LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I Sassi di matera nell'et del chip
Mario Pirani
la Repubblica 15-NOV-2004

NEL mio girovagare non ero mai stato a Matera.


Vi sono andato per una conferenza pochi giorni fa e ho provato una sincera vergogna per una visita cos tardiva che ha costituito per me una scoperta straordinaria.

Naturalmente avevo sentito parlare moltissime volte dei Sassi, di quando, fino agli anni Cinquanta, erano abitati da migliaia d persone, per lo pi contadini, che vivevano in quelle grotte coni loro animali; di quando arriv De Gasperi, presidente del Consiglio, e inorridito per quella che venne definita una vergogna nazionale, promosse il loro svuotamento e la costruzione di moderni borghi dove trasferire la popolazione; di quando i Sassi, ormai deserti, furono iscritti nel Patrimonio dell'Umanit, meritevole della protezione dell'Unesco; infine di quando, con una legge speciale, lo Stato cerc di incentivare un incerto riuso della zona e anche dei palazzi storici circonvicini e delle tante chiese rupestri abbandonate.

Eppure il miracolo avvenuto.

Costituisce la riprova di quanto ho cercato di sostenere: la vera risorsa competitiva del nostro Paese, che nessuna concorrenza cinese pu battere, nessuna dislocazione aziendale pu minacciare, nessuna multinazionale pu chiudere il nostro territorio, il suo straordinario lascito artistico, culturale, creativo.


un patrimonio tranne nei luoghi pi noti e visitati in gran parte mal conservato, non valorizzato o, peggio, semi-abbandonato.

Politicamente e intellettualmente poco considerato: Volete ridurci aun popolo di camerieri?, protestano i nostalgici di acciaierie e petrolchimici, come se non avessimo fatto la devastante esperienza delle "cattedrali nel deserto".

Eppure, non parlo solo di turismo in senso tradizionale ma di investimenti in reti, infrastnitture, formazione specifica, trasporti rapidi.


Riprendo il discorso su Matera. Il pi grande sito urbano risalente all'et paleolitica, con una continuit abitativa ininterrotta, da allora al 1950, tornato a vivere nell'et dell'elettronica.

I Sassi restaurati si sono trasformati in elemento trainante della citt. Nei Sassi sono tornate a vvere tremila persone e sono in corso restauri abitativi per una capienza complessiva nei prossimi tre anni di 7.000 abitanti circa.

Nelle case di grotta la tecnica elettronica pi avanzata si sposa con il recupero delle antiche conoscenze rivisitate, ad esempio nella utilizzazione delle acque piovane.
Quel che era abbandonato e ceduto a prezzi irrisori aumenta continuamente di valore ed sempre pi richiesto. Il recupero non pi il sogno di un pugno di intellettuali lucani ma un processo animato dai cittadini, sostenuto da investimenti privati e basato su un solido ritorno economico.

Le ragioni di questo successo risiedono nella nuova immagine nazionale e internazionale della citt dei Sassi, simbolo di uneco-sistema geniale che affonda le sue radici ai primordi dell'umanit.

Il flusso turistico moltipllcato (inconsueto l'impatto di un discutibilissimo film come Passion di Mel Gibson che ha trovato in loco il teatro naturale del Calvario e dell'antica Gerusalemme), le iniziative culturali sotto le ampie volte delle chiese rupestri, dai concerti di Abbado alle mostre di arte contemporanea, il rifiorire di produzioni agricole tipiche, l'attivismo in varie forme di un volontariato culturale a servizio della citt, tutto questo ha contribuito al risorgere di Matera. Inoltre il passato rivolto anche al futuro.

sorto qui un centro di eccellenza mondiale, battezzato Ipogea e diretto dall'architetto Pietro Laureano, che, per conto dell'Onu e dell'Unesco, procede all'inventario internazionale delle conoscenze tradizionali e ai progetti sul loro possibile uso innovativo .

Gi 2 milioni di euro sono stati convogliati a questo fine.
Come tutti i successi la rinascita dei Sassi ha le sue ombre.

Proprio Laureano mi ha fatto notare come la citt abbia s profittato della grande occasione fornita dall'Unesco, peccato che al recupero abitativo non sia seguita una pari capacit pubblica nel controllo dell'intervento e nelle concessioni (restauri discutibili, eccesso di pub e di inserimenti rumorosi), mentre sembrano accantonati aspetti di grande richiamo come la rete delle canalizzazioni, spesso riempite di detriti di scavo, la mancata apertura della eccezionale cavit ipogea, una cisterna idrica simile a quella di Istanbul, che si trova proprio sotto la piazza principale di Matera.

paradossale che, invece di mantenere alta la qualit del successo, si stiano creando le condizioni negative per un nuovo esodo abitativo, generato non gi dalla arretratezza ma dalla speculazione.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news