LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Via libera alla missione Axum, l'obelisco torna in aereo
Giampaolo Cadalanu
La Repubblica 19/11/2004

ROMASar la volta buona, garantiscono alla Farnesina. Dopo la collezione di brutte figure e promesse non mantenute, finalmente nella prossima primavera l'obelisco della discordia dovrebbe tornare in Etiopia. Il governo italiano ci giura, quello di Addis Abeba ne convinto: lo stesso premier Meles Zenawi, in visita a Roma, conferma che l'irritante problema ormai in via di superamento . Insomma, i dettagli tecnici sono ormai risolti, scuse non ce ne sono pi, ed entro il 2005 la fossa aperta sulla Spianata di Axum, compresa nella lista dell'Unesco e patrimonio dell'umanit, ospiter il monumento, che si affiancher alle altre stele.
A far rimandare anche gli ultimi solenni impegni del governo italiano erano state le "difficolt del trasporto: Non volevamo correre il rischio di portare ad Axum un obelisco in pezzi, dice Alfredo Mantica, sottosegretario con delega agli affari africani. Se per portare i blocchi di granito alla citt etiopica erano bastati gli elefanti e per strapparli all'Africa era servita una nave speciale, la restituzione molto pi delicata.
Nel 1997 Oscar Luigi Scalfaro, allora presidente della Repubblica, si era impegnato a far arrivare l'obelisco via mare. Ma intanto che in Italia venivano affrontate le resistenze alla riconsegna, la guerra fra Etiopia ed Eritrea rendeva impraticabile la strada del trasporto su nave. L'Etiopia, infatti, non ha accessi al mare e dopo lo scontro del '98 le relazioni fra i due paesi sono rimaste molto fredde.
Per trasportare la stele e farla
arrivare intera era dunque indispensabile un Antonov o un Galaxy, giganti del cielo capaci di caricare le 60 tonnellate del pi grande fra i tre tronconi in cui il monumento diviso. L'ipotesi dell'aereo americano stata scartata: nessuna compagnia privata ne possiede, ed improbabile che l'Amministrazione Usa decida di toglierne uno alle Forze armate prima della fine dell'impegno in Iraq. Restava l'Antonov, ma prima di dare il "via libera" al colosso russo bisognava adattare l'aeroporto di Axum, privo di attrezzature per atterraggio "cieco" e dotato di una pista molto piccola. Certo non volevamo un atterraggio "a rischio", visto che ad altitudini come quella di Axum, 2400 metri sul livello del mare, l'aria rarefatta ha minori capacit di sostenere gli aerei, dice Giorgio Croci, l'esperto di trasporti "delicati" a cui si rivolto il ministero degli Esteri.
Agli etiopi il monumento molto caro. Rafforza il senso dell'identit nazionale etiope, dice Mantica. Sono passati 66 anni da quando le truppe italiane, spedite a costruire un Impero per il duce, arrivarono ad Axum. Probabilmente il primo ad avere l'idea di portar via l'obelisco fu Alessandro Lessona, ministro dell'Africa italiana, ansioso di compiacere Mussolini, dice Angelo Del Boca, massimo studioso delle imprese coloniali fasciste. Due anni dopo l'obelisco veniva eretto a Roma, per celebrare i 15 anni dalla Marcia su Roma, a piazza di Porta Capena, davanti a quello che allora era il ministero della Colonie e oggi sede della Fao.
Nel 1947,l'Italia sconftta si impegnava a pagare i danni di guerra e a restituire la stele assieme al Leone di Giuda. Ma se questo dal 1970 adorna la piazza della stazione ad Addis Abeba,l'obelisco rimasto per oltre sessant'anni fra i fumi del traffico romano, bloccato nel balletto di promesse mancate, nostalgie non confessate e misteriose chiusure di chi doveva spiegare i ritardi. Fino, forse, alla primavera 2005.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news