LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La conservazione dell'opera d'arte nella prospettiva storica e operativa
M. Antonietta De Angelis
LOsservatore Romano, 18/11/2004

Due studi, l'uno a carattere storico (Valter Curzi, Bene culturale e pubblica utilit. Politiche di tutela a Roma tra Ancien Regime e Restaurazione, Bologna, Minerva Edizioni, 2004) l'altro decisamente orientato nel futuro (Pietro Amato, Proyectar un museo, Nociones fundamentales, Roma, Istituto Italolatino-americano, 2004), pur nella diversit dei contenuti, si presentano come due risultati di indubbia originalit che fanno riflettere sul medesimo terna: cosa significa una politica di tutela dei Beni Culturali, da quali istanze trae origine un museo e soprattutto quali sono le sue finalit.
Inoltre entrambi i saggi pongono con chiarezza al lettore la necessit di una riflessione sulla funzione del museo nei confronti dell'esperienza culturale della societ, su quello che Quatremre de Quincy chiam l'avanzamento e i progressi dell'istruzione e della ragione, il miglioramento, infine, della specie umana. Pertanto entrambi gli studi, pur nati, in contesti diversi e ben definiti, hanno una portata ideologica che li travalica.
Il libro di Valter Curzi un'indagine a vasto raggio che non solo delinea il tracciato cronostorico della situazione museale romana in un periodo cruciale, che prende le mosse dagli ultimi pontificati prima del governo napoleonico sino al successivo ritorno di Pio VII, ma soprattutto ne indaga con ottica critica le problematiche di pensiero e le metodologie operative.
Il suo libro si configura, per capillarit e dialettica, come uno spaccato introspettivo sia della mentalit con la quale i funzionari pontifici, Carlo Fea e Antonio Canova in testa, intrapresero la loro opera di tutela e conservazione dei beni artistici della Santa Sede, sia dell'impatto che la dinamica attivit dell'amministrazione francese ebbe sulle loro vedute e la situazione romana, sia infine delle nuove problematiche e aspettative con cui la Restaurazione, erede di fatto dell'amministrazione francese, dovette fare i conti.
La grande mole di materiali d'archivio che l'autore mette a confronto, apportando informazioni spesso inedite, resa pi esaustiva dall'appendice documentaria che riproduce 15 testi, fra decreti, editti e regolamenti pontifici, dalla bolla Cum almam nostram urbem di Papa Pio II del 1462 al Regolamento del 1822 per i Musei Vaticani; l'appendice contiene anche l'inedito Regolamento per i Musei Vaticani, promulgato da Martial Daru nel 1811, conservato in minuta nell'Archivio Storico dei Musei Vaticani.
L'importanza del libro di Curzi data dal taglio critico, estremamente nitido, che puntualizza con chiarezza, capitolo dopo capitolo, le fasi di un divenire della prassi legislativa e operativa che a cavallo tra 700 e '800 assunse negli Stati. Pontifici una presa di coscienza quale non si era mai verificata prima. L'Autore conferma che fu proprio l'amministrazione francese a segnare un punto di non ritorno nello spirito legalitario dei. funzionari pontifici, definendo l'investitura senza deroghe dello Stato alla tutela dei beni culturali.
Il libro di Pietro Amato sviluppa una completa panoramica sulla realt museale, tout court: la definizione di museo nelle sue componenti umane (la qualificazione dei personale), i beni culturali (le opere), i valori economici (la sua amministrazione), i valori sociali (l'apporto verso i visitatori); segue un capitolo sulle funzioni di un museo, che analizza le istanze della conservazione e della protezione, della ricerca scientifica e tutti gli aspetti legati al servizio pubblico i cui caratteri fondamentali sono individuati in forme di esposizioni in stretta.sintonia con il tipo di collezione, nella presenza di cataloghi a vario livello di fruitori, nelle mostre temporanee che devono sempre avere per fine un utilizzo cognitivo delle collezioni stesse e non ridursi ad un mero e culturalmente demotivato accumulo di opere d'arte.
Dopo il capitolo che esamina le diverse tipologie museali (non dimentichiamo che il libro nasce come manuale a servizio della realt museale latino-americana), con un paragrafo dedicato alla rispondenza del museo al suo ambito territoriale che ne giustifica l'esistenza, l'autore passa all'esame degli strumenti di lavoro con cui il museo si esprime: essi sono sostanzialmente l'inventariazione dei pezzi attraverso il catalogo e il variegato ventaglio delle pubblicazioni che sotto vari aspetti debbono mettere in luce i valori del museo; gli aspetti pi divulgativi o per lo meno rivolti ad un pubblico pi vasto saranno i cataloghi delle mostre, le guide, gli opuscoli illustrativi.
Infine una sezione dedicata agli esempi pratici della schedatura scientifica di 12 singole opere per offrire un modello su. ci che la potenziale conoscenza di un'opera d'arte.
