LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Fiducia di cemento, passa il condono. Eseguito l'ordine di Berluscon: s alla delega ambientale, via libera agli abusi nelle aree protette
Maria Zegarelli
LUnit, 25 novembre 2004

ROMA Fuori da qui succede di tutto: il ministro Castelli spara ad alzo zero contro il presidente della Repubblica, l'Udc spara contro Castelli, An farfuglia. Dentro l'aula di Montecitorio, nello stesso momento, il governo incassa la sua 24esima fiducia, la terza votata sulla legge delega ambientale: 316 voti favorevoli e 225 contrari. La Cdl unita, coesa, assicura Sergio Lupi, di Fi. In Transatlantico si scrive un'altra storia: la Cdl in balia di se stessa e dei suoi vari elementi che si muovono in ordine sparso. Le dichiarazioni di voto vengono enunciate in un'Aula desolatamente vuota: non si contano pi di 20 deputati della maggioranza, circa il doppio quelli di minoranza. C' una grande agitazione, un gran via vai. Tasse, fisco, Castelli e la grazia. Cellulari bollenti, consultazioni. Passano due ore e la legge delega incassa il voto finale: con 278 s e 184 no diventa legge. Il Parlamento ha appena votato un provvedimento che gli sottrae il potere legislativo in materia ambientale. Che permetter di sanare gli abusi commessi nelle aree sottoposte a vincolo paesaggistico. Che depenalizza i reati ambientali. Che abroga il comma
10 dell'articolo 146 del codice Urbani che vietava la sanatoria edilizia nelle aree protette. Che contiene una definizione di rifiuti gi bocciata dalla Corte di Giustizia della Comunit europea perch contrasta con le finalit di tutela della salute umana e dell'ambiente. Eppure il ministro dell'Ambiente Altero Matteoli, arrivato in parlamento poco prima delle 4 del pomeriggio dice: Sono soddisfatto, molto soddisfatto. Adesso aspetto di essere giudicato sui decreti attuativi. Quelli che dovranno fare in 18 mesi i 24 saggi che lui stesso nominer quali legislatori. soddisfatto: porta a casa un condono edilizio e una sanatoria nelle zone paesistiche.
Un paese pi bello... in aula l'opposizione ha giocato tutte le sue carte. Ma i numeri non lasciano margini. C' l'ordine di scuderia, la fiducia, perch il rischio di andare sotto era troppo alto. C' la diretta televisiva, che inizia, con un piccolo contrattempo: non c' il governo. Il diessino Fabio Mussi che presiede la seduta, sospende per 5 minuti. Il governo non c' pi, ironizza Piero Ruzzante, dai banchi Ds. Borbottii tra quelli di Fi. Arriva il sottosegretario Roberto Tortoli. Si ricomincia. E dato che c' la tv sempre meglio buttarci dentro di tutto: le promesse della Cdl, il taglio delle tasse, pensionati e sfigati. Federico Bricolo, della Lega, che le elenca tutte e poi punta il dito contro i comunisti che minacciano matrimoni tra gay, diritti alle coppie di fatto e chiss quante altre diavolerie del genere. Guarda la telecamera: Con la Cdl avremo un paese pi bello, snello, con una vera democrazia. Qualcuno ride, vola un buffoni che si adagia sulla testa dei leghisti. Pierluigi Castagnetti, della Margherita, si volta verso i banchi, vuoti, della Cdl e chiede: Perch non prendete atto della fine di un'esperienza?. Perch andare avanti a colpi di fiducia? Perch il governo non si fida pi dei suoi deputati e viceversa. Un capocomico di classe sa quando chiudere, dice pensando al premier incollato alla sua poltrona.
Il Saccheggio. Maurizio Lupi difende a spada tratta il gioiellino, nega la sanatoria degli abusi edilizi. Mentre parla i Verdi entrano in aula con uno striscione: Abusivi la scritta che campeggia. Paolo Cento distribuisce volantini: Condonano anche le bugie. Arrivano i commessi, torna la calma. Lupi elenca il numero di leggi in materia ambientale: sono 1148. Aggiunge: II governo sostenuto da una maggioranza coesa. Volano fischi e contestazioni. Ma quale Villa Certosa (la villa in Sardegna del premier dove sarebbero stati commessi diversi abusi in area protetta), quale condono? Tutte balle, bugie della sinistra. Luciano Violante, capogruppo Ds, pone una domanda: Volete tenere ancora a lungo imprigionato il paese? L'Italia non vuole restare prigioniera delle vostre decisioni, siate responsabili, dimettetevi. Intanto Ignazio La Russa, parla con i suoi. Monta la polemica tra la Lega, la Cdl e il presidente della repubblica. Affollato il Transatlantico. Fabrizio Vigni, capogruppo ds in commissione Ambiente, pone un'altra domanda: Lo capir mai, la destra, che dovremmo custodire i beni ambientali e culturali come un tesoro prezioso anzich devastarlo e saccheggiarlo?.
Sviste pericolose. II relatore di maggioranza Adriano Parodi, di Fi, assicura alla stampa che non ci sar alcuna sanatoria di abusi edilizi. No, in realt abbiamo soltanto introdotto la depenalizzazione dei reati ambientali. Ma come, c' l'intervento del sottosegretario Nucara in commissione Ambiente che parla di condono riferendosi al comma 37 della legge delega... Parodi sbotta: Nucara ha sbagliato tutto, che ne sa di delega ambientale? Quel parere, sbagliato, glielo ha scritto l'ufficio legislativo del ministero.
E Berlusconi potr usufruire di questa lgge? Questa legge l'abbiamo preparata 3 anni fa, che c'entra con Villa Certosa? Io non conosco la situazione, ma se l'anfiteatro abusivo si abbatter, come gli altri manufatti se non sono in regola. Accidenti, l'ha detto. Corregge il tiro: Ma che ne so io di quella storia.... E del codice Urbani che viene di fatto abrogato nel suo comma 10? Non lo so. Lo sa Lupi che dice: Quell'articolo del codice Urbani impediva la concessione edilizia in sanatoria. Noi con la legge delega l'abbiamo reintrodotta. Ma allora una sorta di condono, come dice Nucara? Nucara non sa neanche di cosa sta parlando, spiega Lupi. E una norma fatta per andare incontro a qualche pastore e qualche contadino, dice Parodi. Deputato che senti, tesi che sostiene. Avremo una enorme quantit di ricorsi e di contenziosi osserva Fabrizio Vigni. Il ministro Matteoli in aula non dice una parola. La maggioranza respinge tutti gli ordini del giorno dell'opposizione, compreso quello che cercava di salvare i parchi.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news