LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Beni ambientali. Conferenza di servizi e Sopreintendenze


PostDateIconMercoled 02 Marzo 2011 06:23 Beni Ambientali - Dottrina

LA RIFORMA DELLA CONFERENZA DEI SERVIZI INTRODOTTA CON LA LEGGE 30.7.2010 N. 122 ED IL RUOLO DELLE SOPRINTENDENZE

a cura di Ennio Moro

LA CONFERENZA DEI SERVIZI ISTRUTTORIA E DECISORIA

Listituto della conferenza dei servizi regolato oggi dagli art. 14 e segg. della legge 241/90 e s.m.i.

Come noto questo istituto non altro che la conferenza delle pubbliche amministrazioni in un tavolo comune, per poter meglio risolvere i problemi e confrontarsi su tematiche comuni, semplificando e razionalizzando cos i procedimenti. Lutilit di una entit organizzativa come la conferenza di servizi assume, quindi, particolare importanza sia relativamente alle decisioni che coinvolgono una molteplicit di interessi e dunque una pluralit di organismi amministrativi, ciascuno dei quali ricollegabili a distinti centri di potere ed appartenenti a distinti apparati.

La conferenza di servizi , dunque, uno strumento utile per favorire la contestualit delle decisioni, mediante lapporto contemporaneo delle singole Amministrazioni, a distinti titoli competenti, senza superare peraltro la distribuzione delle competenze fra le stesse.

La legge 241/90 prevede, secondo una ormai consolidata distinzione dottrinale, due forme di conferenza di servizi, la conferenza istruttoria e la conferenza decisoria.

A mente dellart. 14, commi 1 e 3 della legge 241/90, alla conferenza istruttoria si ricorre di regola qualora sia opportuno effettuare un esame contestuale di vari interessi pubblici coinvolti in un procedimento amministrativo o in pi procedimenti amministrativi connessi, riguardanti medesime attivit o risultati. In tale ultimo caso, la conferenza e' indetta dall'amministrazione o, previa informale intesa, da una delle amministrazioni che curano l'interesse pubblico prevalente. Lindizione della conferenza pu essere richiesta da qualsiasi altra amministrazione coinvolta. A questa conferenza debbono essere convocate tutte le pubbliche amministrazioni coinvolte nel procedimento necessario per ladozione del provvedimento finale, e possono partecipare anche pubbliche amministrazioni non strettamente necessarie ma semplicemente opportune secondo il metro valutativo discrezionale della P.A. o delle pubbliche amministrazioni procedenti.

Diversamente per la conferenza dei servizi decisoria il legislatore ha posto laccento sullobbligatoriet della convocazione, sottraendola alla discrezionalit amministrativa, infatti lart. 14, comma 2, recita: ..la conferenza di servizi sempre indetta quando l'amministrazione procedente deve acquisire intese, concerti, nulla osta o assensi comunque denominati di altre amministrazioni pubbliche e non li ottenga, entro trenta giorni dalla ricezione, da parte dellamministrazione competente, della relativa richiesta. La conferenza pu essere altres indetta quando nello stesso termine intervenuto il dissenso di una o pi amministrazioni interpellate, oppure deve essere convocata, anche su richiesta dell'interessato, dall'amministrazione competente per l'adozione del provvedimento finale... quando l'attivit del privato sia subordinata ad atti di consenso, comunque denominati, di competenza di pi amministrazioni pubbliche....

La conferenza di servizi (istruttoria e decisoria), secondo la giurisprudenza, costituisce solo un modulo procedimentale (organizzativo) suscettibile di produrre un'accelerazione dei tempi procedurali e, nel contempo, un esame congiunto degli interessi pubblici coinvolti. Tale istituto di carattere generale, disciplinato dalla legge 241 del 1990, precipuamente finalizzato all'assunzione concordata di determinazioni sostitutive, a tutti gli effetti, di concerti, intese, assensi, pareri, nulla osta, richiesti dal procedimento pluristrutturale specificatamente conformato dalla legge ed uno strumento che non comporta modificazione o sottrazione delle competenze, n modificazione della natura o tipo d'espressione volitiva o di scienza che le amministrazioni sono tenute ad esprimere secondo la disciplina di pi procedimenti amministrativi connessi o di un solo procedimento nel quale siano coinvolti vari interessi pubblici. Ciascun rappresentante partecipante alla conferenza di servizi imputa gli effetti giuridici degli atti che compie all'amministrazione rappresentata, competente in forza della normativa di settore (Consiglio Stato, Sez. V, 8 maggio 2007, n. 2107).



