LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Resoconto sommario della seduta alla Camera sulla sfiducia a Bondi
www. camera.it

Discussione delle mozioni Ghizzoni n. 1-00491 e Buttiglione n. 1-00533, presentate a norma dell'articolo 115, comma 3, del Regolamento, nei confronti del Ministro per i beni e le attivit culturali, senatore Sandro Bondi.

PRESIDENTE. Dichiara aperta la discussione sulle linee generali delle mozioni.

GIOVANNA MELANDRI (PD). Illustra la mozione Ghizzoni n. 1-00491, con la quale si chiedono le dimissioni del Ministro Bondi, evidenziando il totale fallimento della politica in materia di tutela dei beni e delle attivit culturali intrapresa dal Governo. Rileva, altres, come lo stesso Ministro non sia stato in grado di contrastare i tagli di risorse, finanziarie ed umane, che hanno penalizzato il settore di sua competenza, inopinatamente considerato dall'Esecutivo non come un fattore di crescita civile ed economica, ma come un costo per la collettivit.

ENZO CARRA (UdC). Illustra la mozione Buttiglione n. 1-00533, osservando che l'intollerabile riduzione degli stanziamenti di bilancio e delle risorse umane previsti per il Dicastero per i beni e le attivit culturali ha causato guasti irreparabili nella tutela del patrimonio artistico e paesaggistico, determinando la mobilitazione di ampi settori dell'associazionismo culturale nonch reiterati appelli rivolti anche dalla sua parte politica al Ministro Bondi, responsabile di non aver attivato tutte le procedure esperibili per il ripristino di adeguati livelli di cura ordinaria e straordinaria del predetto patrimonio. Rilevata, quindi, la persistente e grave insufficienza delle politiche pubbliche per la cultura in Italia, ritiene che il Ministro competente per la tutela di tale strategico comparto, al quale esprime la sfiducia del suo gruppo, debba rassegnare le dimissioni.

PAOLA GOISIS (LNP). Nel ritenere che al Ministro Bondi non possa essere imputata alcuna responsabilit per il crollo recentemente avvenuto nell'area archeologica di Pompei, dovuto principalmente ad un perdurante stato di incuria, reputa opportuna una rivisitazione degli strumenti di gestione del patrimonio artistico e culturale, anche mediante un'adeguata formazione del personale, il conferimento di pi incisive competenze alle amministrazioni locali e l'eliminazione di sprechi nell'impiego delle risorse.

ANTONIO BORGHESI (IdV). Sottolinea che la sua parte politica esprimer la propria sfiducia al Ministro per i beni e le attivit culturali in virt di un fermo e fondato giudizio negativo sulla complessiva attivit svolta nella direzione strategica e amministrativa del Dicastero nel corso di pi anni, caratterizzatasi per gravi e personali responsabilit nella inopinata e poco trasparente gestione delle risorse economiche e professionali, nonch per la strenua e ambigua difesa della figura del Presidente del Consiglio.

BENEDETTO FABIO GRANATA (FLI). Nel respingere le critiche circa la natura personale delle motivazioni alla base delle mozioni di sfiducia in discussione, delle quali invece evidenzia il carattere prettamente politico, che sottende ad un giudizio negativo sulla conduzione del Dicastero guidato dal Ministro Bondi, lamenta una visione eccessivamente imprenditoriale del settore della cultura, che rappresenta il patrimonio identitario e le radici del nostro Paese. Sottolineata quindi la drammatica esiguit delle risorse destinate a tale comparto, che sta comportando pesanti difficolt ai numerosi lavoratori del mondo della cultura e dello spettacolo, evidenzia le notevoli lacune che si registrano nelle politiche di tutela paesaggistica, ambientale e storica perseguite dall'attuale Esecutivo. Nel ritenere infine che le responsabilit del crollo della Casa dei gladiatori di Pompei siano riconducibili al Ministro Bondi in virt della gestione commissariale della predetta area, manifesta l'esigenza di destinare adeguate risorse alla gestione del patrimonio culturale italiano.

