LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cancelliamo il passato. Intervista a Richard Meier
Domizia Carafoli
il Giornale 29/10/2004

Loro, gli architetti, a sentirli sembrano tutti poeti. E innocenti. Richard Meier, per esempio. Occhi acuti dietro gii occhiali in bilico sul naso aquilino, capelli candidi, gentilezza di studioso. di passaggio a Milano per presentare il suo progetto Jesolo Lido Village, che come nome suona un po' consigli per gli acquisti, ma non colpa sua. E poi lui pronuncia Gesolo e questo rende il tutto molto pi simpatico.
Architetto del candore e della luce (i suoi edifici sono tutti rigorosamente bianchi, gli spazi ampi e la luce vi gioca un ruolo primario), il progettista dei pi celebri musei d'Europa e d'America - da Francoforte a Barcellona fino al monumentale e criticato Museo Getty di Los Angeles - si entusiasma come un ragazzo (o un poeta appunto) al ricordo della sua prima visita a Jesolo.
Sono rimasto stupito dalla profondit e dalla bellezza della spiaggia -dice - non abbiamo spiagge simili noi americani, nemmeno in California. E poi la luce sul mare. S, un luogo bellissimo.
Il villaggio, a un passo dalla spiaggia, fatto di candidi e bassi edifici squadrati che sembrano un po' l'opera di un Terragni, redivivo andato in visita a Malib. Di fronte al mare si ergono tre torri luccicanti, grattacieli in formato ridotto. Tutto preso dal suo entusiasmo, il grande architetto newyorchese non deve avere avuto molto tempo per guardarsi intorno e vedere lo scempio pluriennale che un'edilizia di rapina ha fatto delle coste adriatiche di Jesolo. Eppure il problema delle coste devastate da un infinito campionario del cattivo gusto, le periferie invivibili, le citt congestionate, in una parola l'architettura brutta, oggi una bruciante accusa rivolta proprio agli architetti. Da Gropius in avanti, gli architetti hanno progettato i quartieri nuovi. Ma almeno dalla fine della seconda guerra mondiale in poi, le citt non hanno fatto che peggiorare. Anche quando a firmare i nuovi edifici erano nomi illustri. Parlando dell'Italia, penso al Corviale di Mario Fiorentino, tanto per fare un esempio, che oggi si vorrebbe addirittura demolire. Come mai premesse intellettuali tanto ambiziose e risultati cosi deludenti?
Perch c'era fretta, tanta fretta. La gente aveva bisogno di case, fame di case e non guardava per il sottile in fatto di estetica. E poi molti progetti sono rimasti incompiuti e gli ambienti si sono degradati, imbruttiti. Oggi c' una nuova consapevolezza e una diversa esigenza estetica. E non c' pi l'urgenza drammatica del
costruire. La gente si interessa, discute, polemizza. Si costruisce meglio e si restaura meglio. Soprattutto in Italia dove ho notato un interesse fortissimo per l'architettura. Un atteggiamento critico molto consapevole. Pensi alle polemiche sul restauro della Scala, per non parlare degli attacchi al mio progetto per il museo dell'Ara Pacis a Roma. Gi, stato accusato di sostituire un'americanata al sobrio contenitore di Ballio Morpurgo degli anni Trenta.
Io dico: aspettate di vedere il progetto compiuto e realizzato, le proporzioni e le relazioni fra gli spazi. questo il nocciolo di ogni architettura.
Il fatto che le citt italiane antiche presentano un tessuto urbano molto delicato e gli inserimenti diventano rischiosi. Pensi alla nuova uscita degli Uffizi progettata a Firenze da Arata Isozaki.
Isozaki un mio buon amico (la prudenza non mai troppa, ndr). Forse sono state le proporzioni a suscitare i maggiori dissensi. Non detto che le architetture contemporanee debbano essere malate di gigantismo. Le persone che vengono a visitare la Chiesa del Millennio che ho progettato per il quartiere romano di Tor Tre Teste si stupiscono di trovarla "piccola". E in effetti lo .
Quindi anche lei ritiene che le nuove architetture possano essere discrete. A molti grandi maestri, da Libeskind a Gehry, viene rimproverato l'opposto, la tendenza a stupire con edifici che diventano sfoggio di virtuosismo, effetti speciali, architetture choc insomma.
Non c' bisogno di choccare. Gli edifici, quale che sia la loro destinazione, vanno pensati per essere vissuti e per durare nel tempo, come funzione e come valore estetico.
Talvolta la tentazione di strafare pu venire anche dalla disponibilit odierna di tecnologie straordinariamente innovative. Non che l'ingegneria sta battendo l'architettura?
La cupola del Brunelleschi a Firenze un capolavoro di ingegneria. Ed allo stesso tempo un capolavoro di architettura.
Dureranno quanto il fiorentino i Brunelleschi di oggi?
Devono. L'architetto deve avere la mente rivolta al futuro. E naturalmente rispettare il passato.
In questo senso l'Italia un'ottima palestra. Lo pensavo quando da giovane, studente all'American Academy di Roma, passeggiavo per le vie di quella incredibile citt, fra le sue incredibili prospettive. Roma mi ha insegnato la continuit con l'antico.
S, ma l'Ara Pacis...
Rispettare il passato non significa rimanerne prigionieri. Altrimenti si ha una citt congelata, a frozen city. Sono assolutamente contrario alla musealizzazione delle citt antiche. Pensi che l'Ara Pacis il primo edificio moderno che viene costruito nel centro antico di Roma negli ultimi cinquant'anni. L'architettura non una lingua morta, deve continuare ad esprimersi.
Ha una ricetta, il grande Richard Meier, per una citt del futuro che non sia brutta come quelle costruite fino ad ora?
Mi dispiace, non ho ricette: ogni luogo diverso dall'altro. Ci sono citt "alte" e citt "basse". Importante individuarne lo stile, lo spirito.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news