La giurisprudenza amministrativa ha anche precisato che l'utilizzo del modulo procedimentale della conferenza di servizi decisoria non altera le regole che presiedono, in via ordinaria e generale, all'individuazione delle autorit emananti, con la conseguenza che il ricorso va notificato a tutte le amministrazioni che, nell'ambito della conferenza , hanno espresso pareri o determinazioni che la parte ricorrente avrebbe avuto l'onere di impugnare autonomamente, se fossero stati emanati al di fuori del peculiare modulo procedimentale in esame (Consiglio Stato, Sez. IV, 2 maggio 2007, n. 1920).

LA RIFORMA DELLA CONFERENZA DEI SERVIZI

Larticolo 49 della legge 122/2010 modifica la legge 241/1990 relativamente agli articoli che disciplinano la Conferenza dei Servizi, in particolare:

1. Aumenta la discrezionalit della PA nel decidere la convocazione della Conferenza dei Servizi istruttoria, infatti nella nuova versione del comma 1 dellarticolo 14 della legge 241/1990 si prevede che lamministrazione pu indire la conferenza e non come nella versione precedente indice di regola . In tal modo la Conferenza dei servizi istruttoria, in coerenza con un certo indirizzo della giurisprudenza amministrativa, non diventando un modulo procedurale vincolante non potr essere oggetto di sindacato del giudice amministrativo.

2. Si introduce una novit al comma 2 dellarticolo 14 della legge 241/1990 per cui la conferenza pu essere indetta anche nei casi in cui consentito all'amministrazione procedente di provvedere direttamente in assenza delle determinazioni delle amministrazioni competenti. Il comma 2 dellarticolo 14 legge 241/1990 si riferisce invece alla conferenza dei servizi decisoria obbligatoria dopo linutile esperimento della procedura ordinaria. Secondo la Relazione al disegno di legge di modifica del suddetto comma 2 dellarticolo 14 della legge 241/1990 le ragioni della integrazione sopra riportata sono che in tal modo si chiarisce che, in talune fattispecie, lassenza delle determinazioni delle amministrazioni chiamate a pronunciarsi, entro 30 gg. in via ordinaria, non obbliga la pubblica amministrazione procedente ad indire la conferenza di servizi, in tutti i casi in cui esistano espresse previsioni normative che consentano alla amministrazione procedente di prescinderne, introducendo una vera e propria ipotesi di sostituzione prevista, anche nel regolamento sullo sportello unico (articolo 4, d.p.r. 20 ottobre 1998, n. 447, dove si attribuisce, al Comune la possibilit di adottare direttamente gli atti autorizzativi, qualunque essi siano).

3. Viene integrato il comma 2 dellarticolo 14ter sulla disciplina dei lavori della conferenza dei servizi. Secondo la nuova versione, relativamente alla ipotesi in cui una amministrazione partecipante alla conferenza chiede una nuova data della riunione, la nuova data della riunione pu essere fissata entro i quindici giorni successivi nel caso la richiesta provenga da un'autorit preposta alla tutela del patrimonio culturale. I responsabili degli sportelli unici per le attivit produttive e per l'edilizia, ove costituiti, o i Comuni, o altre autorit competenti concordano con i Soprintendenti territorialmente competenti il calendario, almeno trimestrale, delle riunioni delle conferenze di servizi che coinvolgano atti di assenso o consultivi comunque denominati di competenza del Ministero per i beni e le attivit culturali.

4. Viene introdotto un comma 3bis allarticolo 14ter della legge 241/1990. Secondo questo nuovo comma in caso di opera o attivit sottoposta anche ad autorizzazione paesaggistica, il soprintendente si esprime, in via definitiva, in sede di conferenza di servizi, ove convocata, in ordine a tutti i provvedimenti di sua competenza ai sensi del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 (Codice del Paesaggio).

