successo, un'eccezione di incostituzionalit sulla nuova struttura ministeriale).

Bruno Zanardi ha dimostrato, sul Sole-24 ore, chele Soprintendenze regionali furono proposte molti anni fa da Giovanni Urbani(nessuna parentela col ministro), il grande direttore dell'Istituto Centrale per il Restauro, come l'organo di una conservazione programmata e integrata del patrimonio, del paesaggio e dell'ambiente.
La deriva a cui assistiamo trasformer i direttori generali appena nominati in spettatori o compiici di una devastazione programmata?
Un colpo al cerchio, mille (anzi centomila) alla botte. Ma cos (in quell'Italia rurale e vinicola lo sapevano proprio tutti) la botte si sfascia.
Si sfascia la Costituzione, aggirata e vilipesa da miserevoli espedienti che si mascherano dietro la maest della legge; si sfascia il paesaggio italiano, la stessa nostra identit nazionale che (celo ricorda con nobile insistenza il magistero del Capo dello Stato) si fonda in modo prioritario sui valori dell'art. 9 della Costituzione: La Repubblica tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione.




news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news