Entrambi i libri dibattono quindi in prima istanza il tipo di tutela di cui il bene artistico oggetto nella prospettiva storica (Curzi), nella prospettiva operativa (Amato). Il saggio di Curzi, ad esempio, identifica con molta incisivit nell'episodio del forno della Palombella un'esemplare vicenda su cui riflettere. Nel 1805 Carlo Fea avviava una vertenza legale con la famiglia Cuccumos proprietaria di un edificio adibito a forno addossato alle mura del Pantheon, del quale si chiedeva l'abbattimento, essendo estraneo alla struttura originale del Pantheon stesso e rappresentando quindi, detto in termini moderni, un abuso edilizio.
L'episodio estremamente significativo in quanto rappresenta un precocissimo segnale di quell'asserto che sino ai tempi attuali, stato considerato fondamentale nella tutela dei beni culturali: la loro priorit esistenziale rispetto agli interessi privati in quanto espressione di un plusvalore estetico e storico che appartiene all'umanit intera e non deve essere in nessuna misura soggetto al privata.
Se si pensa che ci accadde agli inizi del secolo XIX cio nel periodo di piena affermazione dei valori e del potere della borghesia sulla propriet con la sua politica rivoluzionaria (di cui l'et napoleonica assunse l'eredit), non pu sfuggire la lucidit profetica dell'intervento del Commissario delle Antichit circa la prevalenza del diritto pubblico su quello privato. Potremmo fare un confronto con quanto Amato (p. 26) riporta nella citazione della Carta Europea del Patrimonio Architettonico (Amsterdam 1975) adottata dalla Riunione di Ministri del Consiglio d'Europa; in riferimento ai beni architettonici essa dichiara, che costituiscono un patrimonio spirituale, culturale, economico e sociale di valore insostituibile, che hanno un valore educativo determinante e che quindi necessitano di una conservazione integrale ottenuta da una azione congiunta delle tecniche di restauro e delle indagini sulle funzioni originarie delle edificio.
La vertenza fra Carlo Fea e Cuccumos si chiuse in un primo momento nel 1807 con la vittoria di quest'ultimo e la clamorosa sconfitta dei valori integrali dell'opera d'arte; soltanto nel 1881, in piena unit d'Italia, il forno della Palombella verr demolito ripristinando la corretta lettura dell'area occidentale del Pantheon. Questa potremmo dire vittoria postuma di Fea ha avuto incontrastato esito sino ad oggi, anche se attualmente iniziamo ad assistere a una sua flessibilit nel riutilizzo di beni architettonici, considerati non di primissimo piano per scopi privati (castelli trasformati in alberghi, casali antichi riadattati a ville & ristoranti...), flessibilit che implica un severo controllo da parte dello Stato.
Ancora un altro aspetto innovativo di questi studi si pu cogliere nella acuta disamina di quanto sia prioritario, rispetto ai valori di ritorno economico, l'aspetto della conservazione e della piena valorizzazione scientifica dei beni culturali. Se vero che secondo un promemoria del 1816 indirizzato al Cardinale Pacca da Fea, Roma tutta e deve essere una Galleria, dallo studio di Curzi emerge ben chiara la volont dei funzionali pontifici di regolamentare con un attenta politica di controllo dei direttori e dei custodi la presenza del pubblico e dei copisti, quest'ultimi rappresentando allora la quasi unica valenza di studio dell'opera d'arte; ci ai fini di una corretta conservazione che trovava il suo pi alto punto di espressione al momento del restauro, operazione della cui delicata natura gi ai primi del secolo XIX le autorit pontificie erano ben conscie.
Anche Amato punta il suo principale interesse nell'azione di restauro come elemento fondamentale della tutela quando dichiara (p. 32) Nulla pi delicato del restauro, che regolato da documenti internazionali. (...). Si deve restaurare l'opera d'arte a rischio di deterioramento, per favorire la corretta conservazione, per non perdere la sua lettura.
La presenza di questo tipo di studi, dal solido ed equilibrato impianto metodologico, estremamente preziosa in un periodo come l'attuale in cui, alla luce di tanti fattori destabilizzanti, l'orientamento cognitivo della societ e dei singoli spesso sottoposto a radicali revisioni fonte di incertezze. Sapere attraverso le documentate pagine di Valter Curzi che gi Canova e i suoi collaboratori si posero il problema di come agire, come correggere eventuali errori, come migliorare l'esistenza e la fruizione delle opere d'arte, non per obbedire al gusto o alla moda, ma per un'istanza di civilt, significa comprendere appieno quel che Amato definisce tenere le porte aperte per promuovere le risposte all'esigenza di crescita della dignit umana. La dignit non risponde alle leggi del mercato.



news

13-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news