In tal modo si pone sullo stesso piano la Soprintendenza con le altre Amministrazioni intervenienti, si veda la Relazione alla presente legge nella quale si afferma che il Soprintendente dovr esprimersi ununica volta e in via definitiva in seno alla conferenza di servizi, sulla base di un calendario almeno trimestrale delle riunioni delle conferenze concordato con lo sportello unico o con il comune. Come affermato da varia dottrina la novit introdotta con il nuovo comma resta non chiarito se la pronuncia del Soprintendente sostituisca quella del Ministro o del Direttore generale, soprattutto nel caso di opere di competenza dello Stato.

Se la Soprintendenza viene posta sullo stesso piano con le altre Amministrazioni nel modulo organizzativo delle conferenza dei servizi decisoria, pur sempre distinti rimangono i poteri ed il ruolo della stessa.



Secondo una consolidata giurisprudenza, il potere riconosciuto al Ministero per i beni Culturali da intendersi quale espressione di un potere di annullamento per motivi di legittimit, riconducibile al pi generale potere di vigilanza, che il legislatore ha voluto riconoscere allo Stato nei confronti dellesercizio delle funzioni delegate alle Regioni ed ai Comuni in materia di gestione del vincolo ambientale, fermo restando che il controllo di legittimit pu riguardare anche tutti i possibili profili delleccesso di potere (TAR Campania (NA) Sez. VII n. 3672 del 2 luglio 2009).



Quanto al ruolo, opportuno qui richiamare alcuni argomenti chiarificatori espressi dalla Corte Cost. con la Sentenza n. 367 del 7 novembre 2007: Come si venuto progressivamente chiarendo gi prima della riforma del Titolo V della parte seconda della Costituzione, il concetto di paesaggio indica, innanzitutto, la morfologia del territorio, riguarda cio l'ambiente nel suo aspetto visivo. Ed per questo che l'art. 9 della Costituzione ha sancito il principio fondamentale della "tutela del paesaggio" senza alcun'altra specificazione. In sostanza, lo stesso aspetto del territorio, per i contenuti ambientali e culturali che contiene, che di per s un valore costituzionale. Si tratta peraltro di un valore "primario", come ha gi da tempo precisato dalla Corte Costituzionale (sentenza n. 151 del 1986; ma vedi anche sentenze n. 182 e n. 183 del 2006), ed anche "assoluto", se si tiene presente che il paesaggio indica essenzialmente l'ambiente (sentenza n. 641 del 1987). L'oggetto tutelato non il concetto astratto delle "bellezze naturali", ma l'insieme delle cose, beni materiali, o le loro composizioni, che presentano valore paesaggistico. Sul territorio gravano pi interessi pubblici: quelli concernenti la conservazione ambientale e paesaggistica, la cui cura spetta in via esclusiva allo Stato, e quelli concernenti il governo del territorio e la valorizzazione dei beni culturali ed ambientali (fruizione del territorio), che sono affidati alla competenza concorrente dello Stato e delle regioni. La tutela ambientale e paesaggistica, gravando su un bene complesso ed unitario, considerato dalla giurisprudenza costituzionale un valore primario ed assoluto, e rientrando nella competenza esclusiva dello Stato, precede e comunque costituisce un limite alla tutela degli altri interessi pubblici assegnati alla competenza concorrente delle regioni in materia di governo del territorio e di valorizzazione dei beni culturali e ambientali. In sostanza, vengono a trovarsi di fronte due tipi di interessi pubblici diversi: quello alla conservazione del paesaggio, affidato allo Stato, e quello alla fruizione del territorio, affidato anche alle regioni. Si tratta di due tipi di tutela, che ben possono essere coordinati fra loro, ma che debbono necessariamente restare distinti

5. Viene integrato il comma 4 dell articolo 14ter della legge 241/1990. Secondo il nuovo comma 4 per assicurare il rispetto dei tempi, l'amministrazione competente al rilascio dei provvedimenti in materia ambientale (compreso il giudizio di VIA di cui tratta la prima parte del comma 4) pu far eseguire anche da altri organi dell'amministrazione pubblica o enti pubblici dotati di qualificazione e capacit tecnica equipollenti, ovvero da istituti universitari tutte le attivit tecnico-istruttorie non ancora eseguite. In tal caso gli oneri economici diretti o indiretti sono posti a esclusivo carico del soggetto committente il progetto, secondo le tabelle approvate con decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze.

