LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei, Della Valle: ''Imprenditori napoletani fate come me con il Colosseo''
02 febbraio 2011


Roma - (Adnkronos) - ''Ci sono persone legate al territorio con i mezzi per affrontare la situazione - dichiara il patron di Tod's - i piani di recupero sono pronti: occorre finanziarli, garantire la loro piena attuazione''


Roma, 2 feb. (Adnkronos) - "Napoletani, Pompei e' vostra. E allora fate come me con il Colosseo". E' una sollecitazione quella rivolta dal patron di Tod's, Diego Della Valle, agli "amici imprenditori" di Napoli, ma anche alla societa' civile della citta' affinche' si occupino del restauro dell'area archeologica di Pompei. "Ho gia' parlato con alcuni amici - racconta in un'intervista a 'Il Mattino' - e se riesco ad annullare un viaggio all'estero dovrei essere a Napoli nel fine settimana per poter spiegare da vicino agli interessati il senso e la finalita' dell'iniziativa per il Colosseo che credo possano essere di aiuto ad affrontare il restauro di Pompe".


Qualche nome di imprenditore? "Per rispetto degli interessati - dice - preferirei non farne. Dopo - annuncia - saranno loro a parlare". Loro, si', perche' Della Valle non si propone come guida per il parco archeologico: "Quando si vuole entrare in casa d'altri - osserva - e' buona educazione prima bussare. Se serve - fa sapere - sono pronto a dare una mano. Io credo pero' che al di la' della mia disponibilita' saranno le persone di Napoli a farlo con molto entusiasmo". E "spero che siano soprattutto i napoletani e tutti quelli che amano Napoli e le ricchezze culturali dell'Italia a mobilitarsi per Pompei. Non c'e' un minuto da perdere, un patrimonio secolare che tutto il mondo invidia all'Italia si sta consumando e chi vive piu' da vicino questa situazione, come appunto i napoletani, ha il dovere secondo me di intervenire".

"Prima di grandi gruppi internazionali - scandisce - ho trovato giusto parlare con gli amici napoletani, sapendo quanto i napoletani amino le loro cose". Quanto all'ipotesi di un unico grande gruppo, come nel caso di Tod's per il Colosseo, o, invece, di un'associazione di imprese, Della Valle argomenta: "E' un aspetto della questione che va esaminato. So che a Napoli ci sono persone legate al territorio in maniera molto forte: non sono poche. E hanno una vita imprenditoriale di successo e quindi anche i mezzi per affrontare queste situazioni".

"Percio' - prosegue - se non ci si puo' impegnare singolarmente su progetti molto costosi, lo si puo' fare creando un gruppo di sostenitori, il risultato e' lo stessoi. Utilizzare questa passione per salvare Pompei mi sembra importante". In merito, poi, al presidente del Napoli Aurelio de Laurentiis, che ha presentato un pacchetto di proposte per il rilancio della citta' con un mega-progetto per Pompei in primo piano, Della Valle, dice: "Non conosco nel dettaglio l'iniziativa. Ma con Aurelio, con cui peraltro non ho ancora parlato, non c'e' alcun problema: e' a casa sua, e' giusto che si mobiliti. Per quanto mi riguarda, la sua disponibilita' sarebbe bene accolta ".

Secondo l'imprenditore, insomma, il punto vero e' quello dlele risorse perche' "non bisogna fare tanti studi o ragionamenti, il ministero dei Beni culturali sa gia' cosa fare. I piani di recupero di Pompei sono pronti: occorre finanziarli, garantire la loro piena attuazione. Ecco perche' piu' presto si fara' e meglio sara'". Ma la crisi in cui versa il governo potrebbe essere un ostacolo? "No - scandisce - non credo che sarebbe un ostacolo: oltre tutto progetti di questa portata, dove chi sponsorizza e finanzia non ha nulla da chiedere in cambio, dovrebbero essere immuni da problemi per cosi' dire politici. Inoltre, la nostra esperienza con il ministero per il progetto Colosseo e' stata piu' che positiva: abbiamo trovato, anche dietro le quinte, persone competenti e qualificate, il rapporto tra noi e loro e' stato eccellente".

"L'operazione Colosseo - tiene ad evidenziare - dimostra che quando i privati e il pubblico si incontrano su cose serie e c'e' la volonta' di fare le cose, le cose succedono. Nel costruire l'operazione Colosseo, abbiamo trovato grandissima collaborazione. E questo dimostra che c'e' un'Italia che funziona, fatta di persone perbene". A Roma sul Colosseo "il gruppo Tod's e' il solo sponsor e le decisioni strategiche hanno una finalita' sociale e non commerciale. Abbiamo deciso di dare vita ad un'associazione, gli 'Amici del Colosseo' che dovra' occuparsi di tante cose, a cominciare dall'organizzazione delle gite scolastiche al monumento. E' un progetto ben articolato che vuole dare a chiunque la possibilita' di visitare il monumento. In piu' ci sono altre cose socialmente interessanti". A Pompei, invece, bisogna mettere ancora la prima marcia e anche in fretta: "Bisogna muoversi subito. Ed e' importante creare le condizioni perche' il gruppo di finanziatori sia costruito da napoletani o da persone vicine a Napoli. Sarebbe un peccato, per chi ha i mezzi in citta', non cogliere questa opportunita'".

