LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Beni culturali, un patrimonio gestito in maniera sbagliata
Maurizio Cecconi
Il gazzettino 26/11/2004

Maurizio Cecconi presidente di Villaggio Globale

L'apertura del Salone dei Beni e delle Attivit Culturali di Venezia ci permette alcune considerazioni. Gli operatori del settore, sia pubblici che privati, avvertono infatti, sempre pi pesantemente, l'evolversi di una contraddizione. Siamo notoriamente in una difficile fase economica. Sul Gazzettino poco tempo fa si apriva la discussione sui possibili futuri di un Nordest che comincia a segnare il passo.
Di fronte a questa situazione appare quasi incomprensibile come non si riesca a ritenere, finalmente, la questione dei Beni Culturali come uno degli assi di un nuovo sviluppo. L'Italia certamente, al di l di percentuali fantasiose, sede di una straodinaria quantit e qualit di beni culturali ed architettonici ma per strana legge del contrappasso stiamo amministrando tutto ci con una vecchia concezione di rendita di posizione.
I beni culturali producono tre diverse prospettive di sviluppo. Un'economia diretta che vive nel bene e con il bene, fatta di gestione, di didattica, di visite guidate, di conservazione e coinvolge milioni di visitatori ed una occupazione diffusa. Un'economia dell'indotto che non solo quella classica legata allo sviluppo del turismo, che gi conosciamo, ma che si esplicita in servizi vecchi e nuovi quali la prenotazione remota, internet, la multimedialit, le caffetterie, le ludoteche, la corporate hospitality e cos via. Ed infine un'economia pi ampia tutta giocata sulla straordinaria capacit che i beni culturali hanno, di trasformare l'immaginario di un luogo, di fungere da attrattori, di essere insomma la chiave interpretativa delle occasioni e delle qualit che un territorio somma.
La rendita di posizione sottovaluta tutto ci, fa s che il valore esplicito ed implicito dei nostri patrimoni sia sottodimensionato e concepito, come si diceva una volta, solo come "Belle Arti". Ma il problema pi ampio. I cali previsti nella finanziaria per gli Enti locali si abbatteranno pesantemente sul mondo dell'organizzazione culturale. E ci significa ancora una volta che si potr a malapena conservare e certo non investire per valorizzare. Se poi pensiamo che la crisi dell'apparato industriale limita ancor pi il privato nelle sue scelte di sponsorizzazine gi parziali per meccanismo fiscale ancora privo di incentivi, ci rendiamo conto dello stato e delle difficolt di questo grande settore produttivo.
Non si tratta per di avviare piccoli correttivi. Bisogna scegliere l'apertura di una nuova fase di sviluppo e di valorizzazione dei nostri patrimoni. Occorre cambiare mentalit. Il bene culturale uno straordinario grimaldello di economia, di relazioni, di conoscenza e di sviluppo. E tutto ci facendo, non si mette in crisi, non si deturpa il valore e la qualit del bene stesso. Da Venezia non abbiamo visto con piacere la chiusura dei Saloni di Roma e e Torino che come noi affrontavano le grandi tematiche dei beni culturali.
Il Salone di Venezia si sviluppato, cresciuto e si qualificato in questi ultimi anni, si pone come luogo di incontro tra pubblico e privato, come sede della discussione, come occasione che serva ad aiutare la nascita di una nuova concezione economica che saldi beni culturali, beni ambientali e beni eno-gastronomici. Organizzarlo non solo complesso, perennamente una sfida ad un modo dominante di vedere questo settore in maniera obsoleta e non innovativa. Lo sforzo di Veneziafiere e di tutti coloro che hanno collaborato, segna una volont che non pu pi essere testimonianza. ora e tempo che lo Stato, le grandi Istituzioni, le Associazioni degli imprenditori e lo stesso mondo degli intellettuali entrino in campo.



news

13-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news