6. I tempi e le modalit delle conclusioni del procedimento di VIA come degli altri provvedimenti ambientali allinterno della conferenza dei servizi come definiti dal comma 4 devono comunque rispettare quanto stabilito dal nuovo comma 4bis dellarticolo 14ter della legge 241/1990 secondo il quale nei casi in cui l'intervento oggetto della conferenza di servizi stato sottoposto positivamente a valutazione ambientale strategica (VAS), i relativi risultati e prescrizioni, ivi compresi gli adempimenti relativi alla verifica di assoggettabilit alla VIA (da effettuarsi allinterno della VAS) come pure le conclusioni di VAS devono essere utilizzati, senza modificazioni, ai fini della VIA, qualora effettuata nella medesima sede, statale o regionale, ai sensi dell'articolo 7 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152.

Secondo la relazione alla legge questa modifica: "pu funzionare solo laddove ci sia coincidenza tra lautorit competente ad effettuare la VAS e lautorit competente ad effettuare la VIA; una tale specificazione in linea con i rilievi formulati dalla Commissione VIII (Ambiente) della Camera dei deputati in sede di parere sul testo del disegno di legge n. 3209-bis".

7. Viene sostituito il comma 6bis dellarticolo 14ter della legge 241/1990. Secondo questo nuovo comma se non viene rispettato il termine ordinario di conclusione della conferenza dei servizi (ex comma 3 articolo 14ter legge 241/1990) e il termine per la conclusione del procedimento di VIA (ex comma 4 articolo 14ter legge 241/1990) l'amministrazione procedente, in caso di VIA statale, pu adire direttamente il consiglio dei ministri ai sensi dell'articolo 26, comma 2, del decreto legislativo 30 aprile 2006, n.152; in tutti gli altri casi, valutate le specifiche risultanze della conferenza e tenendo conto delle posizioni prevalenti espresse in quella sede, adotta la determinazione motivata di conclusione del procedimento che sostituisce a tutti gli effetti, ogni autorizzazione, concessione, nulla osta o atto di assenso comunque denominato di competenza delle amministrazioni partecipanti, o comunque invitate a partecipare ma risultate assenti, alla predetta conferenza.

Questa modifica appare coerente con il comma 5 dellarticolo 14ter legge 241/1990 che invece non viene modificato dalla presente legge, secondo questo comma 5: 5. Nei procedimenti relativamente ai quali sia gi intervenuta la decisione concernente la VIA le disposizioni di cui al comma 3 dell'articolo 14-quater, nonch quelle di cui agli articoli 16, comma 3, e 17, comma 2, si applicano alle sole amministrazioni preposte alla tutela della salute del patrimonio storico e della pubblica incolumit . Da ci si desume che nei casi in cui il provvedimento di VIA negativo espresso prima della Conferenza non possa in alcun modo essere superato salva la sua impugnazione davanti al giudice amministrativo o il rinvio al Consiglio dei Ministri se VIA statale, se c VIA Regionale dovranno essere la legislazione regionale a definire come concludere il procedimento di VIA. Per il rinvio al Consiglio dei Ministri si veda allart. 5, comma 1, lettera c-bis), legge 23 agosto 1988, n. 400 "Disciplina dellattivit di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri" che attribuisce al "Consiglio dei Ministri, ai fini di una complessiva valutazione ed armonizzazione degli interessi pubblici coinvolti, la decisione di questioni sulle quali siano emerse valutazioni contrastanti tra amministrazioni a diverso titolo competenti in ordine alla definizione di atti e provvedimenti".

Il Consiglio di Stato (sezione VI, 18 gennaio 2006 n.129) ha attribuito alla suddetta decisione del Consiglio dei Ministri la natura giuridica di "atto di alta amministrazione" e, in quanto tale, impugnabile solo per motivi di legittimit formale.

8. Lultima parte del nuovo comma 6 bis dellarticolo 14ter prevede che la mancata partecipazione alla conferenza di servizi ovvero la ritardata o mancata adozione della determinazione motivata di conclusione del procedimento sono valutate ai fini della responsabilit dirigenziale o disciplinare e amministrativa, nonch ai fini dell'attribuzione della retribuzione di risultato. Resta salvo il diritto del privato di dimostrare il danno derivante dalla mancata osservanza del termine di conclusione del procedimento.

