LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Rimigliano, speculazione nel parco



Legambiente: Regione Toscana e Soprintendenza blocchino lo scempio. Quarta bandiera nera al sindaco cementificatore di San Vincenzo



Legambiente chiede alla Soprintendenza per i Beni culturali e alla Regione Toscana di bloccare lo scempio edilizio nella tenuta di Rimigliano grazie a una variante al Regolamento urbanistico recentemente adottata dal Comune di San Vincenzo.

Il documento prevede una vera e propria colata di cemento per la realizzazione di un albergo di 6.000 mq per 150 posti letto, di 180 appartamenti, una dozzina di piscine e centinaia di posti auto, frutto della ristrutturazione di vecchi poderi e di nuove costruzioni.

Per le necessit produttive dellazienda agricola, estesa su 560 ettari, sarebbero previsti solo 650 mq di annessi: un numero ridicolo addirittura per una piccola impresa agricola.

Denunciamo da anni il rischio speculazione nella tenuta di Rimigliano - dice Sebastiano Venneri, vice presidente di Legambiente -, area di grande pregio ambientale e paesaggistico e ultimo lembo sottratto, per ora, alla furia cementificatrice dellamministrazione comunale. E necessario, a questo punto, lintervento della Regione Toscana e della Soprintendenza, per bloccare un progetto che costituirebbe un precedente pericoloso. Se dovesse passare, infatti, questa variante sarebbe a rischio la salvaguardia delle aree di maggior pregio del paesaggio toscano.

Per questa speculazione e linaugurazione farsa del nuovo porto di San Vincenzo, opera inutile e faraonica dichiara Fausto Ferruzza, direttore di Legambiente Toscana ci apprestiamo a consegnare al sindaco Biagi la nostra quarta bandiera nera. Un vero record di cattiva gestione del territorio. Abbiamo raccolto numerose firme, fatto appelli e sollecitato incontri con lamministrazione comunale, ma questa rimasta sorda a qualsiasi cambiamento di rotta ed pronta a dare il via libera a una speculazione edilizia di circa 100 milioni di euro.

La tenuta di Rimigliano unarea di straordinario valore paesaggistico e ambientale passata, nel giro di diversi anni e altrettante vicende, da zona destinata a patrimonio protetto della costiera tirrenica toscana a semplice giardinetto.

Nei primi anni 70, infatti, la zona sembrava dover diventare una delle prime aree protette della Toscana. Dopo un periodo di abbandono, nel marzo del 1994 la Giunta comunale affid la gestione del parco e delle strutture in esso situate, al Consorzio ECODOMUS, per opere di manutenzione e risanamento della fascia costiera.Inaspettatamente, per, nellagosto 1996 la maggioranza decise un cambio di rotta. Quattro dei complessi presenti nel parco furono destinati a edifici per la ricettivit turistico-alberghiera; con il Piano Strutturale del 1998, il Parco venne smantellato e diviso in cinque parti. Per la Tenuta, la parte pi estesa, la previsione fu pesantissima: un maxi-albergo di 45.000 metri cubi, una sala congressi per altri 9.000 e ricettivit turistica anche per i 45.000 metri cubi di volumetrie esistenti.Tutto il terreno venne dichiarato non espropriabile ed edificabile. A impedire la realizzazione dellalbergo subentr per il fallimento della Parmalat, allora proprietaria dellarea. Lasta fallimentare fu vinta da una cordata di imprenditori che promisero nove anni di cantiere. LAmministrazione, che avrebbe potuto a questo punto salvare il Parco chiedendo linserimento della Tenuta nelle aree protette della Regione Toscana e bloccare il Piano Strutturale, approv invece una variante per altri 9.000 metri cubi di edifici senza specifiche su destinazioni duso e collocazioni, convalidando la possibilit di costruire fino a 17.500 metri quadri. Oggi quello che potrebbe essere latto finale.



http://www.legambiente.it/dettaglio.php?tipologia_id=3&contenuti_id=2189


news

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

05-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 5 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news