02-02-2011
UMBRIA/UE: AL VIA PROGETTO PATCH TUTELA BENI CULTURALI

(ASCA) - Perugia, 2 feb - P.A.T.C.H. - Prevention, Analysis and Tools for Cultural Heritage (prevenzione, analisi e strumenti per il patrimonio culturale) e' il Progetto Europeo di durata biennale a cui partecipa la Provincia di Perugia insieme ad altri partner italiani ed europei (Centro Studi e Formazione Villa Montesca, Custodia Generale del Sacro Convento della Basilica Papale di San Francesco di Assisi, Policia Local di Valencia, Consorci de la Ribera, University of Crete - Natural History Museum of Crete, Municipalita' di Heraklion, Municipalita' di Agios Athanasios). Obiettivo, lo sviluppo di un sistema integrato di prevenzione dei danni dei beni culturali in seguito a calamita' sismiche basato sulla codifica di procedure e protocolli operativi, tecniche di catalogazione e identificazione delle opere, tecnologie di protezione degli oggetti museali efficaci e a basso costo.

Conclusa la prima fase a marzo 2010, ora si sta sviluppando la seconda che riguarda la ricerca storica degli effetti dei principali terremoti sui beni culturali nella Regione, con particolare riferimento al sisma umbro del 1997. Per la storia sismica sono stati consultati i principali database a livello nazionale, selezionando gli eventi sismici di magnitudo rilevante dal 1300 a oggi. Un apposito Comitato Tecnico Scientifico, insediatosi a ottobre del 2010, sta predisponendo le Linee Guida per definire protocolli e procedure da seguire in caso di eventi sismici sui beni culturali. ''I terremoti non si possono prevenire, ma e' nostro dovere mettere in campo ogni risorsa per intervenire prontamente e correttamente per tutelare il patrimonio artistico di cui l'Umbria e' particolarmente ricca - ha detto l'Assessore provinciale al Servizio Controllo Costruzioni e Protezione Civile Roberto Bertini - P.A.T.C.H. e' un progetto di grande valore per il territorio particolarmente toccato da eventi sismici, dove sono presenti grandi opere, ricordiamoci Assisi dichiarata Patrimonio dell'Umanita' Tutelato dall'Unesco.Cio' costituisce anche un'esperienza da trasmettere e trasferire ad altre realta' territoriali a livello nazionale''.

pg/cam/rob

(Asca)


02-02-11
POMPEI: BONDI, PRONTI A FAVORIRE CHI VOGLIA IMPEGNARSI


(ASCA) - Roma, 2 feb - ''Ho molto apprezzato le parole di Diego Della Valle nell'intervista rilasciata oggi al Mattino di Napoli. Sono certo che gli imprenditori partenopei sapranno ispirarsi all'illuminato esempio di mecenatismo dimostrato con il sostegno al restauro dell'Anfiteatro Flavio e risponderanno, con la sensibilita' e l'intelligenza che son loro proprie, a questo appello per Pompei. Il Ministero e' pronto a favorire chiunque intenda contribuire alla tutela e alla valorizzazione di questo straordinario sito archeologico, anche promuovendo un'azione condivisa con gli Enti Locali per realizzare le migliori condizioni possibili di accoglienza e di fruibilita'''. Lo spiega in una nota il ministro per i Beni Culturali, Sandro Bondi.

res-rus/cam/ss

Pompei: Bondi, pronti a favorire chi voglia impegnarsi per gli scavi

Roma, 2 feb. (Adnkronos) - ''Ho molto apprezzato le parole di Diego Della Valle nell'intervista rilasciata oggi al Mattino di Napoli. Sono certo che gli imprenditori partenopei sapranno ispirarsi all'illuminato esempio di mecenatismo dimostrato con il sostegno al restauro dell'Anfiteatro Flavio e risponderanno, con la sensibilita' e l'intelligenza che son loro proprie, a questo appello per Pompei''. Lo dichiara in una nota il minsitro dei Beni culturali, Sandro Bondi. Che aggiunge: ''Il Ministero e' pronto a favorire chiunque intenda contribuire alla tutela e alla valorizzazione di questo straordinario sito archeologico, anche promuovendo un'azione condivisa con gli Enti Locali per realizzare le migliori condizioni possibili di accoglienza e di fruibilita'''.



news

27-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news