9. Viene sostituito il comma 7 dellarticolo 14ter della legge 241/1990. Secondo il nuovo comma 7 si considera acquisito l'assenso dell'amministrazione, ivi comprese quelle preposte alla tutela della salute e della pubblica incolumit, alla tutela paesaggistico - territoriale e alla tutela ambientale, esclusi i provvedimenti in materia di VIA, VAS e AIA, il cui rappresentante, all'esito dei lavori della conferenza, non abbia espresso definitivamente la volont dell'amministrazione rappresentata.

La novit rispetto alla versione precedente del comma 7 che prima la suddetta acquisizione dellassenso non poteva sostituirsi allassenso delle amministrazioni con competenza paesaggistica e ambientale.

LA DISCIPLINA DELLA CONFERENZA DEI SERVIZI RIENTRA NELLA COMPETENZA ESCLUSIVA DELLO STATO

Il comma 4 dellarticolo 49 della legge n. 122/2010 modifica il comma 2ter dellarticolo 29 della legge 241/1990 stabilendo che la disciplina sulla conferenza dei servizi rientra nei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili di competenza esclusiva della legislazione statale (ex lettera m) comma 2 articolo 117 della Costituzione).

Il che significa che i principi generali in materia di conferenza dei servizi affermati dalla legge 241/1990 rientrano nella competenza esclusiva dello stato e non possono essere derogati in peius da parte delle Regioni che potranno invece sviluppare e ampliare ulteriori livelli di accelerazione nella procedura della conferenza (nelle materie di loro competenza), ma non ridurre le semplificazioni della legge nazionale.

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA CONFERENZA DEI SERVIZI IN CASO DI DISSENSO DI AMMINISTRAZIONI PREPOSTE ALLA TUTELA AMBIENTALE E PAESAGGISTICA

Secondo il nuovo comma 1 dellarticolo 14quater della legge 241/1990 anche il dissenso dei rappresentanti delle amministrazioni preposte alla tutela dellambiente e dei beni paesaggistici o della tutela della salute, regolarmente convocate alla conferenza di servizi, a pena di inammissibilit, deve essere manifestato nella conferenza di servizi, deve essere congruamente motivato, non pu riferirsi a questioni connesse che non costituiscono oggetto della conferenza medesima e deve recare le specifiche indicazioni delle modifiche progettuali necessarie ai fini dell'assenso.

Vengono comunque esclusi da questo obbligo le amministrazioni preposte ai giudizi di VIA e VAS nonch al rilascio dellAIA (si veda larticolo 26 del d.lgs. 152/2006, c.d. TU ambiente).

Il nuovo comma 3 dellarticolo 14quater della legge 241/1990 disciplina il caso del dissenso, espresso in conferenza dei servizi, di un'amministrazione preposta alla tutela ambientale, paesaggistico - territoriale, del patrimonio storico-artistico o alla tutela della salute e della pubblica incolumit. In questi casi, la questione, in attuazione e nel rispetto del principio di leale collaborazione e dell'articolo 120 della Costituzione, rimessa dall'amministrazione procedente alla deliberazione del Consiglio dei Ministri, che si pronuncia entro sessanta giorni, previa intesa con la Regione o le Regioni e le Province autonome interessate, in caso di dissenso tra un'amministrazione statale e una regionale o tra pi amministrazioni regionali, ovvero previa intesa con la Regione e gli enti locali interessati, in caso di dissenso tra un'amministrazione statale o regionale e un ente locale o tra pi enti locali.

Si tratta di una modifica significativa rispetto al testo precedente dellarticolo 14quater della legge 241/1990. Infatti nel nuovo testo la questione del dissenso di unamministrazione preposte a tutela di interessi ambientali e/o paesaggistici viene rinviata sempre al Consiglio dei Ministri, nella vecchia versione invece la questione era cos rimessa: a) al Consiglio dei ministri, in caso di dissenso tra amministrazioni statali; b) alla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, in caso di dissenso tra unamministrazione statale e una regionale o tra pi amministrazioni regionali; c) alla Conferenza unificata Stati Regioni Citt in caso di dissenso tra unamministrazione statale o regionale e un ente locale o tra pi enti locali.