LUISA BOSSA (PD). Nel manifestare vivo sdegno e netta riprovazione per lo stato di abbandono in cui versa il patrimonio artistico del Paese, ne ascrive la responsabilit politica al Ministro Bondi, lamentando la mancata individuazione di appropriate soluzioni alle problematiche emergenti nel settore dei beni culturali ed ambientali. Stigmatizzata altres l'acquiescenza dello stesso Ministro alla scelta del Ministro dell'economia e delle finanze di tagliare indiscriminatamente le risorse destinate al comparto cultura, manifesta contrariet ai criteri adottati per l'affidamento del complesso archeologico di Pompei, ritenendo che i gravi danni dallo stesso riportati siano da ricondurre ad una gestione inadeguata ed inappropriato del sito.

RENZO LUSETTI (UdC). Nel rivendicare il carattere esclusivamente politico della richiesta di sfiducia nei confronti del Ministro Bondi, ritiene che la scarsa incisivit mostrata da questi nell'ambito delle decisioni governative sia da ascrivere all'incarico ricoperto dallo stesso nel suo partito, con la conseguenza che il comparto della cultura sconta in maniera drammatica la politica dei tagli lineari adottati dal Ministro Tremonti. Ribadisce infine l'esigenza di una radicale riconsiderazione della linea fin qui seguita nel settore dei beni culturali, che denota la scarsa attenzione del centrodestra nei confronti di un comparto nevralgico e fondamentale per garantire le nostre radici e il futuro del Paese.

EMERENZIO BARBIERI (PdL). Nell'esprimere un giudizio fortemente critico sui contenuti dei documenti di indirizzo in discussione, reputa del tutto inconferenti ancorch prive di logica le argomentazioni volte ad attribuire al Ministro Bondi la responsabilit dei crolli verificatisi nel sito archeologico di Pompei e del fallimento della politica dei beni culturali propria del Governo. Ritenute parimenti infondate le accuse secondo le quali il Ministro Bondi avrebbe indebitamente privilegiato il suo ruolo di coordinatore nazionale del partito di appartenenza, stigmatizza l'atteggiamento strumentale e pregiudiziale di taluni rappresentanti delle opposizioni, rammentando altres la difficile situazione finanziaria in cui versava il comparto dei beni culturali all'atto dell'insediamento del Ministro in carica. Ricordato peraltro come il Parlamento abbia recentemente rinnovato la fiducia all'Esecutivo, richiama i provvedimenti salienti assunti dal Ministro Bondi nell'esercizio del suo mandato, illustrandone i proficui risultati, nell'auspicio della reiezione delle mozioni di sfiducia in discussione.

EUGENIO MAZZARELLA (PD). Nel ritenere preliminarmente che la sfiducia nei confronti del Ministro Bondi si giustifichi in virt della sua non condivisibile gestione dei beni culturali, eccessivamente succube delle scelte di rigore in politica economica e caratterizzata da una erronea visione delle politiche di tutela e valorizzazione del patrimonio storico-culturale del nostro Paese, lamenta un utilizzo clientelare delle limitate risorse destinate alla cultura, che dovrebbe indurre lo stesso Ministro a rassegnare le dimissioni.

LUCIANO MARIO SARDELLI (IR). Manifesta indignazione per le vere ragioni, a suo avviso pregiudizialmente politiche e strumentali, alla base della presentazione delle mozioni di sfiducia individuale in discussione, esprimendo altres apprezzamento e solidariet al Ministro Bondi al quale, a nome del suo gruppo, rinnova la fiducia ed il sostegno parlamentare.

MARIO LOVELLI (PD). Richiamate preliminarmente alcune vicende riguardanti l'operato del Ministro Bondi relativamente al patrimonio culturale del comune di Novi Ligure, che confermano l'inefficacia della politica attuata dal Governo nel settore dei beni culturali, ritiene sussistano i presupposti per chiedere le dimissioni dello stesso Ministro.

PRESIDENTE. Dichiara chiusa la discussione sulle linee generali delle mozioni.
Rinvia quindi ad altra seduta l'intervento del Ministro ed il seguito del dibattito.

http://www.camera.it/412?idSeduta=422&resoconto=sommario&indice=alfabetico&tit=00050&fase=#sed0422.sommario.tit00050


news

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

23-03-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 marzo 2019

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

Archivio news