LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Beni culturali, un patrimonio gestito in maniera sbagliata
Maurizio Cecconi
Il gazzettino 26/11/2004

Maurizio Cecconi presidente di Villaggio Globale

L'apertura del Salone dei Beni e delle Attivit Culturali di Venezia ci permette alcune considerazioni. Gli operatori del settore, sia pubblici che privati, avvertono infatti, sempre pi pesantemente, l'evolversi di una contraddizione. Siamo notoriamente in una difficile fase economica. Sul Gazzettino poco tempo fa si apriva la discussione sui possibili futuri di un Nordest che comincia a segnare il passo.
Di fronte a questa situazione appare quasi incomprensibile come non si riesca a ritenere, finalmente, la questione dei Beni Culturali come uno degli assi di un nuovo sviluppo. L'Italia certamente, al di l di percentuali fantasiose, sede di una straodinaria quantit e qualit di beni culturali ed architettonici ma per strana legge del contrappasso stiamo amministrando tutto ci con una vecchia concezione di rendita di posizione.
I beni culturali producono tre diverse prospettive di sviluppo. Un'economia diretta che vive nel bene e con il bene, fatta di gestione, di didattica, di visite guidate, di conservazione e coinvolge milioni di visitatori ed una occupazione diffusa. Un'economia dell'indotto che non solo quella classica legata allo sviluppo del turismo, che gi conosciamo, ma che si esplicita in servizi vecchi e nuovi quali la prenotazione remota, internet, la multimedialit, le caffetterie, le ludoteche, la corporate hospitality e cos via. Ed infine un'economia pi ampia tutta giocata sulla straordinaria capacit che i beni culturali hanno, di trasformare l'immaginario di un luogo, di fungere da attrattori, di essere insomma la chiave interpretativa delle occasioni e delle qualit che un territorio somma.
La rendita di posizione sottovaluta tutto ci, fa s che il valore esplicito ed implicito dei nostri patrimoni sia sottodimensionato e concepito, come si diceva una volta, solo come "Belle Arti". Ma il problema pi ampio. I cali previsti nella finanziaria per gli Enti locali si abbatteranno pesantemente sul mondo dell'organizzazione culturale. E ci significa ancora una volta che si potr a malapena conservare e certo non investire per valorizzare. Se poi pensiamo che la crisi dell'apparato industriale limita ancor pi il privato nelle sue scelte di sponsorizzazine gi parziali per meccanismo fiscale ancora privo di incentivi, ci rendiamo conto dello stato e delle difficolt di questo grande settore produttivo.
Non si tratta per di avviare piccoli correttivi. Bisogna scegliere l'apertura di una nuova fase di sviluppo e di valorizzazione dei nostri patrimoni. Occorre cambiare mentalit. Il bene culturale uno straordinario grimaldello di economia, di relazioni, di conoscenza e di sviluppo. E tutto ci facendo, non si mette in crisi, non si deturpa il valore e la qualit del bene stesso. Da Venezia non abbiamo visto con piacere la chiusura dei Saloni di Roma e e Torino che come noi affrontavano le grandi tematiche dei beni culturali.
Il Salone di Venezia si sviluppato, cresciuto e si qualificato in questi ultimi anni, si pone come luogo di incontro tra pubblico e privato, come sede della discussione, come occasione che serva ad aiutare la nascita di una nuova concezione economica che saldi beni culturali, beni ambientali e beni eno-gastronomici. Organizzarlo non solo complesso, perennamente una sfida ad un modo dominante di vedere questo settore in maniera obsoleta e non innovativa. Lo sforzo di Veneziafiere e di tutti coloro che hanno collaborato, segna una volont che non pu pi essere testimonianza. ora e tempo che lo Stato, le grandi Istituzioni, le Associazioni degli imprenditori e lo stesso mondo degli intellettuali entrino in campo.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news