Sulla natura giuridica ed efficacia giuridica delle Intese Stato Regioni si ricorda che la Corte Costituzionale ha avuto modo di precisare, con riferimento agli impianti energetici, che: Appare evidente che questultima va considerata come un'intesa forte, nel senso che il suo mancato raggiungimento costituisce ostacolo insuperabile alla conclusione del procedimento - come, del resto, ha riconosciuto anche l'Avvocatura dello Stato a causa del particolarissimo impatto che una struttura produttiva di questo tipo ha su tutta una serie di funzioni regionali relative al governo del territorio, alla tutela della salute, alla valorizzazione dei beni culturali ed ambientali, al turismo, etc. (sentenza n. 6/2004 che riprende la n. 303 del 2004).

Sempre secondo il nuovo comma 3 dellarticolo 14quater della legge 241/1990 se l'intesa non raggiunta nei successivi trenta giorni (allo scadere dei 60 giorni di cui sopra), la deliberazione del Consiglio dei ministri pu essere comunque adottata. Se il motivato dissenso espresso da una Regione o da una Provincia autonoma in una delle materie di propria competenza, il Consiglio dei Ministri delibera in esercizio del proprio potere sostitutivo con la partecipazione dei Presidenti delle Regioni o delle Province autonome interessate.

Lulteriore novit che nel caso di non raggiungimento dellIntesa Stato- Regione nel caso di un motivato dissenso espresso da una Regione in una materia di propria competenza il Consiglio dei Ministri delibera con potere sostitutivo sia pure con la partecipazione non vincolante della Regione interessata, mentre nel vecchio testo invece la decisione era provvisoriamente inviata alla competente Giunta regionale che doveva assumere la determinazione sostitutiva nei successivi trenta giorni; solo qualora la Giunta regionale non provvedeva entro il termine predetto, la decisione era rimessa al Consiglio dei ministri, che deliberava con la partecipazione dei Presidenti delle regioni interessate.

Il riferimento costituzionale del potere sostitutivo di cui sopra nel comma 2 dellarticolo 120 della Costituzione, che recita: Il Governo pu sostituirsi a organi delle Regioni, delle Citt metropolitane, delle Province e dei Comuni nel caso di mancato rispetto di norme e trattati internazionali o della normativa comunitaria oppure di pericolo grave per l'incolumit e la sicurezza pubblica, ovvero quando lo richiedono la tutela dell'unit giuridica o dell'unit economica e in particolare la tutela dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali, prescindendo dai confini territoriali dei governi locali. La legge definisce le procedure atte a garantire che i poteri sostitutivi siano esercitati nel rispetto del principio di sussidiariet e del principio di leale collaborazione.

Quindi si viene a determinare uno spostamento della titolarit della competenza in tutti quei casi in cui occorreranno interventi legislativi non disponibili da parte del Governo se non nella forma limitata del decreto legge. Il nuovo potere sostitutivo si presenta come un grimaldello capace di aprire qualsiasi varco e di consegnare nelle mani del Governo nazionale la disponibilit della linea di distinzione tra le competenze nazionali e locali, finendo cos per svalutare quella che viene presentata come la novit pi spiccatamente federalista della riforma in esame, il rovesciamento del criterio dellenumerazione delle competenze.

Rispetto a questa procedura ulteriormente accelerata (dal potere sostitutivo del Governo) sulla disciplina del dissenso ambientale in Conferenza dei servizi restano ferme le procedure speciali gi previste relativamente a:

a) infrastrutture ed insediamenti produttivi strategici e di preminente interesse nazionale, di cui alla parte seconda, titolo terzo, capo quarto del d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163 e s.i.m.

b) localizzazione delle opere di interesse statale ex D.P.R. 18 aprile 1994, n. 383.



Avv. Ennio Moro Specialista in diritto amministrativo

(Febbraio 2011)
ed

http://www.lexambiente.it/index.php?option=com_content&view=article&id=7038:beni-ambientali-conferenza-di-servizi-e-sopreintendenze&catid=169&Itemid=17


news

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

23-03-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 marzo 2019

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

Archivio news